I lavoratori palestinesi e la loro sofferenza ai valichi israeliani

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-i_lavoratori_palestinesi_e_la_loro_sofferenza_ai_valichi_israeliani/8_42258/

Reportage di Sputnik in lingua araba sulla vera e propria odissea che ogni giorno i lavoratori palestinesi devono affrontare per andare a lavorare nei territori occupati da Israele

La Redazione de l'AntiDiplomatico 10 Luglio 2021

Prima dell'alba inizia la sofferenza di migliaia di lavoratori palestinesi e il loro viaggio con paura e ansia alla ricerca di una vita dignitosa.

142.000 palestinesi lavorano in Israele, e molti di loro soffrono a causa del rifiuto della concessione per i permessi di ingresso. Il soldato o l'ufficiale israeliano al valico possono dirgli che c'è un problema con il suo permesso e deve andare al cosiddetto “amministrazione civile” per tornare indietro e passare giorni a cercare di capire il problema.

Mahmoud Qafaf, un lavoratore palestinese che cerca di attraversare il valico di Al-Taybeh, a ovest di Tulkarm, afferma che l'orario di apertura del valico è già di per sé un problema.

Il lavoro in Israele si svolge attraverso diverse procedure. La ricerca di un datore di lavoro è la cosa più difficile per ottenere i permessi e poi entrare negli attraversamenti, che avvengono a tappe, curve, ostacoli “di ferro”, corridoi stretti che non possono accogliere il loro enorme numero, filo spinato su entrambi i lati del corridoio con una lunghezza di diversi metri, e muri di cemento che terminano con quello che gli operai chiamano “Al Ma'ata”, che è un dispositivo di avvolgimento circolare che costringe il lavoratore a passare dopo l'esame iniziale delle sue carte.

Successivamente l'operaio passa alla sala d'ispezione e dopo aver superato l'esame iniziale, c'è il riconoscimento delll'impronta digitale della mano e dell'occhio, poi l'ispezione fisica utilizzando una macchina speciale che fa sentire l'operaio come se fosse in banchina. Solo alla fine di questa vera e propria odissea sarà consentito entrare o tornare indietro.

Najeh Abu al-Wafa, un operaio edile palestinese, racconta che nonostante il cambiamento ai valichi israeliani, è ancora un grosso ostacolo al movimento di migliaia di lavoratori.

I salari percepiti dai lavoratori palestinesi all'interno di Israele sono alti rispetto al lavoro in Cisgiordania, ma le condizioni di lavoro in Israele sono le più difficili.

Dopo aver superato il valico, l'addetto israeliano può rimandarlo indietro con il pretesto che è arrivato in ritardo, ed i diritti che ottengono sono molto inferiori a quelli concessi ai lavoratori israeliani, sia in termini di salario che di ferie.

Ahmed Moqbel, in attesa che passi il suo turno al valico di Taybeh, a ovest di Tulkarm, dichiara che più della metà dei lavoratori sono palestinesi nelle fabbriche israeliane, e sono soggetti a sfruttamento sul posto di lavoro, oltre che a discriminazioni e anche su vacanze, ma con rassegnazione dice: "dobbiamo andare al lavoro, e sopportiamo tutto questo e ci sacrifichiamo per il bene dei nostri figli."

Migliaia di lavoratori palestinesi che entrano per lavorare in Israele senza permesso soffrono doppiamente, poiché sono costretti a vivere con terrore e paura tutto il tempo.

Oltre al fatto che il loro viaggio al lavoro è molto arduo e rischioso, i soldati israeliani possono sparargli non appena tentano di saltare il muro di separazione. Inoltre,  possono essere arrestati, picchiati duramente, imprigionati e pagare multe salate, e nella migliore delle ipotesi possono firmare impegni a non entrare in Israele, pena la reclusione, per lungo tempo e pesanti sanzioni pecuniarie.

Questa è Israele, dove sono i promotori dei diritti umani?