A Gerusalemme i Palestinesi dipingono murales che guardano l’occupazione israeliana negli occhi

Un totale di 150 murales saranno dipinti sui muri di Silwan. Una volta completati, modificheranno drasticamente l’aspetto del quartiere: “Con il loro sguardo fisso, gli occhi diranno alle persone che li vediamo e che loro dovrebbero vedere noi”.

 

di Nir Hasson

Haaretz, 22.01.2020

“Qui c’è il disegno di un uccello, un uccello molto bello”, ha spiegato la giovane guida dell’organizzazione di coloni ebrei Ateret Cohanim a un gruppo di visitatori israeliani. In ottobre, durante le vacanze di Sukkot, hanno passeggiato per le strette stradine del quartiere palestinese di Silwan, pesantemente scortati dalla polizia di frontiera. La guida ha spiegato che l’uccello è “uno dei simboli della liberazione palestinese, della libertà” e ha aggiunto:”Direi che è bello nel modo in cui sono belli i dipinti di Hitler “.

Il tour gestito da Ateret Cohanim, che lavora per espellere i palestinesi dalle loro case, è progettato per mostrare il crescente insediamento ebraico in quella zona. Uno dei visitatori ha chiesto alla guida  del grande bellissimo murale situato non lontano dalle abitazioni degli ebrei. “È un simbolo che, anche se sembra molto, molto estetico, sappiamo cosa significa. Ora andiamo nell’antica sinagoga dove possiamo sederci e bere qualcosa “, ha risposto la guida.

Estremisti di destra perlustrano Silwan

Il murale che ha attirato l’attenzione del visitatore è uno dei 15 murales colorati che  negli ultimi mesi  sono apparsi sui muri di Silwan. L’uccello raffigurato è un cardellino che, come giustamente notato dalla guida, è diventato uno dei simboli della protesta di Silwan contro l’occupazione dei coloni ebrei.

Una donna palestinese a Silwan, dicembre 2019. Ohad Zwigenberg

Il cardellino appare in molti dei murales, che fanno parte di un progetto politico di street- art dell’artista ebrea-americana Susan Green in collaborazione con residenti palestinesi. Il progetto si chiama “I Witness Silwan” ed è appena iniziato. Il progetto  prevede l’aggiunta di dozzine di altri murales nei prossimi mesi, per coprire 150 muri del villaggio e alterarne drasticamente l’aspetto. Green sta inoltre progettando un’app che consentirà agli utenti di visualizzare i murales e di conoscere il quartiere.

Una bambina gioca accanto a un murale a Silwan, dicembre 2019. Ohad Zwigenberg
Un murale a Silwan, dicembre 2019. Ohad Zwigenberg

La Green è attiva in Cisgiordania e Gaza dal 1998, quando  visse in un campo profughi per tre mesi. “L’arte pubblica a Silwan è un atto radicale e pericoloso”, spiega nel manifesto che ha scritto per il progetto. “Evidenzia l’esistenza di persone la cui esistenza Israele nega”.

La gente del posto non sa spiegare con certezza perché il fringuello sia stato scelto come simbolo. Alcuni citano il divieto dell’Autorità per i Parchi e la Natura di catturare il fringuello a fini riproduttivi come uccello canoro, un’usanza popolare tra i palestinesi. Altri credono che simboleggi la libertà e l’indipendenza, mentre alcuni sostengono che i suoi colori ricordano quelli della bandiera palestinese, che a Gerusalemme est non può essere esposta.

Il primo murales con fringuelli è stato dipinto in una posizione particolarmente delicata – in Wadi Hilwa Street, non lontano dal vicino centro visitatori di Ir David. Il dipinto include anche  una scritta che recita: “La mia patria non è una valigia e io non sono un viaggiatore”, una citazione del famoso poeta palestinese Mahmoud Darwish. Il comune di Gerusalemme ha cercato di rimuovere il murale per motivi di incitamento alla violenza, ma una volta spiegata l’origine della frase , è stato lasciato intatto. “I coloni vorrebbero  che noi  stessimo qui solo come turisti “, afferma Jawad Siam, attivista sociale di Silwan e direttore del Madaa Creative Center, che è partner del progetto murale.

Donne palestinesi che camminano davanti a un murale a Silwan, dicembre 2019. Ohad Zwigenberg

Molte delle pareti dipinte si trovano nella parte orientale del quartiere e si affacciano a ovest, come se fossero destinate ai visitatori e ai turisti israeliani che guardano il villaggio da Ir David. Molti dei murales consistono in enormi paia di occhi che fissano i visitatori che arrivano a Silwan dal lato ovest. ” Voglio che Silwan guardi in ogni direzione”, afferma Green.

Gli occhi che guardano fuori dalle mura non sono solo occhi: appartengono a figure diverse che simboleggiano la lotta palestinese e hanno lo scopo di trasmettere un messaggio di protesta e speranza agli abitanti dei villaggi locali. Tra loro ci sono gli occhi di Ahmed Musa, un palestinese della Cisgiordania la cui immagine è stata catturata dal fotografo palestinese-americano John Halaka; di Odai, un quattordicenne del villaggio il cui arresto è stato testimoniato da Green; di Rachel Corrie, l’attivista americana che è stata uccisa da un bulldozer dell’esercito israeliano a Rafah nel 2003; e di John Berger, il poeta e critico d’arte britannico che  fu anche un sostenitore dei diritti dei palestinesi.

Un murale a Silwan, dicembre 2019. Ohad Zwigenberg
Un murale a Silwan, dicembre 2019. Ohad Zwigenberg

I murali  si rifanno anche ad altre figure che ispirano la lotta palestinese. Uno rappresenta gli occhi dello psicologo ebreo austriaco Sigmund Freud. La stessa Green, una psicologa, ha attribuito la sorprendente scelta all’ultimo libro di Freud, “Moses and Monotheism”, in cui vi si descrive l’origine egiziana dell’ebraismo attraverso il personaggio del principe Moses. “Tutto ciò che i coloni stanno facendo a Silwan, lo stanno facendo nel nome dell’ebraismo “, spiega Green.” Freud mostra come sia possibile parlare di religione e monoteismo in un modo diverso, e ciò aiuta”. Non lontano dal murale di Freud ce n’è un altro con gli occhi di Alejandro (Alex) Nieto, un giovane americano ucciso a colpi di pistola dalla polizia di San Francisco nel 2016 senza una chiara ragione. Un altro rappresenta gli occhi di Bai Bibyaon, leader della protesta indigena nelle Filippine.

“Volevo che la gente ci guardasse. Siamo qui e nessuno parla di noi, nessuno sa di noi “, afferma Siam. “C’è solo l’idea che i palestinesi siano terroristi, ma noi vogliamo dire a tutti loro  che noi  siamo qui, che adoriamo la nostra terra e la nostra casa. Con il loro sguardo fisso, gli occhi dicono alle persone che li vediamo e che loro dovrebbero vedere noi”.

Traduzione di Grazia Parolari per Invictapalestina.org