Il percorso verso la pace in Israele-Palestina passa attraverso la decolonizzazione

PUBBLICATO IL19/02/2021INVICTA PALESTINA

Solo la formazione di un unico stato decolonizzato che comprenda l’intero territorio della Palestina storica può porre fine alle ambizioni coloniali di Israele.

Fonte:English Version

Mark Muhannad Ayyash – 17 febbraio 2021

Il 26 gennaio, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha pubblicato sul suo account Twitter un video elettorale del Likud in cui appare una mappa dell’intero territorio della Palestina storica sotto le parole “uno stato”.

Non è stata la prima volta  in cui un importante politico israeliano ha espresso pubblicamente la sua dedizione alla visione del Grande Israele, uno stato nazionale ebraico sovrano su tutte le terre tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo, compresi i territori palestinesi. In effetti, tali dichiarazioni sono così comuni nelle campagne elettorali israeliane che nell’arena internazionale il tweet di Netanyahu ha generato a malapena una discussione seria.

Ma gli osservatori internazionali non sono rimasti in silenzio sull’ultima inno di Netanyahu alla “Grande Israele” semplicemente perché l’hanno vista come una spacconata elettorale destinata a spingere i voti verso il Likud. Hanno ignorato il tweet perché sono  da tempo consapevoli che Israele vuole espandere la sua sovranità su tutto il Paese.

Infatti, mentre molti ancora impiegano occasionalmente la vuota retorica di “salvare la soluzione dei due Stati prima che sia troppo tardi”, nessun osservatore serio crede che la creazione di uno stato palestinese sovrano sia un obiettivo reale di Israele, o di qualsiasi altra potenza egemonica mondiale  come gli Stati Uniti o il Regno Unito.

Oggi, la “soluzione dei due stati” non è altro che una distrazione. È un mito usato da Israele per distogliere l’attenzione dai suoi sforzi per trasformare in realtà il sogno del Grande Israele. Le azioni di Israele, dall’inesorabile espansione degli insediamenti alla disumanizzazione sistematica dei palestinesi, rendono chiaro che non ha alcuna intenzione di permettere la formazione di uno stato palestinese sovrano.

In base a ciò che fa Israele, non a ciò che dice la sua Hasbara, ci sono solo due possibili vie d’uscita dall’attuale status quo: la formazione di un unico stato di apartheid su tutta la terra della Palestina storica, in cui solo una manciata di palestinesi vive come cittadini di classe, o la decolonizzazione, in cui tutti i cittadini godono di pari diritti e libertà indipendentemente dalla loro origine etnica e religiosa.

Non è difficile immaginare come si svolgerebbe il primo scenario. Il governo dell’apartheid è stato una caratteristica distintiva di Stati colonialisti  come Israele nel corso della storia.

In poche parole, il colonialismo dei coloni è un tipo di colonialismo che funziona attraverso la sostituzione di una popolazione indigena con una società di coloni che, nel tempo, sviluppa un’identità nazionale e rivendica la sovranità sulla terra colonizzata. Per raggiungere l’ obiettivo di diventare completamente sovrani sulla terra che hanno colonizzato, i coloni prima espellono o eliminano la maggior parte della popolazione indigena, quindi stabiliscono un sistema di segregazione, o apartheid, per cementare la loro supremazia sulle persone indigene che sono rimaste nei territori colonizzati. Tali sistemi di segregazione non solo assicurano l’esistenza di una gerarchia legale e sociale tra i coloni e le popolazioni indigene della terra, ma criminalizzano anche la pratica, o anche la semplice menzione, della sovranità indigena.

Oggi è difficile negare che Israele sia uno stato di apartheid. I palestinesi che vivono sotto il dominio israeliano, compresi quelli che possiedono passaporti israeliani, non godono di pieni diritti di cittadinanza. Non hanno nemmeno libertà di movimento. Anche la stessa legge sullo stato nazione di Israele chiarisce che non è uno stato per tutti i suoi cittadini e residenti, ma “lo stato nazionale del popolo ebraico”.

Il progetto colono-coloniale nella Palestina storica, tuttavia, sembra ancora non essere completo. Come Netanyahu sottolinea ripetutamente nel suo messaggio politico, Israele vuole governare l’intera Palestina storica pur mantenendo una popolazione a maggioranza ebraica. Perché ciò accada, la maggior parte dei palestinesi dovrà essere espulsa dai territori in cui vivono attualmente, con solo pochi  che rimarranno indietro. Solo allora Israele potrà espandere completamente la sua sovranità sull’intero territorio e continuare a chiamarsi “Stato nazionale ebraico”. Pertanto, è corretto affermare che l’attuale apartheid israeliano, per quanto devastante possa essere, è solo una parte di un progetto più ampio.

Israele sta già espandendo i suoi insediamenti illegali esistenti nei Territori palestinesi e costruendone di nuovi a un ritmo senza precedenti. Mentre i coloni cacciano regolarmente i palestinesi dalle loro case e vietano loro persino di entrare nei quartieri che una volta chiamavano propri, Israele si sta lentamente avvicinando al suo sogno di “Grande Israele”.

Tutto ciò pone una domanda molto scomoda: c’è un’altra violenta espulsione di massa dei palestinesi all’orizzonte? Questi insediamenti e  gli ulteriori sforzi per disumanizzare i palestinesi sono il preludio di un evento ancora più terrificante?

Molti nella comunità internazionale, compresi alcuni eminenti intellettuali palestinesi, credono che un’espulsione di massa violenta, come quella vissuta dai palestinesi nel 1948, non sia una reale possibilità. Affermano che Israele non oserebbe commettere apertamente un simile crimine contro l’umanità nel 21 ° secolo.

Ma nel corso della storia, molte espulsioni di massa, genocidi e altri atti di pulizia etnica di massa sono stati una sorpresa per la maggior parte degli osservatori. Negli anni ’20 e ’30, ad esempio, quasi nessuno al di fuori della Palestina si aspettava che le azioni sioniste su scala relativamente ridotta in Europa e in Medio Oriente aprissero la strada alla violenta espulsione di massa dei palestinesi dalla loro patria solo pochi anni dopo.

Israele sta sfidando il diritto internazionale e violando impunemente i diritti umani più elementari dei palestinesi da decenni. Dal 1948, non ha mai mostrato alcuna volontà di cambiare i suoi modi. Semmai, oggi è più aggressivo che mai nei suoi sforzi per disumanizzare i palestinesi, rubare le loro terre rimanenti e realizzare il sogno del Grande Israele. Inoltre, persone come Netanyahu stanno apertamente parlando del loro desiderio di formare un unico stato a maggioranza ebraica su tutto il paese.

Quindi è difficile negare che, se e quando si concretizzeranno le giuste condizioni, lo stato israeliano non esiterà a fare ciò che è necessario, compreso  imbarcarsi  in un’espulsione di massa dei palestinesi, per espandere la sua sovranità.

Questo ci porta al secondo scenario possibile per il futuro di Israele-Palestina: un unico stato decolonizzato.

La crescente disillusione per la soluzione dei due stati, unita agli apparenti sforzi di Israele per espandere il suo dominio dell’apartheid su tutte le terre palestinesi, ha portato molti studiosi e attivisti palestinesi, così come alcune organizzazioni e gruppi politici, a sostenere la creazione di un unico stato decolonizzato nella Palestina storica.

Sebbene siano disponibili diversi modelli proposti, la maggior parte dei suggerimenti include tre principi fondamentali:

1-      Lo Stato decolonizzato e de-razzializzato non sarà più definito esclusivamente come israeliano / ebreo, e non verrà nemmeno definito esclusivamente palestinese.

2-      Il nuovo stato garantirà la stessa cittadinanza a tutti gli abitanti del paese indipendentemente da razza, etnia, sesso o religione.

3-      Tutti i profughi palestinesi avranno il diritto di tornare in patria come cittadini a pieno titolo.

Questo è l’unico scenario che può impedire a Israele di realizzare il suo sogno di stabilire un unico stato di apartheid nella Palestina storica e consentire a tutti gli abitanti di queste terre di vivere la propria vita liberamente, pacificamente e con dignità.

Sebbene il loro numero rimanga piccolo, anche alcuni israeliani – riconoscendo il percorso distruttivo che sta percorrendo il loro stato – chiedono la creazione di uno stato unico decolonizzato che comprenda territori sia israeliani che palestinesi. Certamente, affinché questo sogno un giorno diventi realtà,  un maggior numero di israeliani devono  sostenere questa proposta.

Anche con il sostegno di molti più israeliani  tuttavia, trasformare uno stato coloniale di apartheid in uno stato decolonizzato e democratico non sarà facile. Il percorso verso la decolonizzazione e un futuro comune israelo-palestinese è pieno di ostacoli. Costruire insieme uno stato decolonizzato richiederà sia gli israeliani che ai palestinesi di fare sacrifici. Sfiderà il loro senso di identità, nazionalità, casa e storia. Senza dubbio ci saranno delusioni, frustrazioni e conflitti. Alcuni sogni rimarranno non realizzati, alcuni obiettivi non saranno raggiunti e il progresso sarà probabilmente lento.

Ma tutto questo è preferibile all’alternativa. Se a Israele sarà permesso di continuare sulla strada che sta percorrendo attualmente e di fare ulteriori passi verso l’eliminazione dei palestinesi dalla loro patria, sperimenteremo tutto questo e molto di più – saremo tutti bloccati in un vortice di odio, violenza e oppressione per anni a venire.

Oggi Israele sta semplicemente ripetendo i cicli storici conosciuti e le traiettorie della modernità coloniale. Quindi sappiamo come andrà a finire la storia se non agiamo subito:  più violenza e distruzione.

Il percorso verso la sicurezza e la prosperità sostenibili, a differenza di quanto molti in Israele sembrano credere, non passa attraverso una maggiore aggressione e segregazione, ma attraverso la decolonizzazione. Se un numero sufficiente di israeliani riconoscerà questo fatto, potranno segnare insieme ai palestinesi l’inizio di un nuovo capitolo, pieno di speranza, nella storia del mondo.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

Mark Muhannad Ayyash  è professore associato di sociologia presso la Mount Royal University di Calgary, Canada, autore di “A Hermeneutics of Violence” (UTP, 2019). È nato e cresciuto a Silwan, Gerusalemme, prima di immigrare in Canada. Attualmente sta scrivendo un libro sulla colonizzazione.

Trad: Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” –Invictapalestina.org

https://www.invictapalestina.org/archives/41854