La destra israeliana sta cancellando l’arabo da Gerusalemme, un cartello stradale alla volta

PUBBLICATO IL04/10/2020 DI INVICTA PALESTINA

Una campagna di attivisti di destra per eliminare l’arabo dai segnali stradali di Gerusalemme va di pari passo con i tentativi del governo di sradicare l’identità palestinese della città.

Fonte: English Version

Ben Reiff – 24 settembre 2020

Immagini di copertina: L’adesivo è stato rimosso ma l’arabo rimane nascosto su un cartello stradale lungo la centrale King George Street a Gerusalemme. (Ben Reiff)

Sono passati due anni dall’approvazione della controversa Legge sullo Stato-Nazione ebraica che, oltre ad affermare la supremazia ebraica sulla “Terra di Israele”, ha ufficialmente declassato lo status della lingua araba in Israele. Ma mentre la legge sullo stato-nazione è stata redatta nelle aule del parlamento, sembra che gli attivisti ne abbiano assunto l’attuazione sul campo.

Ciò sta diventando particolarmente evidente a Gerusalemme, dove attivisti israeliani di destra stanno tentando di cancellare l’arabo dal paesaggio della città. Per vederli in azione, basta guardare i segnali stradali trilingue di Gerusalemme – a ovest e nell’est occupato, nel centro città e nei quartieri periferici, e in entrambe le aree segregate e miste – che rappresentano un perfetto obiettivo simbolico per questa campagna.

Nella maggior parte dei casi, gli  attivisti hanno coperto il testo arabo con adesivi di campagne politiche appartenenti a vari partiti prevalentemente di destra e religiosi; gli adesivi di Otzma Yehudit, un partito kahanista di estrema destra, sembrano essere i più comuni.

Che coprono l’arabo si possono trovare anche slogan religiosi che rappresentano Chabad-Lubavitch e Breslov (due sette chassidiche), così come adesivi di gruppi di estrema destra come Lehava e Derech Haim. In alcuni casi, l’arabo viene semplicemente grattato via  o coperto con vernice spray. La gamma di slogan e di  adesivi usati per nascondere l’arabo dimostra che il messaggio che  veicolano è secondario rispetto all’atto stesso della cancellazione.

L’arabo grattato via  su di un cartello fuori dal villaggio palestinese spopolato di Lifta vicino a Gerusalemme. (Ben Reiff)

Questo fenomeno non è proprio solo di Gerusalemme. Un breve viaggio lungo le strade dei coloni in Cisgiordania mostra che su diversi cartelli i nomi arabi sono stati scarabocchiati o nascosti. Né questo problema è particolarmente nuovo: nel 2009, ad esempio, alcuni  attivisti  decisero di contrastare il vandalismo dell’arabo sui segnali stradali di Gerusalemme ristampando quei nomi in calligrafia araba decorata e incollandoli sugli originali deturpati.

Oggi tuttavia l’ubiquità di questa pratica in tutta Gerusalemme – e l’impunità di cui gode – è sorprendente. E sebbene sia meno palese rispetto ad altre forme di cancellazione israeliana del carattere palestinese della città – come i tentativi dopo il 1948 di dare nomi ebraici ai quartieri precedentemente arabi di Gerusalemme ovest come Talbiye (Komemiyut), Qatamon (Gonen), Baka’a ( Ge’ulim) e Musrara (Morasha) – il più sottile processo sui segnali stradali ha comunque uno scopo simile.

“La cancellazione non è casuale”

Lo scorso novembre,  twittai una selezione di foto di questi cartelli vandalizzati  al sindaco di Gerusalemme Moshe Lion e al vice sindaco Fleur Hassan-Nahoum. Non  ritennero che il fenomeno fosse un problema grave: ” Ha scelto selettivamente  immagini di alcuni atti di vandalismo in giro per la città”, mi scrisse Hassan-Nahoum su Twitter. “Potrei allora alimentare le divisioni pubblicando immagini di vandalismo arabo, ma ho scelto [sic] di concentrarmi sulla costruzione di una società condivisa e di  mettere in evidenza le cose buone che accadono a Gerusalemme per TUTTI gli abitanti “,  continuava nella sua risposta.

A luglio, tuttavia, quando  documentati dozzine di altri esempi, Hassan-Nahoum  fu costretto ad ammettere che non si trattava di eventi “selettivi”: “Li inoltrerò immediatamente al nostro reparto segnaletica stradale per la pulizia. Questo è un comportamento prepotente che non ha  spazio nella nostra città “.

Ma mentre alcuni casi recenti di graffiti di sinistra sono stati frettolosamente cancellati  dal comune, la maggior parte degli adesivi che coprono l’arabo non sono stati ancora rimossi ( a parte quelli che sono stato in grado di rimuovere io stesso dopo averli fotografati).

Tre diversi adesivi, due dei quali per la festa di Otzma Yehudit, coprono l’arabo su un cartello stradale nel quartiere di Givat Sha’ul a Gerusalemme. (Ben Reiff)

Daniel Seidemann, un avvocato e analista politico specializzato nelle relazioni israelo-palestinesi a Gerusalemme, definisce  i commenti di Hassan-Nahoum come “assolutamente falsi , ma c’è da aspettarselo da un comune che dà il 12% del proprio budget al 40% della popolazione. ” In effetti, dice, “pochi fenomeni simboleggiano meglio di così l’attuale situazione a Gerusalemme. Non è casuale e non sono teppisti; è rappresentativo dello zeitgeist. ”

Per esemplificare ciò,  cita una recente controversia in cui l’ONG per la libertà religiosa “Hiddush” intentò una causa contro il comune perché la pagina “Religione e Tradizione” sul sito web della città elencava solo istituzioni ebraiche ortodosse – nessuna istituzione musulmana, cristiana o anche ebrea non ortodossa. Piuttosto che rispondere alla causa ampliando l’elenco, il comune  decise di rimuovere del tutto l’elenco. “Questa è un’indicazione che la cancellazione non è casuale”, afferma Seidemann.

“Eliminazione dei nomi arabi dal 1967”

Faiz Abu Rmeleh, fotoreporter del collettivo israelo-palestinese Activestills e dell’agenzia turca Anadolu, è un palestinese residente nella Città Vecchia di Gerusalemme, luogo dove considera di routine il tentativo di cancellazione dell’arabo sui segnali stradali.

Lungi dall’essere un fenomeno isolato da parte di alcuni attivisti di destra, lo vede in parallelo al processo “ufficiale” delle autorità di cambiare i nomi delle strade dentro e intorno alla Città Vecchia e di dare nomi ebraici alle nuove strade nei quartieri palestinesi. Recentemente, ad esempio, il comune ha cercato di nominare diverse strade di Silwan in onore dei rabbini, un tentativo che è stato bloccato a seguito di una petizione al tribunale presentata a nome dei residenti dall’Associazione per i Diritti Civili in Israele.

Adesivi del Likud e un adesivo Pokemon che copre l’arabo su un cartello vicino al Muro del Pianto nella Città Vecchia di Gerusalemme. (Ben Reiff)

In realtà, dice Abu Rmeleh, la legge sullo Stato-nazione “non è stata così importante” come impulso per la cancellazione dell’arabo, poiché “il comune è dal 1967 che  ha qui cancellato i nomi arabi “. Fa l’esempio del quartiere Sharaf nella Città Vecchia, il cui nome è stato cancellato durante la ricostruzione e l’espansione israeliana di quello che ora è il quartiere ebraico. La demolizione del quartiere Mughrabi nel 1967 ha anche consentito la creazione della piazza aperta di fronte al Muro Occidentale.

L’obiettivo del comune, sostiene Abu Rmeleh, è ​​far sì che i  visitatori israeliani e stranieri ” vedano solo  la storia ebraica, e non la storia musulmana o cristiana”. In questo modo, stanno “cancellando l’identità e la storia dei palestinesi nella Città Vecchia e nei dintorni”.

Nivine Sandouka, direttrice esecutiva volontaria della ONG “Our Rights”, che difende i diritti civili e politici dei palestinesi a Gerusalemme Est, concorda sul fatto che la cancellazione dell’arabo da parte degli attivisti di destra non è una novità – “ormai è data per scontata. ” Tuttavia, ritiene  che l’approccio del comune alla lingua araba non sia uniforme.

“Non si può negare che il comune stia aggiungendo più arabo in città”, dice, probabilmente a seguito delle pressioni delle voci dell’opposizione all’interno del consiglio comunale. Spesso, tuttavia, il testo aggiunto “non è l’arabo [comune] effettivamente utilizzato”.

Un chiaro esempio di ciò è quando i segnali stradali israeliani  riportano “Urshalim” anziché “al-Quds” come nome arabo di Gerusalemme. Sandouka fornisce anche l’esempio del Monte Scopus: i palestinesi si riferiscono all’area come “a-Tala al-Faransiye” (la traduzione araba del francese Hill), ma l’arabo sui segnali stradali dice “Har Hatsofim”, una traslitterazione diretta del  nome ebraico  in arabo.

“La loro agenda è la stessa”

Secondo Laura Wharton, rappresentante del partito Meretz nel consiglio comunale di Gerusalemme, i tentativi degli attivisti di destra di cancellare l’arabo sono “un inquietante riflesso di ciò che sta accadendo in tutta la città con l’ascesa dell’estrema destra”.

L’arabo è stato coperto con vernice spray nera su un cartello in un passaggio pedonale a Me’ah She’arim, Gerusalemme. (Ben Reiff)

Nota che, anche se il partito Otzma Yehudit non è riuscito a varcare la soglia della Knesset nelle ultime elezioni nazionali, il suo parallelo nella municipalità di Gerusalemme,  la United Faction, occupa due dei 30 seggi del consiglio (Meretz ne occupa uno). Il leader di United, Arieh King, un attivista dei coloni la cui ambizione dichiarata è la “giudaizzazione” di Gerusalemme, è stato recentemente nominato dal sindaco come uno dei suoi vice.

Il processo di “giudaizzazione” della città si è storicamente concentrato sulla demografia. Nel 1973, il governo israeliano adottò le raccomandazioni della Commissione Gafni, incaricata di valutare il futuro sviluppo di Gerusalemme. Sulla base delle conclusioni della Commissione, da allora il governo ha cercato di creare e mantenere una maggioranza ebraica di almeno il 70 per cento nella città, ma senza successo.

Nonostante l’espansione degli insediamenti ebraici a Gerusalemme Est, insieme alla costante minaccia di sfratti e revoche di residenza per i palestinesi, alcune stime dicono che la popolazione palestinese nella città potrebbe raggiungere il 50% entro i prossimi 10 anni. Il percorso della barriera di separazione – che taglia diversi quartieri palestinesi situati all’interno dei confini municipali – è stato un tentativo da parte di Israele di mitigare questa inevitabilità. Ulteriori costruzioni e potenziali annessioni in aree come E1 sono progettate per lo stesso scopo.

Una manifestazione del potere dell’estrema destra nella municipalità è ciò che Wharton definisce “il sostegno dato alla ONG ultranazionalista Elad, che ora gestisce il cosiddetto sito della Città di David a Silwan e mira a disappropriare e sfrattare i residenti palestinesi”.

Abu Rmeleh vede gli sviluppi a Silwan come esemplificativi. “Anche quando il tribunale dice che le case non possono essere demolite, il comune  spinge per farlo in coordinamento con le organizzazioni dei coloni”, dice. “La loro agenda è la stessa.”

“Cancellare l’identità palestinese”

Mentre la demografia rimane un campo di battaglia chiave, la cancellazione dell’arabo in tutta la città rivela un diverso tipo di obiettivo: l’identità palestinese. Un elemento centrale di questa campagna riguarda il curriculum scolastico palestinese che, in funzione degli accordi di Oslo, è stato utilizzato a Gerusalemme est dal 2000 dopo aver sostituito il curriculum giordano.

Sandouka spiega che il comune ha “aumentato la pressione sulle scuole che utilizzano il curriculum palestinese e ha tentato di far loro adottare il curriculum israeliano”. Negli ultimi anni ciò ha comportato l’offerta di finanziamenti extra alle scuole che effettuano il passaggio, attingendo a un budget destinato a tutti gli studenti di Gerusalemme Est, indipendentemente dal programma di studi utilizzato. Le autorità israeliane hanno persino costretto alcune scuole che ancora insegnano il curriculum palestinese a cancellare alcune pagine dai loro libri di testo relative alla storia e alla società palestinese.

“Gli studenti arabi del nord seguono il curriculum israeliano, quindi la loro identità palestinese non è più presente”, spiega Sandouka. “Questo è esattamente ciò che la municipalità sta cercando di fare anche a Gerusalemme. È un altro modo per eliminare la loro identità palestinese “.

Seidemann vede questo obiettivo rispecchiato nella sezione dell ‘”Affare del secolo” di Trump che riguarda Gerusalemme , che a suo parere legittima ulteriormente le ambizioni di Israele per la città. “L’agenda del piano Trump a Gerusalemme è la stessa di quella del comune di Gerusalemme: de-nazionalizzare i palestinesi di Gerusalemme Est”, dice.

Un’analisi scritta dall’ONG di Seidemann, “Terrestrial Jerusalem”, rileva che il piano Trump si riferisce ai palestinesi di Gerusalemme solo come “arabi”, “residenti” e “musulmani”, inventando così una realtà alternativa in cui “svanisce una presenza nazionale palestinese nella città. ”  Quindi per Seidemann, “le persone che cancellano l’arabo sui cartelli della città stanno semplicemente attuando quella politica di emarginazione”

Limiti di resistenza

Agli occhi di Wharton, il tentativo da parte degli attivisti di destra di cancellare l’arabo in tutta la città deriva da due fattori: “Alcune delle attività più sconvolgenti e razziste sono in parte manifestazioni continue dei problemi profondi che si sviluppano  a causa dell’occupazione israeliana, ma altre sono una contraccolpo contro i successi di quelli di noi che stanno lavorando molto duramente per combattere le ingiustizie e promuovere l’uguaglianza e l’inclusione “.

Per dimostrare questo secondo fattore, sottolinea il crescente numero di ebrei di Gerusalemme che iniziano a imparare l’arabo, l’incremento di studenti palestinesi all’Università ebraica e un aumento delle attività culturali e sportive congiunte israelo-palestinesi. Anche il fatto che tutti gli annunci e i segnali sulla metropolitana leggera siano in arabo, ebraico e inglese è considerato un successo.

Un adesivo con la scritta “Le vite dei nostri soldati precedono le vite dei civili nemici”, probabilmente del movimento Hardali Derech Haim, copre l’arabo su un cartello in una stazione della metropolitana leggera nel centro di Gerusalemme. (Ben Reiff)

Oltre a questi sviluppi, ci sono stati tentativi da parte della società civile palestinese e israeliana di combattere la cancellazione dell’arabo a Gerusalemme.

Ad esempio, in risposta alla legge sullo Stato-nazione, il movimento di base ebraico-arabo “Standing Together” (con il quale questo autore è stato coinvolto quest’anno) ha presentato un “certificato bilingue” alle imprese i cui servizi si rivolgevano alla popolazione di lingua araba della città, e si offriva  di tradurre i menu per coloro che in precedenza avevano utilizzato solo l’ebraico. Una seconda fase del progetto è stata lanciata quest’anno a Tel Aviv, prima che la pandemia di coronavirus la mettesse in pausa. Circa 40 aziende a Gerusalemme hanno ricevuto il certificato bilingue.

Iniziative come questa, tuttavia, rimangono limitate nella loro capacità di modificare  le condizioni prevalenti a Gerusalemme. Questo particolare progetto di “Standing Together” era in sostanza un affare ebraico interno, dato che il “circolo” locale del movimento non include molti palestinesi, sebbene cooperi con i partner palestinesi a Gerusalemme est in varie attività anti-occupazione.

I pochi palestinesi della zona di Gerusalemme che sono membri del movimento  sono prevalentemente cittadini di Israele provenienti dal nord e studenti dell’Università ebraica, ed è raro che i palestinesi non cittadini di Gerusalemme est si uniscano. Carmel, uno degli attivisti locali, spiega che questo è il risultato sia della  decisione di “Standing Together”  di organizzarsi all’interno della Linea Verde, sia del fatto che l’organizzazione politica tra i palestinesi di Gerusalemme è stata repressa in modo violento dalle forze di sicurezza israeliane.

Nel frattempo, la pervasiva cancellazione dell’arabo sui cartelli stradali continua, illustrando la forza e la fiducia dell’estrema destra a Gerusalemme – e i pericoli che presagiscono. I periodici crimini d’odio  in città, tra cui l’incendio di una moschea a Beit Safafa e il taglio di dozzine di pneumatici per auto a Shu’afat negli ultimi mesi, sono un’indicazione di questa crescente minaccia. Con il contemporaneo aumento delle demolizioni di case, della violenza della polizia e delle manovre di annessione, la destra al governo e la destra nelle strade stanno avanzando mano nella mano.

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

https://www.invictapalestina.org/archives/40496