Come l’estrema destra israeliana sta architettando lo smantellamento dell’Autorità Palestinese

PUBBLICATO IL21/01/2023INVICTA PALESTINA

Dato l’interesse strategico di Israele per la sopravvivenza dell’Autorità Palestinese, essa è stata a lungo mantenuta in vita ma perennemente indebolita. Il governo di estrema destra israeliano potrebbe ora cercare di smantellarla del tutto.

Fonte: English version
Di Muhammad Shehada – 18 gennaio 2023

I palestinesi sono intrappolati tra due campi della corrente politica israeliana. Si vuole che l’Autorità Palestinese (AP) viva ma perennemente indebolita, paralizzata e depotenziata fino al collasso, ma senza mai permetterle di cessare di esistere. L’altro vuole fondamentalmente vederne la distruzione.

L’equilibrio di potere nell’attuale governo israeliano sembra pendere verso quest’ultimo campo, e gli esperti palestinesi e israeliani avvertono che potrebbe portare al disastro.

Dopo meno di due settimane dal suo insediamento, il governo di estrema destra israeliano ha approvato una serie di misure punitive contro l’Autorità Palestinese che hanno aggravato la sua già acuta crisi finanziaria.

La scorsa settimana, il Ministro delle Finanze israeliano, il famigerato teocrate suprematista, Bezalel Smotrich, ha firmato un decreto per confiscare quasi 40 milioni di dollari (37 milioni di euro) dal gettito fiscale che Israele riscuote per conto dell’Autorità Palestinese e reindirizzarlo alle famiglie israeliane delle “vittime del terrorismo”.La mossa presumibilmente è arrivata come rappresaglia a una Risoluzione delle Nazioni Unite che chiedeva un parere consultivo alla Corte Internazionale di Giustizia sulla legalità della prolungata occupazione israeliana.

Dal 2018, Israele ha già trattenuto ogni anno 180 milioni di dollari (166 milioni di euro) dalle entrate fiscali dell’Autorità Palestinese come punizione per aver erogato sussidi alle famiglie dei palestinesi uccisi o imprigionati da Israele. Il portavoce della presidenza dell’Autorità Palestinese, Nabil Abu Rudeineh, ha definito tali azioni “pirateria e furto di denaro del popolo palestinese”.

Quando è stato avvertito che le ultime misure potrebbero portare al collasso dell’Autorità Palestinese, Smotrich ha risposto di non avere “alcun interesse che l’Autorità Palestinese continui ad esistere”, etichettandola come “un nemico” e accusandola di “incoraggiare il terrorismo”. Ciò è stato seguito da una raffica di avvertimenti, anche da parte del Primo Ministro dell’Autorità Palestinese, Mohammad Shtayyeh, secondo cui l’Autorità Palestinese è più vicina che mai al collasso.

Gli ultimi avvertimenti sulla probabile scomparsa dell’Autorità Palestinese evocano un senso di già vissuto. È stato un tema quasi costante nell’ultimo decennio.

A novembre, il direttore dello Shin Bet israeliano ha messo in guardia il Primo Ministro eletto Benjamin Netanyahu sui pericoli del “crollo imminente dell’Autorità Palestinese”. Nel 2019, l’importante Istituto israeliano Reut ha emesso un avvertimento simile.

Tali avvertimenti risalgono al 2011, quando il Centro per il Progresso Americano (Center for American Progress) ha messo in guardia contro l’imminente smantellamento dell’Autorità Palestinese dopo che Israele e gli Stati Uniti hanno cercato di punirla per la sua candidatura all’adesione alle Nazioni Unite.

La ragione di questo ciclo ripetitivo di avvertimenti è che Israele ha sempre voluto che dell’Autorità Palestinese fosse viva ma indebolita in modo che non abbia l’energia o le risorse per difendere i diritti dei palestinesi e guidare la lotta palestinese.

Agenti di polizia palestinesi camminano davanti a un manifesto mentre vengono espletati i preparativi per l’inaugurazione del mausoleo appena finito sopra la tomba di Yasser Arafat nel terreno del quartier generale della Muqataa dell’Autorità Palestinese a Ramallah nel 2007. (Getty)

Sempre in bilico

“L’Autorità Palestinese doveva essere solo un’entità provvisoria nel periodo di transizione degli Accordi di Oslo per condurre i palestinesi a uno Stato indipendente libero dall’occupazione entro il 1999”, ha dichiarato Wasel Abu Yousef, membro del Comitato Esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina.

“Tuttavia, Israele ha prolungato l’esistenza dell’Autorità Palestinese come semplice fornitore di servizi ai palestinesi senza consentirle di guidare il progetto di liberazione. Quindi, Israele ha un interesse strategico a minare e indebolire l’Autorità Palestinese”.

L’ex Generale di Brigata israeliano Ephraim Sneh, che in precedenza è stato membro della Knesset (Parlamento), Ministro della Salute e dei Trasporti e Vice Ministro della Difesa, ritiene che persino Netanyahu non voglia che l’Autorità Palestinese smetta di esistere, ma che “non vuole che dell’Autorità Palestinese sia forte”, aggiungendo che “più l’Autorità Palestinese si rafforza, più ci si avvicina all’obiettivo nazionale di uno Stato”.

Sneh ha detto che “Netanyahu ha avuto 13 anni per smantellare l’Autorità Palestinese, ma non l’ha fatto”.

Secondo lui, l’Autorità Palestinese è di importanza strategica per la sicurezza di Israele e la sua scomparsa porterebbe a “più caos” in Cisgiordania. Pertanto, Netanyahu è desideroso di mantenere in vita l’Autorità Palestinese, indebolendola allo stesso tempo.

“Il Presidente dell’Autorità Palestinese è ideologicamente contro la violenza e il terrorismo, e ha pagato a caro prezzo la sua posizione al riguardo. Quindi l’affermazione di Smotrich che “l’Autorità Palestinese sostiene il terrorismo” non ha senso”, ha detto.

Un ex alto funzionario dell’Autorità Palestinese condivide una valutazione simile, sostenendo che Israele è desideroso di mantenere in vita l’Autorità Palestinese, ma debole e perennemente sull’orlo del collasso.

Parlando in condizione di anonimato, ha affermato che non solo Netanyahu, ma l’intero apparato politico israeliano, “non permetterebbe in nessun caso all’Autorità Palestinese di essere abbastanza forte da guidare il suo progetto di indipendenza e sovranità”.

Ha aggiunto che i succedutesi governi israeliani hanno avuto sia un “interesse strategico” nell’esistenza dell’Autorità Palestinese, che “serve politicamente Israele”, sia un interesse strategico nel “mantenerla debole”.

Ha spiegato che la semplice esistenza dell’Autorità Palestinese consente a Israele di deviare le critiche per la sua prolungata occupazione e il sistema di discriminazione contro i palestinesi. “C’è un valore politico nell’avere un’entità palestinese sotto occupazione. Dà a Israele, anche se in misura non molto persuasiva, un’argomentazione secondo cui non è uno Stato di Apartheid perché i palestinesi hanno un loro governo”.

Il sogno dell’estrema destra israeliana di smantellare l’Autorità Palestinese

La composizione del nuovo governo israeliano, tuttavia, cambia radicalmente questa equazione. Mentre Netanyahu vuole l’Autorità Palestinese debole ma viva, il suo Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir e il Ministro delle Finanze Smotrich “considerano l’Autorità Palestinese un nemico e vogliono distruggerla”, ha detto Sneh.

“Il loro intero concetto di relazioni israelo-palestinesi è direttamente proporzionale. Se qualcosa va bene per i palestinesi, è necessariamente un male per gli israeliani. Ecco perché vorrebbero distruggere l’Autorità Palestinese”.

Itamar Ben-Gvir, leader del Partito Otzma Yehudit (Potere Ebraico), e Bezalel Smotrich, leader del Partito Sionista Religioso, partecipano a una manifestazione con i sostenitori nella città di Sderot, nel Sud di Israele, il 26 ottobre 2022. (Getty)

Sneh ha aggiunto che Smotrich e Ben-Gvir “non hanno abbastanza immaginazione, ma sanno che è un male per i palestinesi, quindi stanno spingendo l’Autorità Palestinese al limite”.

L’ex alto funzionario dell’Autorità Palestinese concorda, dicendo: “questi due credono ideologicamente che un’entità palestinese, non importa quanto debole, sia inaccettabile. Vanno oltre il campo tradizionale che vuole l’Autorità Palestinese debole ma non trionfare su di essa. Vogliono la piena vittoria”.

Della stessa opinione è anche Jamal Zakout, ex Consigliere Capo del Primo Ministro dell’Autorità Palestinese:

“Smotrich, che ora è responsabile dell’economia palestinese, degli insediamenti israeliani e della cosiddetta ‘Amministrazione Civile’ nei Territori Occupati, è il fondatore dell’organizzazione estremista Regavim che si dedica alla promozione degli insediamenti e alla cancellazione della presenza palestinese in Cisgiordania”, ha detto.

“Lui e il kahanista Ben-Gvir, sostenitore del terrorismo, stanno ora guidando le politiche israeliane sul futuro della Palestina e dei palestinesi”.

Zakout ha affermato di ritenere che i due ministri di estrema destra lavoreranno per “sradicare la presenza palestinese in Cisgiordania rafforzando il controllo su di essa e annettendola a Israele”, confinando i palestinesi in “riserve” e lasciando loro “solo un’opzione, che li sta costringendo ad andarsene”.

Abu Yousef ha affermato che un’opzione politica israeliana alternativa per l’Autorità Palestinese è una forma di autogoverno municipale o tribale limitato nelle aree palestinesi, isolate l’una dall’altra.

Ripetuti avvertimenti da parte di funzionari israeliani sul “caos” e il “disastro” che potrebbero derivare dal crollo dell’Autorità Palestinese suonano vuoti per i ministri israeliani di estrema destra. Al contrario, Sneh crede che tale caos sia esattamente ciò che Smotrich e Ben-Gvir vogliono.

“Vogliono più violenza, vogliono una degenerazione, vogliono un inasprimento della violenza perché politicamente li serve”, ha spiegato Sneh. “Se non fosse stato per le rivolte scoppiate nel maggio 2021 a Gerusalemme, Gaza e dentro Israele, Ben Gvir oggi non avrebbe 14 mandati nella Knesset israeliana”.

Ciò che gli analisti stanno osservando attentamente è se l’equilibrio di potere penderà verso Netanyahu o i suoi alleati kahanisti. Sneh è pessimista, dicendo che Netanyahu è “ora nelle loro mani, e qualunque cosa chiedano, lo fa”.

I processi per corruzione in corso contro il Primo Ministro israeliano, uniti al fatto che la maggioranza degli israeliani è insoddisfatta della gestione da parte di Netanyahu degli accordi della coalizione e delle misure per indebolire il sistema giudiziario, gli rende difficile rischiare il crollo della sua coalizione estremista e perseguire un’altra tornata elettorale.

Questo lascia i palestinesi tra due alternative ugualmente sgradevoli; una Autorità Palestinese perennemente e sempre più indebolita, o smantellata.

Muhammad Shehada è uno scrittore e analista palestinese di Gaza e responsabile degli affari europei presso l’Osservatorio Euro-Mediterraneo per i Diritti Umani (Euro-Med Human Rights Monitor).

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

https://www.invictapalestina.org/archives/47952