Israele arresta, ancora una volta, la deputata Khalida Jarrar

Israele arresta, ancora una volta, la deputata Khalida Jarrar

Le Donne palestinesi in piazza

Il Manifesto - Michele Giorgio, 01.11.2019

Territori occupati.

La deputata, femminista e dirigente del Fronte popolare da ieri è sotto interrogatorio. Per lei si annunciano altri mesi di detenzione "amministrativa", senza processo. Per la sua liberazione e per quella di Heba al Labadi raduni ieri in città palestinesi ed europee

Suha Jarrar ci racconta al telefono da Ramallah il quarto arresto subito, nella notte tra mercoledì e giovedì, dalla madre Khalida Jarrar, deputata palestinese, storica attivista dei diritti delle donne e tra i dirigenti del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, il Fplp, la sinistra marxista. «È stato come rivedere un brutto film» ci dice. «Eravamo in casa solo mia madre ed io. Intorno alle 3 siamo state svegliate da forti rumori proprio sotto la nostra abitazione. Abbiamo visto una dozzina di jeep piene di soldati israeliani, mamma ha capito subito che venivano per lei». I militari guidati di un ufficiale, prosegue Suha Jarrar, «ci hanno intimato di aprire la porta. Appena entrato l’ufficiale con un sorriso beffardo si è rivolto a mia madre con le parole “eccoci di nuovo qui” e le ha ordinato di seguirlo. Ho chiesto di poter vedere il mandato di arresto ma i soldati non mi hanno mostrato nulla. Poi mi hanno allontanato da mia madre e ho potuto abbracciarla e salutarla solo per pochi secondi».

Tutto è avvenuto a breve distanza dal centro di Ramallah e poche centinaia di metri dalla Muqata, il quartier generale dell’Autorità nazionale palestinese dove si trovano gli uffici del presidente Abu Mazen. Ma dalla presidenza ieri non sono giunti comunicati di protesta. Ad alzare la voce è stata un’altra importante donna palestinese, Hanan Ashrawi, del Comitato esecutivo dell’Olp. «Nelle stesse ore in cui (Jarrar) veniva portata via, altri attivisti nelle città di Ramallah e Betlemme sono stati arrestati dalle forze di occupazione israeliane», ha denunciato. «Ancora una volta» ha continuato Ashrawi, «è stata arrestata Khalida Jarrar, che è anche un insigne difensore dei diritti umani».

La jeep con a bordo la deputata del Fplp si è diretta alla prigione di Ofer. Poi al centro di detenzione di Hasharon. «Lì ora viene interrogata ed è probabile che ci resterà per giorni» ci spiega Suha Jarrar «domenica sarà portata davanti ai giudici militari e con ogni probabilità sarà posta ancora una volta in detenzione amministrativa, che non prevede un processo e la presentazione di accuse formali. È una misura disumana e contro il diritto ma Israele la applica da decenni nel silenzio del mondo». Al momento sono centinaia i palestinesi rinchiusi in carcere per mesi su richiesta dello Shin Bet, il servizio israeliano per la sicurezza interna. La loro detenzione senza processo può essere rinnovata più volte.

Ne fecero uso i britannici, durante il Mandato sulla Palestina. Israele ha poi inglobato la misura nel suo ordinamento. Viene usata contro i palestinesi sotto occupazione militare. I casi di israeliani posti agli arresti “amministrativi” si contano sulle dita di una mano.

Khalida Jarrar, 57 anni, era stata rilasciata lo scorso febbraio dopo 20 mesi di detenzione amministrativa. Un calvario denunciano la famiglia e il Fplp. Capo della Commissione parlamentare per i prigionieri politici e vice presidente dell’associazione Addameer che tutela i diritti dei detenuti, aveva scontato 14 mesi di carcere già tra il 2015 e il 2016. In quell’occasione fu accusata di ben 12 reati ma, evidentemente, senza prove dato che i giudici militari alla fine decisero di condannarla alla detenzione amministrativa e di non processarla. I palestinesi parlarono di una «vendetta» poiché Jarrar aveva rifiutato il domicilio coatto a Gerico ordinato da Israele. E perché faceva parte della commissione che prepara rapporti sulle violazioni israeliane destinati alla Corte penale internazionale. Nei Territori Khalida Jarrar è un simbolo della lotta all’occupazione, per le autorità israeliane è un membro di una «organizzazione terroristica».

In solidarietà con Khalida Jarrar, Heba al Labadi, in sciopero della fame da 38 giorni, e le altre palestinesi detenute in Israele, ieri a Ramallah, Haifa, Gerusalemme, Giaffa, Betlemme, Nazareth, Rafah, Berlino e Londra, sono scese in strada attiviste e simpatizzanti dell’associazione “Tal’at”, che si batte per la liberazione dalla società patriarcale e dall’occupazione israeliana, protagonista il 26 settembre di una mobilitazione simile dopo l’omicidio (avvenuto in famiglia) di una giovane di Beit Sahour, Israa Gharib. «La liberazione di Khalida, Heba e di tutti i prigionieri politici è centrale per la nostra lotta», spiega al manifesto Ebaa R., di Gaza, presente con altre decine di attiviste al raduno a Finsbury, a Londra, «Tal3at ripete ovunque dove è presente che la liberazione delle nostro popolo viaggia di pari passo con quella delle sue donne».

© 2019 IL NUOVO MANIFESTO SOCIETÀ COOP.