Come Netanyahu ha contribuito a disgregare la Lista Congiunta

PUBBLICATO IL11/02/2021INVICTA PALESTINA

Come Netanyahu ha contribuito a disgregare la Lista Congiunta

Le spaccature nella coalizione palestinese hanno contribuito a promuovere l’agenda del primo ministro, incluso evitare il  processo di corruzione a suo carico

Fonte: English Version

Jonathan Cook – 9 febbraio 2021

Per sei anni la Lista Congiunta era stata un faro di speranza politica. Non solo per la grande minoranza palestinese in Israele che rappresentava, ma anche per un pubblico palestinese generalmente disilluso da anni di lotte intestine tra Fatah e Hamas che ha messo da parte la causa nazionale.

Ma giovedì sera, la coalizione dei quattro partiti palestinesi della Lista Congiunta si è spaccata, settimane prima delle elezioni generali israeliane che si concentreranno sul destino del Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

I partiti che compongono la Lista, che rappresentano un quinto della popolazione israeliana, avevano trovato impossibile mettere da parte le loro differenze ideologiche e strategiche di vecchia data.

Secondo gli analisti, la coalizione che ha rotto gli schemi della politica palestinese si è ormai disgregata  e il bilancio sarà probabilmente grave.

Le manipolazioni di Netanyahu

Ci sono almeno alcuni lievi parallelismi tra la rottura della Lista Congiunta e la continua ostilità tra Fatah e Hamas. Da un lato, tre partiti in gran parte laici, Hadash, Taal e Balad, sono rimasti nella Lista, mentre il quarto, la Lista Araba Unita (UAL), un partito islamico conservatore guidato da Mansour Abbas, sta andando da solo.

“Netanyahu sta dicendo ai palestinesi che non hanno bisogno dei partiti arabi, che è meglio trattare direttamente con lui” – Asad Ghanem, analista politico

Ancora una volta, gli attori israeliani hanno svolto un ruolo decisivo nella manipolazione delle divisioni interne palestinesi. A Netanyahu è stato ampiamente attribuito il merito di offrire incentivi per incoraggiare Abbas a lasciare la Lista Congiunta e formare una coalizione politica rivale, sostenuta con l’appoggio di politici locali popolari.

La spaccatura nella Lista Congiunta, sembra sperare Netanyahu, cambierà i calcoli elettorali nel parlamento israeliano e lo aiuterà a evitare il suo processo per corruzione.

Come ha osservato Awad Abdelfattah, un ex segretario generale di Balad, i quattro principali partiti palestinesi di Israele, come Fatah e Hamas nei territori occupati, non sono stati in grado di trovare una visione unificante di dove sta andando la politica palestinese.

In un’epoca in cui né Washington, né gli europei né gli Stati arabi stanno dimostrando il minimo interesse a promuovere la sovranità palestinese, la Lista Congiunta si è trovata costretta a concentrarsi sulle questioni interne.

Ma queste si sono rivelate molto più divisive.

Vittima del proprio successo

La Lista Congiunta è stata per molti versi vittima del proprio successo.

È nata all’inizio del 2015 dalla crisi. Il governo Netanyahu aveva approvato una legislazione che innalzava la soglia elettorale specificamente per impedire ai quattro partiti palestinesi nel parlamento israeliano, la Knesset, di ottenere seggi individualmente.

Per necessità, queste fazioni molto diverse, che rappresentano 1,8 milioni di palestinesi con cittadinanza israeliana, sono state costrette a coalizzarsi.

Fino all’arrivo della Lista, l’affluenza alle urne tra i cittadini palestinesi era in forte declino. La minoranza era cresciuta sempre più disincantata da una scena politica israeliana sulla quale i suoi rappresentanti eletti non avevano alcuna influenza.

La Lista Congiunta ha immediatamente invertito quella tendenza.

Nelle elezioni del 2015 è diventato il terzo partito più grande, offrendo una maggiore visibilità politica alla minoranza palestinese rispetto al passato. E l’affabile e conciliante leader della Lista, Ayman Odeh, del partito socialista Hadash, fu presto apprezzato anche all’estero.

Ma la rapida crescita della Lista Congiunta, che ha ottenuto un record di 15 seggi su 120 alla Knesset nelle ultime elezioni di un anno fa, è stata anche la sua rovina.

Netanyahu ha trascorso gli ultimi due anni cercando disperatamente, senza riuscirci, di mettere insieme un governo con una maggioranza decisiva dopo una serie di elezioni inconcludenti. Il suo obiettivo è quello di approvare una legge per bloccare il suo processo per molteplici accuse di corruzione. Il considerevole blocco della Lista Congiunta alla Knesset è una ragione significativa per cui il riuscirvi gli è costantemente sfuggito.

L’istinto iniziale di Netanyahu era quello di seguire un percorso ben definito: Incitare contro la minoranza palestinese e i suoi rappresentanti nella speranza di dissuaderli dal voto. Ha messo in dubbio il diritto di voto dei cittadini palestinesi, insinuando che stavano rubando le elezioni, e ha dichiarato che appartenevano a una popolazione di terroristi.

Niente di tutto ciò ha funzionato.

Invece, Netanyahu inavvertitamente ha incentivato la minoranza palestinese a rivelarsi in numero sempre maggiore, rendendo ancora più difficile per lui assicurarsi la maggioranza ebraica.

Aumento della criminalità

Allo stesso tempo, tuttavia, i palestinesi non votavano solo contro Netanyahu. Come ha fatto notare Asad Ghanem, politologo dell’Università di Haifa, gli elettori volevano che la Lista Congiunta usasse le sue maggiori dimensioni per farsi strada a gomitate in un’arena politica israeliana che aveva sempre ignorato i partiti palestinesi.

Gli elettori palestinesi in Israele hanno messo in evidenza due questioni chiave, che hanno suscitato l’attesa di un’azione.

Una è il rifiuto da parte delle autorità israeliane di designare terreni pubblici per le comunità palestinesi o rilasciare permessi di costruzione. Entrambi i fattori hanno portato a un massiccio sovraffollamento per i cittadini palestinesi e alla piaga degli edifici illegali minacciati di demolizione.

E l’altra è una rapida crescita di bande criminali nelle città e nei villaggi palestinesi di Israele che sono stati risucchiati nel vuoto lasciato da un misto di polizia negligente e ostile. Sparatorie e omicidi sono dilagati nelle comunità palestinesi, privando i residenti di ogni senso di sicurezza personale.

Politica tossica

Sono state queste pressioni dei propri elettori che hanno incoraggiato la Lista Congiunta ad abbandonare la sua tradizionale riluttanza a farsi coinvolgere nel mercanteggiamento politico tra i partiti ebraici che seguono ogni elezione, mentre le fazioni più grandi cercano di costruire un governo.

Dopo le elezioni dell’anno scorso, i partiti della Lista Congiunta hanno appoggiato con riluttanza Benny Gantz, l’ex generale militare che ha supervisionato la distruzione di Gaza nella guerra del 2014, perché il suo partito Blu e Bianco era la migliore speranza di cacciare Netanyahu.

Ma Netanyahu aveva usato la campagna per rendere la Lista Congiunta tossica per la maggior parte degli elettori ebrei. Ancora una volta incitò contro la minoranza palestinese, sostenendo che Gantz avrebbe formato un governo affidandosi a “sostenitori del terrorismo”, in riferimento alla Lista.

Il leader Blu e Bianco si è opposto al sostegno della Lista Congiunta e scelse invece una coalizione con Netanyahu.

È difficile sottovalutare il danno che la decisione di Gantz ha arrecato alla Lista. La rottura di questa settimana è il suo frutto più avvelenato, e il grande risultato elettorale di Netanyahu.

Il rifiuto di Gantz è stato soprattutto uno schiaffo in faccia a Odeh, il leader laico della Lista Conginta che aveva spinto al massimo per sostenere un governo Blu e Bianco. Il suo partito socialista Hadash ha sempre apprezzato l’idea di solidarietà e cooperazione arabo-ebraica.

Il rifiuto di Gantz ha offerto a Netanyahu uno spiraglio per cambiare il suo approccio alla Lista. Ora avrebbe cercato di liberarsene attraverso una gentilezza selettiva, ovvero semplicemente non dandole supporto .

Ha attinto alla sua politica preferita per conquistare i palestinesi, sia in Israele che nei territori occupati, in quella che egli definisce “pace economica”. L’idea transazionale è che offrirà piccoli incentivi economici in cambio di una quiescenza politica da parte dei palestinesi.

Il modello di Nazareth

Il banco di prova di Netanyahu in Israele per questa politica di clientelismo vecchio stile è stata Nazareth, dove nel 2014 è stato eletto un nuovo sindaco, Ali Salam, una rottura con decenni di governo del partito socialista Hadash.

Salam faceva parte della nuova ondata di politici populisti emergenti in tutto il mondo. Subito dopo le elezioni americane del 2016, Salam si è accreditato come un mentore politico di Donald Trump, che non ha mai incontrato.

Salam ha messo da parte la causa nazionale palestinese, anche retoricamente, e si è concentrato su un programma ristretto di conforto con il governo israeliano nella speranza di ottenere favori per la sua città e prolungare il suo governo personale.

Netanyahu era ansioso di conquisire un alleato politico a Nazareth, l’effettiva capitale della minoranza palestinese in Israele, e soprattutto uno divisivo come Salam. I due cominciarono presto a sfoggiare un rapporto di reciproca convenienza.

Questo, a quanto pare, non è passato inosservato ad Abbas, leader del partito uscente UAL nella Lista Congiunta. Dopo il rifiuto di Gantz, Abbas iniziò a replicare, sulla scena nazionale, l’alleanza politica con Netanyahu promossa localmente da Salam a Nazareth.

Un cartellone pubblicitario per il partito Balad, parte della Lista Congiunta araba, recita in arabo ‘Ora Netanyahu ha cambiato idea, vuole i voti arabi? Gli piacerebbe!’. Nazareth il 19 gennaio 2021 (AFP)

Odeh aveva accettato la necessità di stringere un’alleanza con Gantz nella speranza di ottenere un’influenza politica, ma fu respinto.

Abbas perseguì la stessa logica, come disse Abdelfattah: “Il suo punto di vista era, perché non posso fare lo stesso e fare un accordo con Netanyahu? Come Primo Ministro, Netanyahu è in una posizione migliore per fornirlo rispetto a Gantz e ha bisogno di sostegno per evitare il suo processo per corruzione”.

Lo scorso ottobre, Abbas ha rivelato come funzionerebbe in pratica. Ha usato i suoi poteri come vice presidente della Knesset per annullare un voto parlamentare che aveva approvato una commissione d’inchiesta su Netanyahu per accuse altamente dannose in quello che è noto come “lo scandalo dei sottomarini”.

Netanyahu è sospettato di aver approfittato di un accordo per l’acquisto di sottomarini tedeschi a dispetto dei consigli dei militari. Lo “scandalo dei sottomarini” è stata la scintilla principale per più di un anno di proteste anti-Netanyahu in tutto Israele.

Dietro le quinte, è emerso, Abbas coltivava legami con Netanyahu e i suoi consiglieri. Ha ripetutamente accennato al fatto che potrebbe essere disposto a votare a favore di una legge sull’immunità che invaliderebbe il processo contro Netanyahu.

La ragione principale citata per il fallimento dei negoziati della Lista Congiunta questa settimana è stata l’insistenza di Abbas nei confronti dei suoi alleati della coalizione affinché accettassero condizioni impossibili prima che escludesse la raccomandazione di Netanyahu come Primo Ministro.

In cambio, Netanyahu ha descritto Abbas come l’uomo con cui può lavorare per fermare l’ondata di criminalità e il sovraffollamento nelle comunità palestinesi.

Inoltre, Netanyahu ha alluso che Abbas sia il politico che può incassare il dividendo di pace che i cittadini palestinesi presumibilmente godranno a seguito della regolarizzazione dei legami di Israele con gli stati arabi attraverso i cosiddetti accordi di Abraham.

Alleato inaffidabile

Gli ex alleati di Abbas nella Lista Congiunta capiscono che Netanyahu è un alleato politico del tutto inaffidabile, come ha dimostrato nel corso della sua carriera e ripetutamente nei suoi rapporti con Gantz.

‘Abbiamo promesso di combattere la destra israeliana. Se non possiamo farlo, perché votare per noi? Il nostro elettorato si  rivolgerà ai  partiti sionisti ‘- Aida Touma-Suleiman, MP

Ciononostante, Abbas sembra credere di poter costruire una nuova coalizione politica conservatrice, in gran parte islamica, per rivaleggiare con la Lista Congiunta sulla scia del sostegno implicito di Netanyahu.

La sua ambizione, a quanto pare, è quella di diventare una versione islamica dello Shas, il partito religioso ebraico che da tempo si è alleato con Netanyahu in cambio di regolari concessioni su ristretti interessi religiosi e politiche socialmente conservatrici.

Abbas sta corteggiando importanti politici locali, tra cui Salam di Nazareth, per costruire la base popolare del partito.

Nel tentativo di provocare ulteriori divisioni e guidare un divario nella Lista Comune, Netanyahu ha effettuato una visita di alto profilo a Nazareth il mese scorso che è stata accolta da ampie proteste. Il primo ministro ha dichiarato una “nuova era nelle relazioni tra ebrei e arabi”, aggiungendo che “i cittadini arabi dovrebbero fare pienamente parte della società israeliana”.

Attaccando la Lista Congiunta, ha detto: “Sono entusiasta di vedere l’enorme cambiamento che sta avvenendo nella società araba nei miei confronti e del partito Likud sotto la mia guida. I cittadini arabi di Israele, si uniscono al Likud perché vogliono finalmente aderire al partito di governo.”

Salam ha infierito ulteriormente contro la Lista Congiunta elogiando Netanyahu: “L’intera società araba è delusa per ciò che hanno dato, e per il loro operato e atteggiamento nei confronti del loro elettorato”.

Nonostante le promesse di Netanyahu di maggiori investimenti, la violenza ha continuato a dilaniare le comunità palestinesi durante la campagna elettorale. L’ultima vittima è stata una studentessa di infermieristica, di 22 anni, uccisa a colpi di arma da fuoco nel fuoco incrociato tra una banda locale e la polizia nella città palestinese di Tamra.

Abbas spera di sfruttare tale violenza come ulteriore prova che sarebbe in grado di esercitare una reale pressione su Netanyahu se il Primo Ministro dipendesse politicamente dal sostegno di un forte partito guidato da lui.

Duplice corteggiamento

Netanyahu ha poco da perdere da un corteggiamento politico con Abbas, per quanto ambiguo.

Come ha osservato Aida Touma-Suleiman, membro della Knesset, la scissione rischia di danneggiare tutti i politici palestinesi.

“Abbiamo promesso di combattere la destra israeliana. Se non possiamo farlo, perché votare per noi? Il nostro elettorato si dirigerà verso i partiti sionisti”, ha detto.

Ghanem  concorda.

“Netanyahu sta dicendo al popolo palestinese che non hanno bisogno dei partiti arabi, che è meglio che trattino direttamente con lui”, ha detto l’analista politico.

Un recente sondaggio ha suggerito che il nuovo approccio conciliatore di Netanyahu potrebbe procurare al suo Likud fino a due seggi extra provenienti dal voto dei cittadini palestinesi, soprattutto nelle comunità più emarginate del Negev.

Arabi buoni contro arabi cattivi

Ma se Netanyahu ci guadagna, tuttavia, l’opinione pubblica palestinese in Israele risponde.

Se punisce i suoi partiti per la scissione non riuscendo a votare, il Primo Ministro beneficerà della quota maggiore di voti espressi per i partiti ebraici.

E se Abbas convince un numero sufficiente di cittadini palestinesi di avere la chiave per sbloccare i favori di Netanyahu, il suo partito potrebbe vincere una manciata di seggi, abbastanza da consentire a Netanyahu di approvare una legge sull’immunità per evitare il suo processo.

Il mese scorso, Odeh ha scritto in un tweet che Netanyahu “non riuscirà a dividerci in arabi buoni e cattivi”.

Eppure, avendo sovvertito la Lista Congiunta, questo è esattamente ciò che Netanyahu ha ottenuto.

Ora ci sono arabi cattivi come Odeh e arabi buoni e responsabili come Abbas.

E Netanyahu spera di metterli l’uno contro l’altro per rimanere al potere

Jonathan Cook è vincitore del Premio Speciale Martha Gellhorn per il giornalismo. I suoi libri includono “Israele e lo Scontro di Civiltà: Iraq, Iran e il Piano per Ricostruire il Medio Oriente” (Pluto Press) e “Palestina Scomparsa: Gli Esperimenti di Israele Nella Disperazione Umana” (Zed Books). Visitate il suo sito web www.jonathan-cook.net.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

https://www.invictapalestina.org/archives/41780