L'occhio vigile di Israele, impero della sorveglianza

Le aziende informatiche israeliane sono in prima linea nel mercato in forte espansione del riconoscimento facciale, minacciando così le libertà fondamentali in Israele-Palestina e oltre.

Di Jonathan Hempel 3 maggio 2022

Negli ultimi mesi, le rivelazioni secondo le quali  dissidenti, difensori dei diritti umani, giornalisti e politici dell'opposizione in tutto il mondo sarebbero  stati rintracciati da Pegasus, uno spyware sviluppato dalla società israeliana di armi informatiche NSO Group, hanno generato una protesta globale nei media e nell'opinione pubblica. Ma Pegasus e i suoi simili sono solo una goccia in un mercato globale multimiliardario, in cui le aziende private competono per fornire ai governi repressivi gli strumenti per rintracciare e spiare illegalmente i propri cittadini.

Una delle forme di spyware più discusse in questi giorni è il riconoscimento facciale biometrico. Questa tecnologia ha già suscitato molte critiche e in alcuni paesi il suo utilizzo è stato del tutto bandito.

All’apparenza, la tecnologia di riconoscimento facciale può sembrare più innovativa e futuristica che pericolosa e dannosa, il che forse ha permesso a questa tecnologia e ad altri mezzi di sorveglianza biometrica di diventare una parte onnipresente della nostra vita quotidiana senza troppe opposizioni. Oggi è usato ovunque: negli aeroporti, nei nostri telefoni cellulari, nei supermercati e, naturalmente, dalle "forze di sicurezza". Stiamo anche assistendo a una massiccia incorporazione di queste tecnologie in ospedali, centri commerciali e altri spazi pubblici.

Tuttavia, sebbene questa tecnologia abbia effettivamente diversi potenziali vantaggi, solleva anche una gran quantità  di problemi e rischi riguardanti la privacy, la sicurezza, i diritti umani e l'oppressione di dissidenti politici e minoranze.

Quindi, come funziona? Il software scansiona archivi fotografici, comprese le immagini delle patenti di guida e le foto della polizia, e le confronta con filmati di telecamere di sicurezza, telecamere stradali e video da altre fonti. Questi sistemi software quindi mappano le caratteristiche facciali che consentono la corrispondenza e il riconoscimento. La caratteristica principale catturata da questi sistemi software è la geometria facciale: la distanza tra gli occhi, tra la fronte e il mento, ecc. Queste creano quella che viene chiamata "identificazione della firma", una formula matematica che può quindi essere paragonata agli archivi fotografici.

Il mercato del riconoscimento facciale sta crescendo in modo esponenziale. Secondo gli studi dell'anno scorso, il riconoscimento facciale dovrebbe crescere come industria da 3,8 miliardi di dollari nel 2020 a 8,5 miliardi di dollari entro il 2025. L'uso più significativo di questo settore è nella sorveglianza, fatto questo che sta generando preoccupazione tra il pubblico e le organizzazioni per i diritti umani in tutto il mondo, non ultimo il controllo di Israele sui palestinesi.

Occupazione 2.0

Una recente indagine del Washington Post ha rivelato che l'esercito israeliano sta utilizzando una tecnologia di riconoscimento facciale nella Cisgiordania occupata chiamata "Blue Wolf". Usando questo sistema, Israele sta costruendo un database della popolazione palestinese basato sulle foto scattate dai soldati per strada, ai posti di blocco e nelle case dei palestinesi; secondo il rapporto del Post, i soldati sono in competizione per scattare il maggior numero di foto di palestinesi per riempire il database.

Era già noto da tempo che Israele utilizzasse tecnologie di riconoscimento facciale nei territori occupati. Secondo un rapporto investigativo del 2019 della NBC, la società israeliana Oosto, che fino a poco tempo fa era conosciuta con il nome di Anyvision, avrebbe fornito all'esercito israeliano una tecnologia chiamata Google Ayosh (acronimo di "Giudea e Samaria" che è come il governo israeliano fa riferimento  alla Cisgiordania). Questa tecnologia si basa su telecamere sparse in tutta la Cisgiordania con lo scopo di identificare le persone attraverso tecnologie di riconoscimento facciale.

Telecamere di sorveglianza israeliane sulla Route 60 vicino a Nablus nella Cisgiordania occupata, 21 ottobre 2021. (Oren Ziv/Activestills.org)

È stato inoltre riferito che questo stesso sistema è stato utilizzato dalla polizia israeliana per identificare i palestinesi nelle strade di Gerusalemme Est. I rapporti hanno suscitato diffuse critiche internazionali nei confronti dell'azienda e hanno indotto Microsoft a disinvestire da essa.

Nonostante le critiche e le preoccupazioni etiche, tuttavia, la società ha ricevuto investimenti per 235 milioni di dollari nell'ultimo finanziamento.

Secondo il Database of Israel Military and Security Export (DIMSE), tra i molti paesi nel mondo che utilizzano la tecnologia di riconoscimento facciale di Anyvision/Oosto ci sono Hong Kong, Spagna, Messico, Russia, Giappone e Stati Uniti. Secondo l'organizzazione Who Profits, lo stock tecnologico dell'azienda ammonta attualmente a 100.000 telecamere distribuite in più di 40 paesi.

Nel 2020, Anyvision/Oosto ha fondato una società sussidiaria chiamata SightX, in collaborazione con la compagnia di armi israeliana Rafael. SightX è specializzato nello sviluppo e nella produzione di tecnologie per scopi militari e di sicurezza, come droni con tecnologie di riconoscimento facciale che possono essere utilizzati all'interno di città ed edifici. Avi Golan, CEO dell'azienda, ha dichiarato in un'intervista alla rivista Forbes che, sebbene l'azienda non abbia ancora droni con tecnologia di riconoscimento facciale, questi diventeranno presto realtà.

I droni sono già utilizzati dall'esercito israeliano nelle proteste in Israele, Cisgiordania e Gaza per scopi di sorveglianza e talvolta anche per lanciare granate lacrimogene su folle di manifestanti. È solo questione di tempo prima che questi droni siano dotati anche di tecnologie di riconoscimento facciale.

Anyvision/Oosto non è l'unico attore nel mercato delle tecnologie di riconoscimento facciale. Un'altra azienda israeliana di grande successo è la Corsight AI, che è in comproprietà con la società israeliana Cortica e la società canadese AWZ. E proprio come Anyvision/Oosto, Corsight è orgoglioso del fatto che i suoi lavoratori hanno acquisito la loro esperienza mentre lavoravano nell'intelligence israeliana e nelle forze di sicurezza.

DIMSE ha recentemente rivelato che tra i clienti di Corsight ci sono dipartimenti di polizia in Brasile e Messico, due paesi noti per i livelli estremi di brutalità della  loro polizia. Secondo DIMSE, la stessa Corsight ha affermato che la polizia israeliana è tra i suoi clienti, una dichiarazione che quest'ultima non ha mai confermato. In un'intervista ad AFP, Rob Watts, CEO dell'azienda, ha affermato che la società "ha una serie di contratti in Israele: contratti e agenzie governative".

Un drone in mostra all'ISDEF 2022, la più grande mostra israeliana di difesa, HLS e Cyber, a Tel Aviv, 21 marzo 2022. (Avshalom Sassoni/Flash90)

Non è chiaro se questa stessa tecnologia venga utilizzata o meno contro i cittadini israeliani, palestinesi ed ebrei allo stesso modo. Due petizioni presentate dall'Associazione per i diritti civili in Israele (ACRI), alla polizia israeliana e all'esercito israeliano, sono rimaste senza risposta. Tuttavia, un atto legislativo promosso l'anno scorso dalla polizia israeliana indica che, alla fine, essa intende impiegare questa tecnologia all'interno della Linea Verde.

La proposta di legge concederebbe alla polizia il permesso di utilizzare qualsiasi filmato ripreso dalle telecamere negli spazi pubblici senza la necessità di un ordine del tribunale, oltre a consentire l'istituzione di un sistema di telecamere di riconoscimento facciale in tutto il paese. Ciò consentirebbe alla polizia di identificare i volti dei civili e confrontarli con i database della polizia, un passo che danneggerebbe ulteriormente quei gruppi già vittime di trattamenti discriminatori da parte della polizia israeliana: etiopi, mizrahim e palestinesi.

Questa legge è così estrema che persino il National Cyber ​​Directorate israeliano, un ente governativo, si oppone, affermando che "la legge solleva preoccupazioni sulla fuga di dati raccolti dalle telecamere e potrebbe causare danni a civili innocenti, a causa della scarsa capacità  di identificazione delle telecamere." La stessa forza di polizia che utilizza software discutibili come lo spyware Pegasus della NSO per rintracciare i civili israeliani e palestinesi sta ora cercando di approvare una legge che le consentirebbe di utilizzare pienamente e "legalmente" le tecnologie biometriche negli spazi pubblici. Se scegliamo di credere a Corsight, questa è già realtà.

"La tecnologia non è neutrale"

La tecnologia di riconoscimento facciale offre numerosi vantaggi: la capacità di organizzare le immagini, proteggere computer o altri dispositivi elettronici e fungere da ausilio per i non vedenti. Può anche essere utilizzato per proteggere meglio gli sportelli automatici o prevenire frodi e intrusioni negli account online. E, naturalmente, la motivazione principale data dalla polizia: può essere utilizzata nella guerra al terrorismo e alla criminalità. Ma quali sono i pericoli dell'utilizzo di questa tecnologia?

Spesso, le tecnologie biometriche e di riconoscimento facciale vengono discusse nel contesto di violazioni della privacy. In un certo senso, questo è corretto: costituiscono una violazione dello stato del diritto alla privacy dell'individuo da parte di società private impegnate in questo settore e di altri agenti che potrebbero entrare e rubare database biometrici.

Ma il problema più importante con queste tecnologie è la loro capacità di cementare e rafforzare le relazioni di potere esistenti.

La tecnologia non è neutrale; è un prodotto della società, composto da algoritmi creati da esseri umani. Molti studi hanno dimostrato, ad esempio, che mentre le firme biometriche funzionano relativamente bene nell'identificazione degli uomini bianchi, sono pessime nell'identificare gli uomini non bianchi e sono terribili nell'identificare le donne non bianche.

In tutto il mondo, persone sono state ingiustamente arrestate e accusate di errori in un  riconoscimento facciale.

Uno di questi casi è quello di Nijeer Parks del New Jersey, che è stato ingiustamente arrestato per aver rubato una barretta di cioccolato e aver tentato di investire un agente di polizia. Ha trascorso 10 giorni in prigione e ha pagato $ 5.000 per un crimine che non ha commesso, a causa di un errore in una tecnologia che si era già rivelata imprecisa e che regolarmente sbaglia nel riconoscere i neri. L'anno scorso, Parks ha citato in giudizio la polizia e il procuratore generale per falso arresto e violazione dei suoi diritti.

Un soldato israeliano scatta una foto dei manifestanti durante una visita di solidarietà di attivisti israeliani e internazionali di sinistra a South Hebron Hills, West Bank, 2 ottobre 2021. (Keren Manor/Activestills.org)

La tecnologia di riconoscimento facciale è razzista non solo per queste carenze, ma anche per il modo in cui viene utilizzata. Negli Stati Uniti, ad esempio, la tecnologia è stata utilizzata per localizzare le famiglie di immigrati; in Cina, una tecnologia di riconoscimento facciale è stata sviluppata per identificare i volti dei musulmani uiguri e viene utilizzata oggi dalle autorità statali cinesi per rintracciare e opprimere questo gruppo di minoranze etniche nel contesto di un genocidio in corso.

Le tecnologie di riconoscimento facciale consentono alle forze di sicurezza di archiviare foto di civili, negando contemporaneamente quasi totalmente a questi civili il diritto di evitare di essere fotografati. Le tecnologie utilizzate dall'intelligence e dalle forze di polizia non sono esposte al pubblico e gli algoritmi utilizzati per far funzionare queste tecnologie sono nascosti ai ricercatori. Sarebbe come condannare qualcuno sulla base del campionamento del DNA, senza che nessuno, tranne l'azienda che effettua il campionamento, abbia accesso ai metodi con cui è stato condotto, o anche alle informazioni relative al sequenziamento del DNA che viene testato.

Inoltre, le tecnologie di riconoscimento facciale aumentano il potere dello stato di identificare i movimenti sociali e politici, nonché i membri di quei gruppi. Se le autorità hanno il permesso di scansionare le manifestazioni e quindi identificare tutti coloro che vi hanno partecipato, ciò avrà l'effetto di dissuadere le persone dal manifestare o dal partecipare a qualsiasi forma di opposizione al regime, specialmente nei regimi oppressivi.

Movimenti sociali di massa come le manifestazioni in piazza Tahrir al Cairo che hanno posto fine al regime di Mubarak nel 2011

, le manifestazioni delle donne contro la criminalizzazione dell'aborto in Polonia negli ultimi anni, o le manifestazioni contro lo sfratto delle famiglie palestinesi dalle loro case a Sheikh Jarrah, Gerusalemme Est, si basano tutte  sulla consapevolezza che, a parte pochi capi, le masse possono parteciparvi con un relativo anonimato. La tecnologia di riconoscimento facciale elimina questo anonimato.

Nel marzo 2022, ad esempio, i soldati israeliani che operano nella regione di South Hebron Hills in Cisgiordania hanno fotografato attivisti internazionali per i diritti umani con una fotocamera digitale ricevuta dall'esercito per fotografare i palestinesi. Un video dell'incidente ritrae i soldati che discutono del sistema "Blue Wolf" e dicono: "Il comandante della brigata mi ha detto che è molto importante scattare foto dei loro volti, così non li fanno entrare in aeroporto la prossima volta".

Sfruttare una crisi sanitaria globale

Quando è scoppiata la pandemia di COVID-19, le compagnie di armi e cyber, così come il Mossad e l'esercito israeliano, sono state inserite negli spazi civici e nelle istituzioni mediche in Israele.

Anyvision/Oosto, ad esempio, ha posizionato telecamere per la temperatura corporea negli ospedali di tutto il paese e in seguito anche telecamere per il riconoscimento facciale, che sono state utilizzate per identificare le persone che si rifiutavano di indossare le maschere.

All'ospedale Sheba nella città di Ramat Gan, questo sistema era collegato a 600 telecamere posizionate nel complesso ospedaliero e un allarme scattava ogni volta che il sistema riconosceva una persona senza maschera; non è noto se il personale ospedaliero, i pazienti o i visitatori fossero a conoscenza dell'uso di questa tecnologia.

L'ospedale Ichilov di Tel Aviv utilizzava un sistema simile sviluppato da Israel Aerospace Industries (IAI) anche prima dell'epidemia di COVID-19, per sorvegliare i pazienti nelle loro stanze al fine di ridurre le visite di infermieri e medici. Le richieste di libertà d'informazione presentate al Ministero della Salute, allo IAI e all'ospedale restano senza risposta.

La Corsight ha anche approfittato della pandemia per promuovere le sue tecnologie di riconoscimento facciale. Poco dopo l'epidemia, l'azienda si vantava di aver sviluppato una nuova tecnologia che consentiva il riconoscimento facciale anche delle persone che indossavano maschere. Nello stesso mese, la società ha ricevuto investimenti per un totale di 5 milioni di dollari.

E così, le aziende che producono tecnologie di riconoscimento facciale hanno sfruttato una crisi sanitaria globale per promuovere i propri prodotti e per consentire allo stato di rintracciare e spiare i suoi cittadini e i loro movimenti.

Apparentemente, questa è una risposta temporanea a un'emergenza sanitaria pubblica acuta. Ma non c'è nulla che suggerisca che la nuova tecnologia non sia qui per restare.

Attivisti per i diritti umani manifestano all'ingresso della mostra ISDEF di armi e attrezzature di sicurezza a Tel Aviv, 22 marzo 2022. (Oren Ziv/Activestills)

Come abbiamo visto attraverso la sorveglianza dei cittadini israeliani e palestinesi da parte dello Shin Bet, nonché attraverso la militarizzazione degli spazi pubblici guidata dalla polizia israeliana durante la crisi del COVID-19, siamo di fronte al pericolo reale che i sistemi di sorveglianza vengano utilizzati con il pretesto della salute pubblica. Questo pericolo diventa maggiore quando tali azioni si svolgono in paesi che violano i diritti umani, come Israele, dove il discorso sulla sorveglianza durante il COVID-19 si svolge sotto una falsa dicotomia tra "sicurezza" da un lato e "libertà" dall'altro.

Una delle maggiori preoccupazioni per gli attivisti per i diritti umani è la normalizzazione di tali tecnologie: una volta che una politica repressiva (restrizioni e sorveglianza) viene attuata sul campo durante una crisi, c'è il pericolo che lo stato continui ad applicarla anche dopo che la crisi sarà terminata.

Siamo in un momento critico. Tra l'aumento dell'uso delle tecnologie di riconoscimento facciale e l'accelerazione del suo sviluppo durante la pandemia, le indagini giornalistiche stanno scoprendo sempre più modi in cui queste società informatiche israeliane stanno violando la privacy e i diritti umani in tutto il mondo, così come qui in Israele-Palestina .

L'industria della sorveglianza israeliana non è controllata e si sta espandendo a un ritmo che sembra inarrestabile. Forse i cittadini israeliani sono già stati identificati dalla polizia mentre si recano a manifestazioni e raduni politici – e sappiamo che questo è già il caso a Gaza e in Cisgiordania. Presto, questa identificazione avverrà anche tramite droni che volano sopra di noi durante le dimostrazioni e telecamere indossate dagli agenti di polizia.

Questa non è solo un'invasione della privacy, è una vera minaccia ai nostri diritti più elementari. Il momento di uscire e protestare contro questo settore è ora, prima che diventi troppo pericoloso protestare.

Jonathan Hempel è un ricercatore e attivista per i diritti umani. È il co-fondatore del Database of Israel Military & Security Export (DIMSE).

https://www.972mag.com/israel-surveillance-facial-recognition/

Traduzione a cura di Associazione di Amicizia Italo-Palestinese