Israele sta perdendo la guerra

Nonostante la violenza scatenata contro i palestinesi, Israele sta fallendo nel raggiungimento dei suoi obiettivi politici

di Tony Karon* e Daniel Levy**
The Nation, 08.12.23

* Tony Karon, è il responsabile editoriale di AJ+ di Al Jazeera, ex redattore senior della rivista Time e attivista del movimento di liberazione anti-apartheid nel suo paese natale, il Sudafrica.

** Daniel Levy è presidente dell’U.S./Middle East Project ed ex negoziatore israeliano con i palestinesi a Taba con il primo ministro Ehud Barak e a Oslo B con il primo ministro Yitzhak Rabin.

 

Può sembrare assurdo pensare che un gruppo di irregolari armati, che conta poche decine di migliaia di persone, assediato e con scarso accesso ad armamenti avanzati, possa competere con uno dei più potenti eserciti del mondo, sostenuto e armato dagli Stati Uniti. Eppure, un numero crescente di analisti strategici dell’establishment avverte che Israele potrebbe perdere questa guerra contro i palestinesi, nonostante la violenza cataclismatica che ha scatenato dopo l’attacco a Israele guidato da Hamas il 7 ottobre. E provocando l’assalto israeliano, Hamas potrebbe realizzare molti dei suoi obiettivi politici.

Sia Israele che Hamas sembrano riportare i termini della loro contesa politica non allo status quo precedente al 7 ottobre, ma a quello del 1948. Non è chiaro cosa succederà dopo, ma non si potrà tornare allo stato precedente delle cose.

L’attacco a sorpresa ha neutralizzato le installazioni militari israeliane, spalancando i cancelli della più grande prigione a cielo aperto del mondo e provocando una macabra furia in cui sono stati uccisi circa 1.200 israeliani, di cui almeno 845 civili.

La scioccante facilità con cui Hamas ha fatto breccia nelle linee israeliane intorno alla Striscia di Gaza ha ricordato a molti l’Offensiva del Tet del 1968. Non letteralmente: ci sono grandi differenze tra una guerra di spedizione degli Stati Uniti in una terra lontana e la guerra di Israele per difendere un’occupazione in casa, condotta da un esercito di cittadini motivati da un senso di pericolo esistenziale. L’utilità dell’analogia risiede invece nella logica politica che dà forma a un’offensiva insurrezionale.

Nel 1968, i rivoluzionari vietnamiti persero la battaglia e sacrificarono gran parte dell’infrastruttura politica e militare sotterranea che avevano pazientemente costruito per anni. Tuttavia, l’offensiva del Tet fu un momento chiave nella loro sconfitta degli Stati Uniti, anche se con un costo enorme in termini di vite umane vietnamite. Mettendo in scena simultaneamente attacchi drammatici e di alto profilo contro più di 100 obiettivi in tutto il Paese in un solo giorno, i guerriglieri vietnamiti, armati in modo leggero, hanno infranto l’illusione di successo che veniva propinata al pubblico americano dall’amministrazione Johnson. Il fatto ha segnalato agli americani che la guerra per la quale si chiedeva loro di sacrificare decine di migliaia di figli non poteva essere vinta.

La leadership vietnamita misurò l’impatto delle sue azioni militari in base ai loro effetti politici piuttosto che alle misure militari convenzionali come gli uomini e i materiali persi o il territorio guadagnato. Così il lamento di Henry Kissinger nel 1969: “Noi abbiamo combattuto una guerra militare, i nostri avversari una guerra politica. Noi cercavamo il logoramento fisico; i nostri avversari miravano al nostro esaurimento psicologico. Nel processo abbiamo perso di vista una delle massime cardinali della guerriglia: Il guerrigliero vince se non perde. L’esercito convenzionale perde se non vince“.

Secondo questa logica, Jon Alterman del Center for Strategic and International Studies di Washington, non propriamente un ‘critico’, ritiene che Israele corra un rischio considerevole di perdere contro Hamas:

Il concetto di vittoria militare di Hamas… si basa su risultati politici a lungo termine. Hamas vede la vittoria non in un anno o in cinque, ma nell’impegno di decenni di lotta che accrescono la solidarietà palestinese e aumentano l’isolamento di Israele. In questo scenario, Hamas raduna attorno a sé una popolazione assediata a Gaza con rabbia e contribuisce a far crollare il governo dell’Autorità Palestinese, facendo in modo che i palestinesi lo vedano ancora di più come un’appendice insipiente dell’autorità militare israeliana. Nel frattempo, gli Stati arabi si allontanano fortemente dalla normalizzazione, il Sud globale si allinea fortemente alla causa palestinese, l’Europa si ribella agli eccessi dell’esercito israeliano e scoppia un dibattito americano su Israele, distruggendo il sostegno bipartisan di cui Israele ha goduto fin dai primi anni Settanta.

Hamas, scrive Alterman, cerca “di usare la forza di gran lunga maggiore di Israele per sconfiggerlo“. La forza di Israele permette al Paese di uccidere civili palestinesi, distruggere le infrastrutture palestinesi e sfidare gli appelli globali alla moderazione. “Tutte queste cose fanno progredire gli obiettivi bellici di Hamas“.

Tali avvertimenti sono stati ignorati dall’amministrazione Biden e dai leader occidentali, il cui abbraccio incondizionato alla guerra di Israele è radicato nell’illusione che Israele fosse solo un’altra nazione occidentale che stava svolgendo pacificamente i propri affari prima di subire un ‘attacco non provocato’ il 7 ottobre: una fantasia confortante per coloro che preferiscono evitare di riconoscere una realtà che sono stati complici di creare.

Dimenticate i “fallimenti dell’intelligence”; il fallimento di Israele nell’anticipare il 7 ottobre è stato un fallimento politico nel comprendere le conseguenze di un sistema violento di oppressione che le principali organizzazioni internazionali e israeliane per i diritti umani hanno bollato come apartheid.

Vent’anni fa, l’ex presidente della Knesset Avrum Burg aveva avvertito dell’inevitabilità di un contraccolpo violento. “Si scopre che la lotta di 2000 anni per la sopravvivenza degli ebrei si riduce a uno Stato di insediamenti, gestito da una cricca amorale di corrotti trasgressori della legge che sono sordi sia ai loro cittadini che ai loro nemici. Uno Stato privo di giustizia non può sopravvivere“, ha scritto sull’International Herald Tribune.

Anche se gli arabi abbassassero la testa e ingoiassero per sempre la loro vergogna e la loro rabbia, non funzionerebbe. Una struttura costruita sull’insensibilità umana crollerà inevitabilmente su se stessa…. Israele, avendo smesso di preoccuparsi dei figli dei palestinesi, non dovrebbe essere sorpreso quando questi ultimi si riversano nell’odio e si fanno esplodere nei luoghi di evasione israeliani.

Burg aveva avvertito che Israele potrebbe uccidere 1.000 uomini di Hamas al giorno e non risolvere nulla, perché le stesse azioni violente di Israele sarebbero la fonte di un rimpolpamento dei loro ranghi. I suoi avvertimenti sono stati ignorati, anche se sono stati più volte confermati. Questa stessa logica si sta ora riproducendo con gli steroidi nella distruzione di Gaza. La violenza strutturale che Israele si aspettava che i palestinesi subissero in silenzio significava che la sicurezza israeliana è sempre stata illusoria.

Le settimane successive al 7 ottobre hanno affermato che non ci può essere un ritorno allo status quo ante. Questo era probabilmente l’obiettivo di Hamas nell’organizzare i suoi attacchi mortali. Anche prima di ciò, molti dirigenti israeliani chiedevano apertamente il completamento della Nakba, la pulizia etnica della Palestina; ora quelle voci sono state amplificate.

La pausa umanitaria concordata a fine novembre ha visto Hamas rilasciare alcuni ostaggi in cambio di palestinesi detenuti nelle carceri israeliane e un aumento delle forniture umanitarie in entrata a Gaza. Quando Israele ha ripreso il suo attacco militare e Hamas è tornato a lanciare razzi, è stato chiaro che Hamas non è stato sconfitto militarmente. Il massacro e la distruzione di massa che Israele ha perpetrato a Gaza suggeriscono l’intenzione di rendere il territorio inabitabile per i 2,2 milioni di palestinesi che vi abitano e di spingerne l’espulsione attraverso una catastrofe umanitaria provocata militarmente. In effetti, secondo le stime dell’IDF, finora ha eliminato meno del 15% delle forze combattenti di Hamas. Questo in una campagna che ha ucciso più di 21.000 palestinesi, soprattutto civili, di cui 8.600 bambini.

Il 7 ottobre e la politica palestinese

L’esercito israeliano quasi certamente estrometterà Hamas dal governo di Gaza. Ma analisti come Tareq Baconi, che ha studiato il movimento e il suo pensiero negli ultimi vent’anni, sostengono che il movimento ha cercato per molto tempo di liberarsi dalle catene del governo di un territorio isolato dal resto della Palestina, alle condizioni stabilite dalla potenza occupante.

Hamas ha da tempo mostrato il desiderio di uscire dal suo ruolo di governo di Gaza, dalle proteste di massa e disarmate della Marcia del Ritorno nel 2018, violentemente represse dal fuoco dei cecchini israeliani, agli sforzi contrastati da Stati Uniti e Israele per trasferire il governo di Gaza a un’Autorità Palestinese riformata, a tecnocrati concordati o a un governo eletto, mentre si concentrava sul riorientamento della politica palestinese sia a Gaza che in Cisgiordania sulla resistenza allo status quo dell’occupazione, piuttosto che sulla sua custodia. Se una conseguenza del suo attacco fosse la perdita della responsabilità di governare Gaza, Hamas potrebbe vederla come un vantaggio.

Hamas ha cercato di spingere Fatah su una strada simile, esortando il partito al potere in Cisgiordania a porre fine alla collaborazione dell’Autorità palestinese (AP) per la sicurezza con Israele e a confrontarsi più direttamente con l’occupazione. La perdita del controllo municipale di Gaza è quindi tutt’altro che una sconfitta decisiva per lo sforzo bellico di Hamas: Per un movimento dedicato alla liberazione delle terre palestinesi, governare Gaza aveva iniziato a sembrare un vicolo cieco, proprio come l’autogoverno permanente e limitato in isole disconnesse della Cisgiordania è stato per Fatah.

Secondo Baconi, Hamas si è probabilmente sentito costretto a fare una scommessa ad alto rischio per infrangere uno status quo che considerava una morte lenta per la Palestina. “Tutto ciò non significa che la svolta strategica di Hamas sarà considerata un successo nel lungo periodo“, ha scritto Baconi su Foreign Policy.

L’interruzione violenta dello status quo da parte di Hamas potrebbe aver fornito a Israele l’opportunità di compiere un’altra Nakba. Questo potrebbe portare a una conflagrazione regionale o infliggere ai palestinesi un colpo che potrebbe richiedere una generazione per riprendersi. Ciò che è certo, tuttavia, è che non si può tornare a ciò che esisteva prima.

La mossa di Hamas, quindi, potrebbe essere stata quella di sacrificare la gestione municipale di una Gaza assediata per consolidare il suo status di organizzazione di resistenza nazionale. Hamas non sta cercando di seppellire Fatah. I vari accordi di unità tra Hamas e Fatah, in particolare quelli guidati da prigionieri di entrambe le fazioni, dimostrano che Hamas cerca un fronte unito. L’ Autorità palestinese non è in grado di proteggere i palestinesi della Cisgiordania dalla crescente violenza degli insediamenti israeliani e dal controllo ormai radicato, né tanto meno di rispondere in modo significativo allo spargimento di sangue a Gaza. Sotto la copertura del sostegno occidentale a Gaza, Israele ha ucciso centinaia di palestinesi, ne ha arrestati migliaia e ha sfollato interi villaggi in Cisgiordania, intensificando al contempo gli attacchi dei coloni sponsorizzati dallo Stato. Così facendo, Israele ha ulteriormente minato Fatah tra la popolazione e l’ha spinta verso Hamas.

Per anni, i coloni protetti dall’IDF hanno attaccato i villaggi palestinesi con l’obiettivo di costringere i loro residenti ad andarsene e di stringere la morsa illegale di Israele sul territorio occupato, ma l’espansione di questo fenomeno dal 7 ottobre sta facendo venire i brividi anche ai complici statunitensi di Israele. La minaccia di Biden di vietare i visti ai coloni coinvolti in violenze contro i palestinesi della Cisgiordania è una mossa evasiva. Quei coloni sono tutt’altro che singoli attori disonesti; sono armati dallo Stato e aggressivamente protetti dall’IDF e dal sistema legale israeliano, perché stanno attuando una politica statale. Ma anche questa minaccia mal formulata di Biden chiarisce che Israele è in contrasto con la sua amministrazione.

Hamas ha una prospettiva pan-palestinese, non specifica di Gaza, e quindi intendeva che il 7 ottobre avesse effetti di trasformazione in tutta la Palestina. Durante l'”Intifada dell’Unità” del 2021, che ha cercato di collegare le lotte dei palestinesi in Cisgiordania e a Gaza con quelle all’interno di Israele, Hamas ha intrapreso azioni a sostegno di questo obiettivo. Ora, lo Stato israeliano sta accelerando questo collegamento con una campagna paranoica di repressione contro qualsiasi espressione di dissenso da parte dei suoi cittadini palestinesi. Centinaia di palestinesi in Cisgiordania sono stati arrestati, compresi attivisti e adolescenti che postavano su Facebook. Israele è fin troppo consapevole del potenziale di escalation in Cisgiordania. In questo senso, la risposta israeliana non ha fatto altro che avvicinare le popolazioni della Cisgiordania e di Gaza.

È chiaro che Israele non ha mai avuto intenzione di accettare uno Stato palestinese sovrano a ovest del fiume Giordano. Al contrario, Israele sta intensificando i piani di lunga data per assicurarsi il controllo del territorio. Questo e il crescente sconfinamento israeliano nella Moschea di Al Aqsa ci ricordano che Israele sta attivamente alimentando qualsiasi rivolta segua in Cisgiordania, a Gerusalemme Est e persino all’interno delle linee del ’67.

Ironia della sorte, poi, l’insistenza degli Stati Uniti affinché l’Autorità Palestinese assumesse il controllo di Gaza dopo la guerra di devastazione israeliana – e i loro tardivi e deboli avvertimenti sulla violenza dei coloni – rafforza l’idea che la Cisgiordania e Gaza siano un’unica entità. La politica israeliana, durata 17 anni, di dividere una Cisgiordania cedevole, gestita da un’Autorità palestinese cooptata, da una “Gaza gestita dai terroristi” è fallita.

Israele dopo il 7 ottobre

L’incursione guidata da Hamas ha bucato i miti dell’invincibilità israeliana e le aspettative di tranquillità dei suoi cittadini anche quando lo Stato soffoca la vita dei palestinesi. Solo poche settimane prima, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu si vantava del fatto che Israele avesse “gestito” con successo il conflitto al punto che la Palestina non figurava più nella sua mappa di un “nuovo Medio Oriente“. Con gli accordi di Abramo e altre alleanze, alcuni leader arabi stavano per abbracciare Israele. Gli Stati Uniti stavano promuovendo il piano, con i presidenti Donald Trump e Joe Biden entrambi concentrati sulla “normalizzazione” con i regimi arabi che erano disposti a abbandonare i palestinesi soggetti ad un’apartheid israeliana sempre più stretta. Il 7 ottobre ci ha ricordato brutalmente che questa situazione è insostenibile e che la resistenza dei palestinesi costituisce una forma di potere di veto sugli sforzi di altri per determinare il loro destino.

È troppo presto per misurare l’impatto del 7 ottobre sulla politica interna israeliana. Ha reso gli israeliani più falchi, ma allo stesso tempo più diffidenti nei confronti della loro leadership nazionale dopo il colossale fallimento dell’intelligence e della risposta. È stata necessaria una significativa mobilitazione di massa contro il governo da parte delle famiglie degli israeliani tenuti prigionieri a Gaza per ottenere una pausa nell’azione militare e garantire un accordo per il rilascio degli ostaggi. Un dissenso interno drammatico e di alto profilo sugli ostaggi e su ciò che Israele deve fare per assicurarsi la loro restituzione potrebbe aumentare la pressione per ulteriori accordi di liberazione e persino per un vero e proprio cessate il fuoco, nonostante la determinazione a continuare la guerra di gran parte della leadership politica e militare. L’opinione pubblica israeliana rimane confusa, arrabbiata e imprevedibile.

C’è poi l’impatto della guerra sull’economia israeliana, il cui modello di crescita si basa sull’attrazione di alti livelli di investimenti diretti esteri nel settore tecnologico e in altre industrie di esportazione. Le proteste sociali dello scorso anno e l’incertezza per il conflitto costituzionale erano già state citate come causa del calo del 68% degli investimenti diretti esteri (Ide) registrato durante l’estate. La guerra di Israele, per la quale sono stati mobilitati 360.000 riservisti, aggiunge un nuovo livello di shock. L’economista Adam Tooze ha scritto nel suo Substack:

La lobby tecnologica in Israele stima che un decimo della sua forza lavoro sia stata mobilitata. L’edilizia è paralizzata dalla quarantena della forza lavoro palestinese in Cisgiordania. Il consumo di servizi è crollato perché la gente sta lontana dai ristoranti e gli incontri pubblici sono limitati. I registri delle carte di credito indicano che i consumi privati in Israele sono diminuiti di quasi un terzo nei giorni successivi allo scoppio della guerra. La spesa per il tempo libero e l’intrattenimento è crollata del 70%. Il turismo, pilastro dell’economia israeliana, ha subito un brusco arresto. I voli sono stati cancellati e i cargo dirottati. In mare aperto, il governo israeliano ha ordinato alla Chevron di interrompere la produzione del giacimento di gas naturale Tamar, che costa a Israele 200 milioni di dollari al mese di mancati introiti.

Israele è un Paese ricco, con le risorse necessarie per superare parte di questa tempesta, ma con la sua ricchezza arriva anche la fragilità, e ha molto da perdere.

Gaza dopo il 7 ottobre

Le forze israeliane si sono riversate a Gaza con un piano di battaglia, ma senza un chiaro piano di guerra per Gaza dopo l’invasione. Alcuni capi militari israeliani mirano a mantenere un “controllo di sicurezza” come quello di cui godono in Cisgiordania. A Gaza, ciò la metterebbe di fronte a un’insurrezione meglio preparata e sostenuta dalla maggior parte della popolazione. Molti negli ambienti governativi israeliani sostengono la necessità di trasferire con la forza gran parte della popolazione civile di Gaza in Egitto, creando una crisi umanitaria che renda Gaza invivibile. Gli Stati Uniti hanno detto di aver escluso questa ipotesi, ma nessun giocatore intelligente scarterebbe la possibilità che gli israeliani cerchino il perdono piuttosto che il permesso per una pulizia etnica su larga scala, in linea con gli obiettivi demografici a lungo termine di Israele di ridurre la popolazione palestinese tra il fiume e il mare.

I funzionari statunitensi hanno ripreso in mano i libri di preghiere di un tempo, sperando di rimettere l’88enne Mahmoud Abbas, capo dell’AP, al comando di Gaza, con la promessa di un rinnovato perseguimento della chimerica “soluzione a due Stati“. Ma l’AP non ha credibilità nemmeno in Cisgiordania a causa della sua acquiescenza all’occupazione israeliana in continua espansione. Poi, c’è la realtà che impedire un’autentica sovranità palestinese in qualsiasi parte della Palestina storica è stato a lungo un punto di consenso nella leadership israeliana attraverso la maggior parte dello spettro politico sionista. I leader israeliani non hanno alcun bisogno di sottostare alle aspettative di un’amministrazione statunitense che potrebbe essere bocciata l’anno prossimo. E hanno la comprovata capacità di scodinzolare anche se Biden venisse rieletto. Gli Stati Uniti hanno scelto di fare da spalla alla macchina da guerra di Israele, la cui destinazione può non essere chiara, ma di certo non è uno Stato palestinese.

L’impatto globale del 7 ottobre

Israele e gli Stati Uniti possono essersi convinti che il mondo abbia “voltato pagina” rispetto alla situazione palestinese, ma le energie scatenate dagli eventi successivi al 7 ottobre suggeriscono che è vero il contrario. Gli appelli alla solidarietà con la Palestina sono riecheggiati nelle strade del mondo arabo, servendo in alcuni Paesi come linguaggio codificato di dissenso contro un autoritarismo decrepito. In tutto il Sud globale e nelle città dell’Occidente, la Palestina occupa ora un posto simbolico come avatar della ribellione contro l’ipocrisia occidentale e un ordine postcoloniale ingiusto. È dai tempi dell’invasione illegale dell’Iraq da parte degli Stati Uniti che così tanti milioni di persone in tutto il mondo scendono in piazza per protestare. Il lavoro organizzato ha mostrato i suoi muscoli internazionalisti per contestare le forniture di armi a Israele e ha ricordato a se stesso il suo potere di cambiare la storia, mentre meccanismi legali come il Tribunale penale internazionale, la Corte internazionale di giustizia e persino i tribunali statunitensi ed europei sono stati utilizzati per contestare le politiche governative che consentono i crimini di guerra di Israele.

Presi dal panico per le sue azioni a Gaza, Israele e i suoi sostenitori sono tornati ad accusare di “antisemitismo” coloro che vorrebbero mettere in discussione la brutalità di Israele, ma tutto, dalle marce di massa all’opposizione ebraica, fino ai sondaggi d’opinione sulla gestione della crisi da parte di Biden, indica che equiparare la solidarietà all’antisemitismo non solo è sbagliato nei fatti, ma non è convincente.

Diversi Paesi dell’America Latina e dell’Africa hanno simbolicamente tagliato i ponti, e il bombardamento deliberato di una popolazione civile e l’impedimento dell’accesso a ripari, cibo, acqua e cure mediche hanno lasciato sbigottiti anche molti degli alleati di Israele. L’ampiezza della violenza che l’Occidente è disposto a tollerare contro un popolo prigioniero a Gaza offre al Sud del mondo un chiaro promemoria dei conti in sospeso con l’Occidente imperiale. E quando il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro canadese Justin Trudeau implorano pubblicamente Israele di smettere di “bombardare i bambini“, Israele rischia di perdere anche parti dell’Occidente. Per i Paesi arabi e musulmani è diventato difficile, a breve termine, mantenere e tanto meno espandere i legami pubblici.

Il legame con la risposta di Israele al 7 ottobre ha anche fatto saltare in aria le fantasie degli Stati Uniti di reclamare l’egemonia nel Sud globale con la formula “noi siamo i buoni“. Il contrasto tra le sue risposte rispettivamente alla crisi russo-ucraina e a quella israelo-palestinese ha prodotto un consenso sull’ipocrisia al centro della politica estera degli Stati Uniti, producendo spettacoli straordinari come il rimprovero a Biden, faccia a faccia a un vertice dell’APEC, da parte del primo ministro malese Anwar Ibrahim per la sua incapacità di opporsi alle atrocità di Israele.

Ibrahim ha specificamente avvertito che la risposta di Biden a Gaza ha sollevato un grave deficit di fiducia con coloro che gli Stati Uniti sperano di corteggiare come alleati nella competizione con Russia e Cina. L’aver dimostrato agli alleati arabi che il loro patrono di Washington si schiera con Israele, anche quando bombarda i civili arabi, probabilmente rafforzerà la tendenza degli Stati del Sud globale a diversificare le loro agende geopolitiche.

La questione politica

Sconvolgendo uno status quo che i palestinesi ritengono intollerabile, Hamas ha riportato la politica all’ordine del giorno. Israele ha una notevole potenza militare, ma è politicamente debole. Gran parte dell’establishment statunitense che sostiene la guerra di Israele parte dal presupposto che la violenza emanata da una comunità oppressa possa essere debellata applicando una forza militare schiacciante contro quella comunità. Ma persino il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha espresso scetticismo su questa premessa, avvertendo che gli attacchi di Israele che uccidono migliaia di civili rischiano di spingerli “nelle braccia del nemico [e di sostituire] una vittoria tattica con una sconfitta strategica“.

I politici e i media occidentali amano fantasticare che Hamas sia un gruppo nichilista in stile ISIS che tiene in ostaggio la società palestinese; Hamas è, in realtà, un movimento politico multiforme radicato nel tessuto e nelle aspirazioni nazionali della società palestinese. Incarna la convinzione, tristemente affermata da decenni di esperienza palestinese, che la resistenza armata sia fondamentale per il progetto di liberazione della Palestina, a causa dei fallimenti del processo di Oslo e dell’ostilità intrattabile dell’avversario. La sua influenza e la sua popolarità sono cresciute quando Israele e i suoi alleati hanno continuato a ostacolare il processo di pace e altre strategie non violente per perseguire la liberazione della Palestina.

La campagna di Israele ridurrà la capacità militare di Hamas. Ma anche se dovesse uccidere i principali leader dell’organizzazione (come ha fatto in precedenza), la risposta di Israele al 7 ottobre sta affermando il messaggio di Hamas e la sua posizione tra i palestinesi della regione, e non solo. Le grandi proteste in Giordania con canti a favore di Hamas, ad esempio, non hanno precedenti. Non è necessario approvare o sostenere le azioni di Hamas del 7 ottobre per riconoscere il fascino duraturo di un movimento che sembra in grado di far pagare a Israele un qualche prezzo per la violenza che infligge ai palestinesi ogni giorno, ogni anno, generazione dopo generazione.

La storia suggerisce anche un modello in cui i rappresentanti di movimenti liquidati come “terroristi” dai loro avversari – in Sudafrica, ad esempio, o in Irlanda – appaiono comunque al tavolo dei negoziati quando arriva il momento di cercare soluzioni politiche. Sarebbe antistorico scommettere che Hamas, o almeno una qualche versione della corrente politico-ideologica che rappresenta, non faccia lo stesso se e quando una soluzione politica tra Israele e i palestinesi verrà rivista con serietà.

Ciò che accadrà dopo le orribili violenze è tutt’altro che chiaro, ma l’attacco di Hamas del 7 ottobre ha imposto un reset di una contesa politica a cui Israele non sembra disposto a rispondere oltre alla devastante forza militare contro i civili palestinesi. E allo stato attuale delle cose, dopo otto settimane di vendetta, non si può dire che Israele stia vincendo.

 

Traduzione da Contropiano.org