Palestina al voto: così una gerontocrazia al potere distrugge la speranza di cambiamento

https://www.globalist.it/world/2021/03/18/palestina-al-voto-cosi-una-gerontocrazia-al-potere-distrugge-la-speranza-di-cambiamento-2076605.html

Il movimento che fu di Yasser Arafat, dilaniato da faide interne. Candidati manovrati da sponsor esterni, I giovani che si ribellano a un notabilato che nega loro ogni speranza di cambiamento.

Elezioni in Palestina

Umberto De Giovannangeli 18 marzo 2021

admpumiddle

Palestina, la gerontocrazia al potere. E un movimento, quello che fu di Yasser Arafat, dilaniato da faide interne. Candidati manovrati da sponsor esterni, I giovani che si ribellano a un notabilato che nega loro ogni speranza di cambiamento. E tutto questo sotto un regime di occupazione, imposto da Israele, che si fa sempre più asfissiante.

Viaggio nella Palestina che sogna un ricambio

In questa nostra tappa nel “viaggio” dentro la Palestina al voto, la nostra preziosa guida è Bishara A. Bahbah. Il professor Bahbah  ha insegnato all'Università di Harvard, dove è stato associato al Middle East Institute, è stato membro della delegazione palestinese ai colloqui di pace multilaterali sul controllo delle armi e la sicurezza regionale, ed è  fondatore del Palestine Center di Washington, D.C. È stato ex  caporedattore del giornale Al-Fajr di Gerusalemme.

outstream

“Mahmoud Abbas – annota il professor Bahbah in una dettagliata analisi per Haaretz - ha aspettato più di un decennio per indire le elezioni per il Consiglio Legislativo dell'Autorità Palestinese, la presidenza e il Consiglio Nazionale dell'Olp. Ironia della sorte, queste elezioni programmate rischiano di ritorcersi contro e di causare un danno irreparabile alla democrazia palestinese.

Questo non perché le elezioni e la democrazia siano un male per i palestinesi. Ma la tempistica è terribile: le elezioni potrebbero mettere a repentaglio il ripristino dei legami post-Trump con gli Stati Uniti, potrebbero gettare il processo di pace in un congelamento ancora più profondo e potrebbero portare alla disintegrazione di Fatah.

  Inoltre, le elezioni sono programmate per essere tenute nel mezzo di una pandemia che Abbas sta gestendo male: non riuscendo a garantire i vaccini con i suoi sforzi per i palestinesi, e non riuscendo a far valere con sufficiente forza che Israele, secondo le convenzioni di Ginevra, le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e i codici dei diritti umani, è responsabile di garantire il vaccino per i palestinesi che vivono ancora sotto l'occupazione di Israele. Se, vicino al giorno delle elezioni, Abbas sente che potrebbe perdere il suo controllo tripartito di Fatah, l'Autorità Palestinese e l'Olp, potrebbe annullare il suo recente impegno alle elezioni per mantenere il potere senza un mandato. In effetti, fin dalla sua elezione alla presidenza dell'Autorità Palestinese nel 2005, sono state le azioni di Mahmoud Abbas a danneggiare maggiormente la democrazia palestinese. Anche se il mandato presidenziale di Abbas è terminato il 9 gennaio 2009, è stato successivamente esteso a tempo indeterminato da un comitato centrale di Fatah compiacente. Abbas ha trasformato l'AP in una dittatura. Ha scavalcato il Consiglio legislativo palestinese, sospeso poco dopo la sconfitta di Fatah a Gaza nel 2007, e ha iniziato a governare per decreto presidenziale. Si è rifiutato di indire nuove elezioni da allora fino a due mesi fa. In quel periodo, Abbas ha emarginato l'Olp, il più alto organo politico per i palestinesi di tutto il mondo, e ha indebolito le sue istituzioni politiche e militari. Ha prosciugato le sue fonti di finanziamento indipendenti per sostenere l'AP, l'organo politico per i palestinesi in Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est, nato dagli ormai defunti accordi di Oslo. L'attuale intenzione di Abbas di candidarsi di nuovo alla presidenza dell'AP alla veneranda età di 85 anni sta causando convulsioni all'interno di Fatah e portando alla sua scissione in tre fazioni più una fazione indipendente. Questo potrebbe segnare la fine del dominio di Fatah tra le istituzioni politiche palestinesi come le conosciamo oggi. Il debilitante scisma tra Hamas e Fatah dal 2006-2007 ha diviso fisicamente, politicamente, finanziariamente e diplomaticamente Gaza e la Cisgiordania. Di conseguenza, l'establishment politico israeliano sempre più a destra, sotto la guida di Benjamin Netanyahu, ha trovato pretesti per ritardare l'attuazione degli accordi di Oslo del 1993, sostenendo che non c'era una leadership palestinese con cui negoziare.

Le fazioni si moltiplicano

 La prima fazione - annota ancora lo studioso palestinese - è guidata dallo stesso Abbas e da quattro aspiranti successori - il segretario generale di Fatah, Jibril Rajoub; Majed Faraj, capo delle forze di sicurezza dell'AP e principale responsabile della sicurezza di Israele; Hussein al-Sheikh, ministro incaricato del coordinamento degli affari civili con Israele; e Shtayyeh, una lontana speranza di succedere ad Abbas come presidente dell'AP.

La sfida più seria viene da Marwan Barghouti e Nasser al-Kidwa. La paura di Abbas per Marwan Barghouti ha portato il suo stretto confidente Hussein al-Sheikh a far visita Barghouti in prigione per offrirgli di guidare la lista di Fatah insieme a 10 dei suoi candidati. Barghouti ha rifiutato l'offerta.

ad_dyn<

  Nasser al-Kidwa, nipote di Yasser Arafat, ex ministro degli Esteri palestinese, rappresentante di lunga data dell'Olp all'Onu e membro del Comitato Centrale di Fatah, ha poi dichiarato (con un certo coraggio) che stava formando una lista di Fatah a sostegno di Marwan Barghouti. Poco dopo, il Comitato Centrale lo ha espulso. Barghouti, secondo gli ultimi sondaggi, ha le migliori possibilità di battere Abbas o il candidato di Hamas, presumibilmente Ismail Haniyeh, per diventare presidente dell'AP. Il fatto che si trovi in un carcere israeliano condannato a più ergastoli non gli impedirebbe di essere al voto. Una vittoria potrebbe anche raccogliere una pressione internazionale sufficiente per farlo rilasciare.  

 La terza fazione è guidata da Mohammed Dahlan, nemesi di Abbas ed ex alto funzionario di Fatah che ora vive in esilio autoimposto negli Emirati Arabi Uniti, è stato squalificato dalla candidatura alla presidenza dell'AP con la scusa inventata di essere stato condannato da un tribunale palestinese in un caso ampiamente ritenuto inventato da Abbas. Tuttavia, Dahlan ha in programma di mettere in campo una lista denominata  ‘Movimento di riforma democratica’, che probabilmente sarà pesantemente sostenuta dai suoi compagni di Gaza - civili, ex funzionari della sicurezza, e molti abitanti dei campi profughi in tutta Gaza e la Cisgiordania.   Dahlan è stato ‘condannato’ con l'accusa di corruzione e appropriazione indebita di fondi, poi espulso da Fatah, con zero prove. Qualsiasi fondo Dahlan abbia ora accumulato è grazie al suo lavoro per Mohammed bin Zayed degli Emirati Arabi. I figli di Abbas, invece, hanno accumulato più di 1 miliardo di dollari in beni, depositati in banche e investimenti in tutto il mondo. La fonte di questi fondi non erano altro che società palestinesi che beneficiano di servizi forniti ai palestinesi. Chi avrebbe dovuto essere condannato per appropriazione indebita - Dahlan o Abbas, grazie al suo nepotismo? In un incontro di zoom ospitato dalla Birzeit University, Nasser al-Kidwa ha dichiarato Dahlan persona non grata nella sua lista congiunta con Marwan Barghouti: Dahlan ha aiutato a facilitare la normalizzazione delle relazioni tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti, a suo parere, un atto squalificante. Da astuto diplomatico, al-Kidwa dovrebbe saperlo bene: se non fosse stato per l'intervento degli Emirati Arabi, Netanyahu avrebbe già annesso il 30% della Cisgiordania.   Dahlan vanta un sostanziale sostegno geopolitico dagli Emirati Arabi Uniti, dall'Egitto e dall'Arabia Saudita, e un sostanziale sostegno finanziario dagli Emirati Arabi Uniti e dall'Arabia Saudita. Rifiutare Dahlan è un errore strategico per la lista Al-Kidwa-Barghouti: un'alleanza tripartita avrebbe facilmente ottenuto un ampio sostegno all'interno di Fatah e Hamas, mentre godeva di un cruciale sostegno geopolitico e finanziario regionale  Infine, la lista dell'ex primo ministro Salam Fayyad attirerà presumibilmente gli indipendenti, specialmente i tecnocrati e alcuni uomini d'affari palestinesi. Tuttavia, sarà senza dubbio la scheggia più debole delle liste legate a Fatah.

  È abbondantemente chiaro che il conflitto israelo-palestinese non è in cima alle priorità della politica estera di Biden. Ma gli Stati Uniti sono così coinvolti nel conflitto, nel futuro politico palestinese e nelle ripercussioni sulla sicurezza della regione che disconnettersi non è un lusso che l'amministrazione può permettersi. Ma è probabile che le elezioni sollevino questioni serie. Una dozzina di mine legislative, dal sanzionare Hamas al Taylor Force Act, già minacciano le intenzioni dichiarate del presidente americano Joe Biden di ripristinare i legami con l'Autorità Palestinese, riaprire l'ufficio di Washington della delegazione dell'Olp, riprendere gli aiuti urgentemente necessari e rinnovare gli sforzi statunitensi per la pacificazione. Molte di queste decisioni del Congresso, che spettano a Biden, saranno di nuovo problematiche sulla scia delle elezioni palestinesi. Ma se le elezioni palestinesi si terranno come previsto, la lista di Hamas per il potrebbe vincere il secondo più grande blocco di seggi del Consiglio Legislativo. Se Hamas è incluso in qualsiasi ramo del nuovo governo palestinese, le norme statunitensi che designano Hamas come un'organizzazione "terroristica" potrebbero forzare il taglio di alcuni o tutti gli aiuti destinati ai palestinesi (come 350 milioni di dollari all'anno all'Unrwa, 200 milioni di dollari per gli aiuti economici e umanitari) a meno che non si usino le deroghe presidenziali per superare le leggi statunitensi esistenti.  Se il successo di Hamas significa la paralisi degli aiuti statunitensi ai palestinesi, allora l'influenza degli Stati Uniti sul processo politico palestinese diminuirà rispettivamente. Ma se la nuova amministrazione vuole almeno preparare la strada per i futuri negoziati, o almeno non farli fallire, deve riprendere gli aiuti statunitensi ai palestinesi e opporsi a qualsiasi passo unilaterale che minacci la soluzione dei due stati, garantendo un Israele ebraico e democratico e una Palestina indipendente.    I circa 15 anni di governo inefficace e autoritario di Abbas faranno senza dubbio precipitare la disintegrazione di Fatah se, o quando, le elezioni procederanno come previsto.  Come molti altri palestinesi, sono stanco di essere guidato e rappresentato da un dittatore. Siamo un popolo intelligente, sminuito nella sua statura da cosiddetti leader autoproclamati, ignoranti, egoisti e non eletti. E ci sono troppi idioti ambiziosi che sperano di succedere ad Abbas. Al geriatrico Abbas non dovrebbe essere permesso di candidarsi alla presidenza. I palestinesi hanno bisogno di una leadership giovane, energica e creativa non segnata dalle accuse di corruzione dell'era Abbas, dalla mancanza di trasparenza e dalla distruzione dei valori democratici e delle istituzioni palestinesi. Ancora peggio, Abbas ha agito come esecutore della sicurezza di Israele nelle aree controllate dall'Autorità Palestinese e ha completamente fallito nel far avanzare il processo di pace o l'indipendenza palestinese di una virgola. I palestinesi di tutte le fazioni politiche non dovrebbero permettere ad Abbas di candidarsi alla presidenza dell'Autorità Palestinese o a qualsiasi altra cosa. Il suo atto finale dovrebbe essere quello di dimettersi volontariamente - e se si rifiuta di farlo, i palestinesi dovrebbero deporlo, anche contro la sua volontà e quella dei suoi surrogati”, conclude il professor Bahbah.

Secondo un report di al Jazeera, in un incontro tra i capi dell'intelligence giordana ed egiziana con Abbas circa un mese fa, hanno cercato di convincerlo a fare la pace con Mohammed Dahlan - che Abbas ha rimosso da Fatah nel 2011 - in modo che una lista unificata di Fatah corra contro Hamas. Abbas ha rifiutato.

Sullo sfondo di questo proliferare di liste, di riposizionamenti e colpi bassi, si staglia, gigantesco, il rigetto verso questa politica del baratto da parte dei giovani palestinesi. Un rigetto che viaggia in rete, sui social media che sfuggono al controllo di Hamas e dei servizi dell’AP. La lettura di queste chat è molto più istruttiva dei discorsi paludati di vecchi leader e o aspiranti tali. Il quadro che ne esce è di un malessere diffuso, di un rigetto verso politici arricchitisi “sulla nostra pelle”. E’ una volontà di cambiamento che fatica a incanalarsi. Ma essa esiste, e segna il fallimento delle vecchie leadership. Certo, l’occupazione israeliana, la creazione, di fatto, di un regime di apartheid in Cisgiordania, l’assedio pluridecennale di Gaza, tutto ciò influisce pesantemente sullo sviluppo di una sana vita politica in Palestina. Ma non può giustificare tutto. Non giustifica i finanziamenti milionari arrivati all’Autorità Palestinese sperperati in una moltiplicazione di apparati di sicurezza o peggio finiti sui conti esteri degli esponenti della nomenclatura. L’occupazione israeliana, un crimine di guerra, non assolve una classe dirigente palestinese che si è autoriprodotta selezionando il personale non sulla base della competenza e neanche nel ruolo avuto nella resistenza, ma per fedeltà al capo bastone. Chiunque faceva ombra è stato accantonato, criminalizzato, fatto fuori.

Se Israele sta uccidente un sogno di libertà e un sacrosanto diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese, di certo è stato aiutato da una dirigenza, sia essa Fatah o Hamas, inetta e corrotta. E che continuerà a fare di tutto per mantenersi in vita.