Oslo boicotta beni e servizi provenienti dagli insediamenti israeliani

https://www.bdsmovement.net/news/norways-capital-oslo-banning-israeli-settlement-goods-and-services

28 ottobre 2019 - Con una storica decisione, il Consiglio comunale di recente istituzione a Oslo, vieta l'accesso agli appalti pubblici di beni e servizi provenienti dagli insediamenti israeliani. Il divieto di merci provenienti dagli insediamenti illegali di Israele nel territorio palestinese occupato fa parte della piattaforma recentemente adottata per il 2019-2023 approvata dal Consiglio comunale di recente eletto di Oslo, guidato dalla sinistra socialista (SV), dai partiti laburista e verde.

Nonostante gli sforzi concertati di Israele e dei suoi alleati di destra in Norvegia e nel mondo per reprimere le misure di responsabilità a sostegno dei diritti dei palestinesi, Oslo, la capitale norvegese e la più grande città, è ora diventata il sesto comune norvegese, insieme a uno Consiglio provinciale, a vietare beni e servizi provenienti dagli insediamenti.

La scorsa settimana, l'esperto indipendente delle Nazioni Unite sui diritti umani nei territori palestinesi, Michael Lynk, ha chiesto il boicottaggio internazionale su tutti i prodotti degli insediamenti israeliani, come passo verso la fine dell'occupazione illegale di Israele da 52 anni .

Il consiglio comunale di Oslo si è impegnato attraverso la nuova piattaforma a:

Indagare la portata dell'azione nei regolamenti sugli appalti per non scambiare beni e servizi prodotti sui territori occupati, in violazione del diritto internazionale da parte di società che operano dietro autorizzazione del potere occupante.

Il divieto sui prodotti e servizi provenienti da insediamenti non distingue tra corporazioni israeliane e internazionali che operano negli insediamenti illegali di Israele.

Sunniva Eidsvoll, leader della sezione di Oslo del Partito della Sinistra Socialista (SV) e del gruppo della SV nel Consiglio comunale di Oslo, ha dichiarato:

Il popolo palestinese, che deve affrontare ogni giorno l'occupazione illegale del proprio territorio, merita attenzione e sostegno internazionali. È una responsabilità globale condivisa contribuire a garantire che i diritti umani e il diritto internazionale non vengano violati. Sono orgoglioso che il Consiglio comunale di Oslo stia ora prendendo provvedimenti per impedire che beni e servizi acquistati dalla città sostengano l'occupazione illegale della Palestina o di altri territori.

Il Partito socialista di sinistra della Norvegia è da molto tempo un sostenitore del movimento BDS.

Tora Systad Tyssen dell'Associazione delle ONG norvegesi per la Palestina (Fellesutvalget per la Palestina) ha dichiarato:

Il consiglio comunale di Oslo segue quelli di Trondheim, Tromsø, Vaksdal, Hamar, Lillehammer e il consiglio della contea di Nordland nel vietare gli affari con gli insediamenti illegali israeliani in terra palestinese occupata. È incoraggiante e stimolante vedere i consigli municipali norvegesi prendere una posizione ferma per i diritti umani e il diritto internazionale quando il nostro attuale governo non riesce.

Mentre il nostro governo nazionale vuole più commercio e cooperazione con Israele, il nuovo Consiglio comunale di Oslo afferma chiaramente che non vuole contribuire finanziariamente al furto su larga scala di terre e risorse palestinesi che stanno portando avanti le industrie in espansione degli insediamenti israeliani.

Alys Samson Estapé, coordinatore delle campagne europee del Comitato nazionale palestinese BDS (BNC), ha dichiarato:

Accogliamo con favore questo passo legalmente e moralmente responsabile adottato dal Consiglio comunale di Oslo. I consigli locali stanno dimostrando di non essere scoraggiati dalla repressione e continuano a spianare la strada, nonostante l'inazione da parte dei governi nazionali. Un divieto di beni e servizi dagli insediamenti illegali di Israele è il minimo che le istituzioni governative dovrebbero emanare per ridurre la loro complicità con il regime israeliano di apartheid, colonialismo dei coloni e occupazione.

Oltre a tale divieto, il governo norvegese dovrebbe anche adottare un embargo globale sul commercio di armi diretto e indiretto e sulla cooperazione militare con Israele e le società israeliane per garantire il rispetto da parte degli utenti finali del diritto internazionale.

Il governo irlandese sta attualmente rivedendo il disegno di legge sui territori occupati, approvato da entrambe le Camere del Parlamento, che vieterebbe all'Irlanda di importare merci dagli insediamenti illegali di Israele.

Nel 2018, tre partiti di destra hanno cercato di prevenire il boicottaggio degli insediamenti a Trondheim e Tromsø. Tuttavia, il segretario di stato norvegese presso il ministero degli Esteri, Audun Halvorsen, ha inferto un duro colpo a tali sforzi, affermando che un boicottaggio di "beni e servizi prodotti negli insediamenti non contraddice gli impegni internazionali della Norvegia".

traduzione:

Parallelo Palestina