Il pinkwashing di Israele comincia ad essere smascherato

Mentre lo Stato israeliano continua a uccidere e ad espellere i Palestinesi, Nathan Czapnik svela l’immagine ingannevole di Israele come rifugio LGBT sicuro e tollerante.

Nathan Czapnik – 3 ottobre 2019  https://www.invictapalestina.org/archives/37124

Il governo israeliano si mostra  orgoglioso nel presentare la sua nazione come un “paradiso sicuro” per i diritti LGBT. Di fronte all’uccisione, alla tortura e alle espulsioni di centinaia di Palestinesi effettuate nel corso dei decenni dalle Forze di Difesa Israeliane, il governo si aspetta ancora che il mondo sostenga Israele per la sua inclusività e per il suo essere progressivo.

In realtà, il governo israeliano ha ingannato gran parte del mondo con il suo “pinkwashing “.

Creando una narrazione secondo cui Israele è più affine ai valori “occidentali” rispetto alle popolazioni prevalentemente musulmane in Medio Oriente, Israele è in grado di presentarsi come accogliente e inclusivo, mentre descrive gli altri Paesi della regione come arretrati.

“Pinkwashing” è un termine usato per descrivere il sostegno protervo e ingannevole dei diritti LGBT da parte di governi e di  corporazioni private. Facendo leva sui movimenti LGBT di tutto il mondo, i responsabili del pinkwashing  utilizzano l’agenda dei diritti dei gay come mezzo per apparire progressisti e tolleranti in modo che possano guadagnare popolarità pubblica.

Quando si esamina in modo specifico l’uso del  pinkwashing da parte dello Stato israeliano, diventa ovvio il motivo per cui hanno scelto questo strumento di propaganda. Non solo il  pinkwashing porta turisti a Tel Aviv, ma bilancia lo storico record di Israele nelle violazioni di diritti umani.

Sulla scia della crescita esponenziale del sostegno internazionale al movimento pro-palestinese / anti-israeliano di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), con conseguente boicottaggio dei beni e del turismo israeliani, Israele si è aggrappato al “turismo gay”  come mezzo per resistere a ulteriori boicottaggi.

In un articolo online dell’ufficio turistico israeliano “Tourist Israel” intitolato “Perché Tel Aviv è la destinazione di viaggio LGBT per eccellenza”, l’ampiezza della macchina statale di propaganda pinkwashing è allarmante.

Accanto ad altri articoli e alla pubblicità, l’articolo afferma che Israele è “sicuramente la nazione più  inclusiva e progressista del Medio Oriente” , “leader dei diritti dei gay nella regione”. Facendo dichiarazioni così radicali, è chiaro che questo articolo non è stato progettato esclusivamente per attrarre turisti gay, ma è piuttosto l’ennesimo mezzo per riproporre la narrazione di nazione “superiore” e più “progressista” rispetto alle altre nazioni del Medio Oriente.

Negli ultimi mesi Israele ha ricevuto forti reazioni negative per aver ospitato il concorso  canoro Eurovision 2019 tenutosi a Tel Aviv.

Attivisti come l’organizzazione palestinese Al Qaws e il gruppo arabo queer Pinkwatching Israel (una  sezione del BDS) hanno chiesto il boicottaggio di massa dell’evento. Di conseguenza, l’affluenza a Eurovision è stata significativamente inferiore rispetto agli anni precedenti, con persino il Jerusalem Post che ammetteva che “migliaia di biglietti Eurovision  sono rimasti invenduti”.

La pubblicità negativa ricevuta da Eurovision non sarebbe stata così diffusa se non fosse stato per queste organizzazioni, in quanto  sono state loro a chiedere per la prima volta il boicottaggio – una reazione diretta della comunità gay al tentativo di  impossessarsi di un evento a lungo associato a un grande pubblico gay. Pubblicità negativa al pinkwashing, in azione.

Tel Aviv è una città che si vanta di apparire come un faro per la politica LGBT. Con un quarto della sua popolazione di 400.000 abitanti che si identifica come gay, la città è una destinazione  popolare per i turisti gay  provenienti dai Paesi occidentali e riceve innumerevoli recensioni positive da agenzie turistiche gay internazionali.

Con uno dei più partecipati cortei Pride al mondo e il Festival Internazionale del Cinema LGBT , Tel Aviv si potrebbe erroneamente considerare una città inclusiva.

Al contrario,nonostante questo velo di progressività, la città  sostiene in modo schiacciante i bianchi maschi omosessuali Ashkenazi, mentre altre identità, comprese quelle della popolazione ebraica Mizrahi, sono prevalentemente escluse dalla rappresentanza.

Sebbene la politica di apartheid di Israele nei confronti dei Palestinesi sia molto più estrema, le disparità di reddito e di opportunità tra i diversi gruppi ebraici mostrano che il Paese è tutt’altro che egualitario.

Oltre alla preoccupazione sulla continua annessione di terre in  Cisgiordania e a Gaza  ad opera di Israele, i Palestinesi LGBT sono sottoposti a pesanti  ricatti da parte delle Forze di Difesa Israeliane perché diventino informatori, con la minaccia che se non  accettano saranno forzosamente costretti a fare “outing” con le loro famiglie e amici.

Alcune indagini hanno  rivelato come l’intelligence israeliana monitori l’attività su Internet e le telefonate dei Palestinesi per identificare le persone LGBT da utilizzare come potenziali informatori.

Allo stesso tempo, le immagini di omicidi e di percosse a Palestinesi LGBT da parte di islamisti sono ampiamente diffuse dai media israeliani, in particolare dalle organizzazioni israeliane LGBT, per diffondere la narrazione che nella regione solo Israele è un rifugio sicuro per le minoranze sessuali e di genere.

Un’organizzazione di base, tra le altre, che sfida questa narrazione dell’omofobia palestinese è l’organizzazione con base palestinese Al Qaws.

Fondata nel 2007, Al Qaws offre supporto, consulenza e iniziative per costruire comunità per i palestinesi LGBT e le loro famiglie.

Il sito Web di Al Qaws afferma che “gestisce centri ed eventi nelle città e nelle aree rurali della Palestina, gestisce una hotline di supporto nazionale accessibile via telefono e online, crea partenariati e alleanze con istituzioni culturali e organizzazioni della società civile, crea campagne e opere mediatiche innovative per trasformare il dibattito pubblico “.

Al Qaws ha picchettato su tutto il territorio palestinese esprimendosi contro il  pinkwashing israeliano e sfidando il pregiudizio che la Palestina sia una nazione intrinsecamente arretrata e omofobica.

Il 1 ° agosto di quest’anno Al Qaws ha manifestate ad Haifa con la partecipazione di oltre 200 persone “sfidando la falsa narrativa di ”protezione” riferita al ”rifugio gay“ di Tel Aviv, affermando che “i queer palestinesi non vogliono essere costretti a chiedere asilo al  loro occupante“.

Di ritorno in Gran Bretagna, il gruppo “No To Pinkwashing – No To Israeli Apartheid” ha partecipato ai Pride volantinando e facendo picchetti, alleandosi con il BDS e altri nella lotta per la giustizia in Palestina. Man mano che più terre palestinesi vengono annesse e più Palestinesi vengono uccisi, più voci LGBT vengono sollevate  a livello internazionale da coloro che rifiutano di vedere la loro lotta per l’inclusività cooptata da uno Stato di apartheid.

Nathan Czapnik è uno scrittore socialista gay di origini ebraiche.

Trad. Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” – Invictapalestina.org