L’architetta palestinese che trasforma la conservazione del patrimonio architettonico in resistenza

“Preservare il nostro patrimonio culturale e naturale, tenerlo in vita e utilizzarlo nei nostri nuovi progetti fa parte della nostra lotta nazionale”

English version

Aziza Nofal – 13 febbraio 2020

Immagine di copertina: l’architetta Nadia Habash parla al Tamayouz Excellence Award for Women in Architecture and Construction di Amman, in Giordania, in una foto pubblicata il 7 dicembre 2019.

RAMALLAH, Cisgiordania – Per quasi tre decenni, l’architetta palestinese Nadia Habash ha cercato di preservare il patrimonio architettonico del suo Paese attraverso ristrutturazioni ecosostenibili e restauri di edifici tradizionali  in modo che potessero soddisfare le esigenze odierne.

“L’architettura palestinese, parte integrante del nostro patrimonio culturale e dell’identità nazionale, è soggetta alla distruzione sistematica da parte dell’occupazione israeliana, che mira a eliminare le prove dell’esistenza dei nostri antenati su questa terra”, ha scritto la pluripremiata architetta in un articolo intitolato “Architecture of Resistance”.

“Preservare il nostro patrimonio culturale e naturale, tenerlo in vita e utilizzarlo nei nostri nuovi progetti fa parte della nostra lotta nazionale”, ha scritto Habash,  presidente di Habash Consulting Engineers e docente presso la Birzeit University,  in un articolo pubblicato nel 2018.

“Non ho mai cercato guadagni materiali. Credo che il mio lavoro sia una specie di lotta nazionale per preservare il patrimonio architettonico in Palestina ”, ha detto Habash ad Al-Monitor poco dopo essere stata scelta dalla rivista Middle East Architect come uno dei 50 architetti più influenti della regione per il 2019.

Una delle opere più note dell’architetta è  il restauro del Mercato Vecchio di Betlemme, situato nel centro storico della città, nelle immediate vicinanze della Chiesa della Natività. Habash ha guidato il progetto quinquennale, che è stato completato nel 2018, e che ha dato una svolta alla struttura storica del bazar che fornisce sostentamento a piccoli agricoltori e allevatori.

I lavori di ristrutturazione che hanno rafforzato il tetto del bazar sono riusciti a garantire che l’acqua piovana che inondava i negozi fosse raccolta in pozzi e che i rifiuti fossero compattati nella discarica situata al centro del mercato e smaltiti due volte a settimana anziché due volte al giorno . Habash ha dichiarato di essere felice di  aver contribuito a soddisfare le  esigenze dei piccoli imprenditori del bazar, che sono principalmente donne che per guadagnarsi da vivere vendono merci varie e prodotti lattiero-caseari .

L’architetta sessantenne  iniziò la sua carriera nel 1982 dopo essersi laureata in ingegneria architettonica all’Università della Giordania. Quando tornò a casa, cercò lavoro presso uno studio di architettura. Ma a quel tempo,  le aziende erano impegnate in progetti in collaborazione con l’amministrazione civile israeliana, di cui Habash non voleva far parte a causa della sua posizione contro l’occupazione.

Ottenne invece un ruolo accademico presso la Facoltà di Ingegneria e Tecnologia della Birzeit University, e successivamente  ricevette una borsa di studio per un master presso l’Università del Michigan, dove si specializzò in  filosofia delle teorie dell’architettura e dell’architettura professionale.

Nel 1997,  fondò il suo studio di architettura, Habash Consulting Engineers, a Ramallah. All’epoca la concorrenza sul mercato era accanita  e doveva quindi scegliere con cura i suoi progetti, ha spiegato.

Le ci volle un anno per realizzare il suo primo progetto, che consisteva nel costruire alcuni serbatoi d’acqua senza alterare   la struttura locale in due storici villaggi palestinesi nella Cisgiordania settentrionale, Der Istya e Kufor Abboush.

I bacini idrici dovevano essere situati nel centro storico dei villaggi, garantendo allo stesso tempo che non danneggiassero l’architettura tradizionale. Così Habash studiò lo stile architettonico locale e progettò serbatoi che si fondessero con l’ambiente circostante. Il progetto  ricevette il Tamayouz Excellence Award per Women in Architecture and Construction nel 2019.

Habash e la sua azienda  si fecero un nome nel campo del restauro e  furono coinvolti in progetti con finanziamenti internazionali. Nel 2003-2005,  lavorò a un progetto finanziato dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, che mirava a riabilitare il vecchio centro dello storico villaggio di Arraba in Cisgiordania, in particolare il Palazzo Abdul-Qader Abdul Hadi, il Palazzo Hussein Abdul Hadi e la vecchia strada nota come Al-Qasaba. Il progetto – Restoring Arraba Palaces – aveva un budget limitato ma comunque Habash ci  lavorò sodo. “È stato molto importante per la mia carriera lasciare il segno in un progetto di restauro di un luogo storico come questi palazzi”, ha detto Habash.

L’idea iniziale era di trasformare i due palazzi in un ristorante e un hotel. Riuscì a convincere il comune che i due palazzi sarebbero stati utilizzati meglio come centro comunitario e centro di assistenza sanitaria. Il suo lavoro  fu riconosciuto come il miglior progetto nella categoria Imprese dell’Hassib Sabbagh e del Said Khoury Award. Nel 2017 fu  anche riconosciuto come miglior progetto architettonico in Palestina.

Il punto di svolta nella sua carriera, tuttavia, fu la sua collaborazione dal 2006 al 2010 con l’architetto svizzero Peter Zumthor,vincitore del  premio Pritzker.

Ciò avvenne dopo essere  diventata l’esperta locale in un progetto che  vinse il primo premio nel concorso di progettazione concettuale lanciato dal Ministero del Turismo e delle Antichità e dall’UNESCO per il piano generale del Parco archeologico Qasr Hisham a Gerico, inclusa la protezione per i pavimenti a mosaico della Grand Bath Hall e altre aree sensibili. Il progetto prevedeva anche la trasformazione del giardino del palazzo in uno spazio verde simile ai palazzi dell’Andalusia, nonostante le condizioni climatiche calde della regione.

La sua collaborazione con Zumthor  fu una grande spinta alla carriera. “È stata un’esperienza difficile da ripetere”, ha dichiarato Habash in Middle East Architect.

Nel 2016, Habash  prese parte al progetto Vernacular Heritage Pilot Enhancement Project ad As-Samou, nella parte più meridionale di Hebron, in Cisgiordania. “Il progetto rappresentò un’applicazione ideale del cambiamento che ho cercato di fare durante tutta la mia carriera, ossia lo sviluppo delle comunità unitamente alla conservazione del patrimonio architettonico “, ha detto Habash.

All’inizio del progetto, Habash e il suo team  dovettero convincere i residenti dell’importanza del restauro e della riabilitazione e coinvolgerli nel progetto. Nel 2019, mentre il progetto si stava concludendo, i residenti erano diventati partner nel processo di restauro e conservazione di 12 complessi residenziali – chiamati “ahwash” in Palestina – e  nella trasformazione di uno di essi  in un centro culturale per giovani, che divenne l’attività hub della zona.

“Il restauro è stato effettuato a costi molto bassi. Alcune persone del posto sono state anche addestrate in lavori di restauro di base, nel caso in cui in futuro debbano fare ristrutturazioni su piccola scala “, ha detto.

L’attività di Habash, il lavoro accademico e il coinvolgimento nelle organizzazioni locali hanno funzionato parallelamente. Nel 2002,  iniziò a lavorare come professoressa  alla Facoltà di Ingegneria della Birzeit University, dove continua a insegnare e guidare i suoi studenti. Dal  2012 al 2016 è stata membro del consiglio comunale nel comune di Ramallah, ed è l’unica donna ad essere stata eletta membro del consiglio dell’associazione degli ingegneri palestinesi dove ha diretto la filiale di Ramallah e al-Bireh dal 1999  al 2002. È anche una delle fondatrici dell’Associazione degli architetti in Palestina.

Habash crede che avrebbe potuto offrire di più al mondo se solo la sua libertà di movimento non fosse stata limitata. Le autorità israeliane le hanno proibito di viaggiare per 29 anni, dal 1988 al 2017. Dopo che il divieto  venne revocato,  tenne conferenze in seminari arabi e stranieri  e divenne membro della giuria in numerosi premi e premi arabi e internazionali.

Ma dopo tutti  questi lunghi anni, era stata in grado di costruire la casa dei suoi sogni?  “Lavorare secondo i dettami nazionali non mi aiuta a guadagnare il denaro necessario per una casa da sogno” ha sospirato.

Aziza Nofal, giornalista investigativa di Nablus, vive e lavora a Ramallah come giornalista indipendente per siti web arabi e regionali. Si è laureata nel 2000 presso il Dipartimento di media e giornalismo presso la Al-Najah National University e ha conseguito il master in studi israeliani nel 2014 presso la Al-Quds University. Lavora anche in collaborazione con Arab Reporter for Investigative Journalism (ARIJ) con sede ad Amman.

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” -Invictapalestina.org

https://www.invictapalestina.org/archives/37844