UNA MOZIONE SWIFT E L’OCCUPAZIONE È FINITA

https://www.labottegadelbarbieri.org/lelefante-nella-stanza/

– Gideon Levy 7.3.22 Haaretz

Immaginate che Israele stia invadendo di nuovo la Striscia di Gaza. Le solite uccisioni, distruzioni e rovine. Decine di migliaia di civili fuggono per salvarsi la vita dopo aver perso il poco che avevano. Edifici crollati come castelli di carte, e Israele continua come al solito: i piloti bombardano, i carri armati avanzano, i media e la popolazione in Israele esultano. Improvvisamente la comunità internazionale prende una decisione: se Israele non si ritira immediatamente andrà incontro a sanzioni. Se la Striscia di Gaza non diventa immediatamente una zona interdetta al volo e ai bombardamenti, tutti i voli da e per Israele verranno cancellati. Israele cerca di cavarsela come al solito, citando gli argomenti dell’autodifesa, del terrorismo e dell’Olocausto, e il mondo tira fuori la nuova arma apocalittica: esclude Israele dal sistema di comunicazione e trasferimento bancario internazionale. Israele è fuori da SWIFT. Ciò che è giusto e doveroso per l’invasore dell’Ucraina è giusto e doveroso per l’invasore della Striscia di Gaza.

Senza SWIFT, Israele imploderebbe immediatamente.

gaza city maggio 2021

Forse il tirannico gigante russo potrebbe sopportarlo per un po’, ma non Israele. In pochi giorni, i capitani dell’economia sarebbero andati dai capi del governo e dell’esercito e avrebbero detto loro: Fermatevi subito. Non possiamo sopportarlo. Proprio come gli uomini d’affari del Sud Africa all’epoca dell’apartheid sono andati dal governo bianco e hanno detto: Fermatevi. L’unica domanda che rimane è per quanto tempo ancora le Forze di Difesa Israeliane continueranno a distruggere la Striscia di Gaza. Un giorno? Due? Una settimana? L’IDF si sarebbe ritirato, l’assedio sarebbe stato revocato, Gaza si sarebbe aperta, per la prima volta dopo anni. Tutto in un unica mozione SWIFT.

Fino a due settimane fa uno scenario del genere sarebbe stato considerato inimmaginabile. Ma forse sta prendendo forma un nuovo ordine mondiale: Ad ogni brutale assalto agli indifesi e a qualsiasi atto di conquista, la comunità internazionale risponderà con misure politiche ed economiche punitive. I carri armati non sono necessari per muoversi in Stati intransigenti come Israele. 

Un aeroporto internazionale Ben-Gurion chiuso e bancomat vuoti faranno il lavoro, certamente qui, in questo Stato fragile e autoindulgente. Gli israeliani non accetteranno di pagare un prezzo personale permanente per le campagne di distruzione a Gaza, in Libano, in Siria o nella Cisgiordania occupata.

Non c’è dubbio se Israele resisterà o meno, non lo farebbe. L’indifferenza degli israeliani per ciò che il loro Paese e il loro esercito stanno perpetrando sarà immediatamente sostituita da preoccupazioni e paure per le loro tasche. Anche i più grandi patrioti, i guerrafondai più inveterati e devoti ai militari, ci ripenseranno. La domanda è se la comunità internazionale lo sosterrà.

Una cosa è punire la Russia, ma Israele? Il pupillo dell’Occidente? Chi oserebbe? Le parole “Israele” e “sanzioni” non sono mai state accoppiate prima. Finora nessuno ha mai pensato di punire veramente Israele per la sua continua e arrogante sfida alle risoluzioni degli organismi internazionali. Forse è successo qualcosa di importante in Ucraina. Forse dopo la Russia non sarà più possibile perdonare tutto a Israele. Forse il mondo si sta svegliando.

In un Paese in cui anche la guerra in Ucraina è considerata un’opportunità commerciale e sionista, si vedano le dichiarazioni del Ministro dell’Interno Ayelet Shaked sull’opportunità di vendere più armi al mondo e quelle del membro della Knesset Zvi Hauser, che vuole portare più ucraini ebrei possibili in Israele a causa della guerra: le persone potrebbero svegliarsi in una realtà opposta.

La guerra in Ucraina offre al mondo l’opportunità di non rimanere in silenzio. Né nei confronti della Russia né nei confronti di Israele.

Gli israeliani saranno disposti a pagare di tasca propria per Evyatar, un luogo ripugnante intriso del sangue dei combattenti per la libertà, un luogo che la maggior parte degli israeliani non ha e non vedrà mai? Continueranno ad applaudire l’aviazione dopo ogni bombardamento se sanno che ogni crimine sarà seguito da una punizione? Nella nuova e sconosciuta realtà globale, tutto è possibile. È possibile che quando i cannoni tacciono, le cose tornino alla normalità, con Israele che fa quello che vuole e ignora il mondo che lo arma, lo abbraccia e lo finanzia. Ma forse non lo faranno. A Washington, dove si sta scrivendo questa mozione, si sentono già nuove voci. Potrebbero diventare più forti quando la guerra finirà e il mondo finalmente avrà voce in capitolo e inizierà ad agire non solo contro la piccola Russia, ma contro ciò che le è più caro di tutti, al quale tutto è permesso.

Una mozione SWIFT, e l’occupazione è finita.

Tradotto da Beniamino Benjio Rocchetto –  da qui