Come Israele ha contribuito a cancellare i massacri dei comunisti in Indonesia

Per far avanzare i suoi obiettivi politici, economici e di sicurezza, negli anni ’60 l’intelligence israeliano contribuì a cancellare l’omicidio di mezzo milione di membri del Partito Comunista Indonesiano e di altri gruppi di sinistra.

Di Eitay Mack

+972, 09.09.2019

Nell’ottobre 1965, il governo indonesiano lanciò nel Paese una massiccia epurazione dei partiti di sinistra e comunisti. Nei sei mesi seguenti, almeno mezzo milione di membri del Partito Comunista Indonesiano (PKI) e dei relativi partiti di sinistra furono assassinati, mentre oltre un milione di cittadini furono incarcerati senza processo. Molti di quelli che furono incarcerati furono brutalmente torturati, tenuti in condizioni disumane o condannati a lavori forzati. Alcuni di loro  rimasero in carcere per 30 anni.

La giustificazione ufficiale della purga fu una serie di eventi che iniziarono a partire dal 1 ° ottobre 1965. Un gruppo chiamato Movimento del 30 settembre, guidato da un comandante della Guardia Presidenziale, rapì e uccise sei generali; il gruppo sostenne  che  aveva cercato di impedire un colpo di stato militare appoggiato dalla CIA contro Ahmed Sukarno, il presidente democraticamente eletto che era stato un eroe della lotta di liberazione dell’Indonesia dal dominio coloniale olandese.

Un gruppo di generali sotto il comando del generale Suharto affermò che gli omicidi erano un tentativo del Partito Comunista e dei suoi alleati di sinistra di prendere il controllo dell’Indonesia con la forza e con l’aiuto della Cina. L’esercito  assunse il governo e  lanciò immediatamente una campagna di incitamento all’odio che  portò ai massacri e alle detenzioni di massa.

Per decenni il regime militare, così come vari investigatori,insistettero nel sostenere  che quei sei mesi intrisi di sangue erano stati la conseguenza di azioni spontanee condotte da cittadini comuni infuriati per il tentativo della sinistra di conquistare il Paese. Geoffrey Robinson, un professore dell’UCLA che ha dedicato il lavoro della sua vita allo studio degli orrori nell’Indonesia del 20 ° secolo, afferma nel suo libro “The Killing Season: A History of the Indonesian Massacres, 1965-66”, che l’esercito diresse le uccisioni e le detenzioni di massa tramite commandos creati appositamente per questo scopo.

Robinson ha trovato dei documenti che dimostrano che le operazioni  furono pianificate con cura. Scrive che la campagna di incitamento dell’esercito richiese la completa distruzione dei partiti comunisti e dei loro sostenitori. Afferma anche che la maggior parte delle persone che furono uccise furono inizialmente detenute per un interrogatorio, spesso perché i loro nomi apparivano in liste preparate dall’esercito.

Le forze dell’esercito, della polizia e della milizia  effettuarono arresti senza mandato giudiziario. I detenuti erano sottoposti ad un  interrogatorio durante il quale venivano  gravemente torturati. Dopo l’interrogatorio, i prigionieri  venivano divisi in tre categorie in base al presunto livello di coinvolgimento nel Movimento del 30 settembre. Alcuni furono trasferiti in colonie penali, strutture di detenzione e campi di concentramento sotto il comando militare, mentre altri furono giustiziati. Quelli   condannati a morte furono trasportati in veicoli militari verso il luogo di esecuzione, o passati a squadroni della morte o a milizie anticomuniste. Legati  e bendati, i detenuti furono colpiti sul bordo delle fosse e seppelliti, oppure furono fatti a pezzi da machete e coltelli. I corpi e le parti del corpo venivano spesso gettati in pozzi, fiumi, laghi e canali di irrigazione. Le teste e gli arti venivano esposti sulle strade, nei mercati e in altri luoghi pubblici.

A differenza dei genocidi in Bosnia e in Guatemala, le vittime in Indonesia non furono prese a causa della loro identità etnica, religiosa o nazionale, ma piuttosto per la loro sospetta affiliazione politica. Oltre alla leadership del Partito Comunista e ai leader di vari altri gruppi di sinistra, la maggior parte delle vittime era povera o di classe media. Includeva operai, insegnanti, accademici, studenti, alunni delle scuole superiori, artisti, scrittori e impiegati pubblici. La maggior parte di queste persone non aveva alcun legame con il rapimento dei sei generali, ma le uccisioni e gli arresti  di massa furono condotti come punizione collettiva.

I documenti trovati di recente negli archivi statunitensi e britannici mostrano che entrambi i Paesi  furono pienamente consapevoli del massacro e delle detenzioni di massa. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna incoraggiarono l’eliminazione del Partito Comunista e appoggiarono la dittatura militare del generale Suharto, che rimase al potere fino al 1998. Il sostegno americano e britannico al regime di Suharto arrivò non solo sotto forma di aiuti militari, ma anche con accordi economici che intendevano inviare un messaggio all’esercito, ovvero  che stava agendo in modo appropriato.

Il sostegno americano e britannico all’esercito indonesiano  arrivò sullo sfondo della guerra fredda e della guerra del Vietnam. Il Partito Comunista indonesiano era uno dei più grandi al mondo: nel 1965 contava circa 3,5 milioni di membri, con circa 20 milioni di cittadini coinvolti in organizzazioni ad esso collegate (organizzazioni femminili, organizzazioni giovanili, di agricoltori, lavoratori, leader culturali e altro).

Gli americani e gli inglesi consideravano Ahmed Sukarno, il presidente dell’Indonesia, anti-americano e anti-occidentale. Gli Stati Uniti, preoccupati per i suoi legami con la Cina e l’URSS, agirono in Indonesia come in Cile, dove aiutarono a minare il governo socialista di Salvador Allende e contribuirono a mettere Augusto Pinochet al potere. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna  rafforzarono l’esercito e il militarismo in Indonesia e  condussero una guerra psicologica che aveva lo scopo di creare isteria anticomunista per aumentare il sostegno alla destra. Secondo Robinson, sebbene non sia stata ancora trovata alcuna prova concreta della partecipazione americana e britannica alla pianificazione della violenza scoppiata nell’ottobre 1965, non vi è assolutamente alcun dubbio che le due maggiori potenze abbiano approfittato dell’opportunità di perseguire i propri interessi in Indonesia e nel sud-est asiatico.

L’Indonesia  ripristinò la democrazia nel 1998, ma l’esercito gode ancora di un enorme potere politico. Dopo decenni di indottrinamento, con il regime militare di Suharto che rivendicava come giustificazione ufficiale che la presa di potere militare era stata una difesa necessaria contro la minaccia del comunismo, le iniziative per indagare sulla verità sono state sistematicamente bloccate. Ancora oggi, anni dopo la fine della guerra fredda, i membri più anziani dell’esercito e i partiti politici usano la minaccia comunista come mezzo per consolidare il sostegno pubblico.

“Gli indonesiani non sono ancora pronti per la piena democrazia”

Il Ministero degli Affari Esteri israeliano ha recentemente  desecretato diversi documenti degli archivi di Stato, che forniscono informazioni riguardanti le relazioni tra Israele e Indonesia negli anni ’50. I documenti rivelano che, nonostante i messaggi contrastanti del governo indonesiano, lo Stato di Israele  considerò Sukarno come un ostacolo alla costruzione di una relazione tra i due Paesi,  adottando la visione del mondo degli Stati Uniti sulla guerra fredda e sul governo di Sukarno , sperando quindi che fosse estromesso.

A partire dalla metà degli anni ’50, Israele e Indonesia  ebbero interazioni informali in materia di difesa e sicurezza, ma queste non divennero relazioni diplomatiche ufficiali . L’Indonesia  aderì alla pressione araba escludendo Israele dalla conferenza di Bandung dell’aprile 1955, nel corso della quale fu fondata l’Unione degli Stati Non Allineati.

Sukarno stava  combattendo contro gruppi ribelli in varie isole indonesiane, alcuni dei quali erano sostenuti dagli Stati Uniti come mezzo per minare il suo governo. Il vicecapo dell’ambasciata israeliana all’Aia scrisse un rapporto su una riunione del 12 dicembre 1957  avuta con il direttore della sezione politica del Ministero degli Esteri olandese. Secondo il rapporto, il personale del Ministero degli Esteri olandese sosteneva che la maggior parte dei gruppi ribelli in Indonesia erano anticomunisti e che se i comunisti avessero continuato a guadagnare influenza sull’isola centrale di Giava o a Jakarta, la ribellione contro Sukarno sarebbe cresciuta. Il rapporto si concludeva  con lo scrivente che sosteneva di aver avuto l’impressione che il governo olandese non sarebbe stato scontento se la ribellione si fosse diffusa nelle altre isole indonesiane.

Secondo i telegrammi inviati dai rappresentanti dei ministeri israeliani degli Esteri e della Difesa nel febbraio 1957, gli indonesiani erano interessati ad acquistare aerei da combattimento da Israele. In un telegramma del 28 febbraio, Emanuel Zippori del Dipartimento dell’Asia del Ministero degli Affari Esteri scrisse che i rappresentanti indonesiani non sembravano avere istruzioni specifiche su come interagire con Israele; in alcuni Paesi, i rappresentanti indonesiani intrattenevano buoni rapporti personali e ufficiali con le loro controparti israeliane. Dipendeva dalla personalità del rappresentante indonesiano.

Suharto con il presidente degli Stati Uniti Gerald Ford e il Segretario di Stato Henry Kissinger il 6 dicembre 1975, un giorno prima dell’invasione di Timor Est. (Per gentile concessione di Gerald R. Ford Presidential Library)

Nel novembre 1957 il Ministero della Difesa preparò un elenco di equipaggiamento militare che era disposto a vendere all’Indonesia, comprese le armi leggere. La condizione per effettuare la  vendita era una firma legale dall’Indonesia, anche se l’accordo era stato effettuato tramite una procura. Nell’ottobre 1958, a Israele fu chiesto di vendere bombe a mano da 9 mm in Indonesia. Israele chiese e ricevette il consenso dei Paesi Bassi, che all’epoca erano coinvolti in una disputa con l’Indonesia sul controllo della parte occidentale della Nuova Guinea.

In un telegramma del 15 aprile 1958, Shmuel Bendor, rappresentante israeliano in Cecoslovacchia, riferì di un incontro con l’ambasciatore indonesiano a Praga. Secondo Bendor, la sua controparte indonesiana aveva respinto le richieste degli Stati Uniti e criticato il suo atteggiamento nei confronti dell’Indonesia.

“Dicono che l’Indonesia si stia dirigendo verso il comunismo”,  ha detto il diplomatico indonesiano. “Questa è follia. L’Indonesia non vuole appartenere a nessuna parte, perché non crediamo che il mondo sia diviso in due parti o che ogni Paese debba scegliere una parte alla quale appartenere. Questo è ciò che gli americani non vogliono capire. Ad esempio, per quanto riguarda le armi: si risentono dei tentativi dell’Indonesia di acquistare armi dall’Europa orientale. L’Indonesia non ha scelta, perché gli americani impongono condizioni che l’Indonesia non può accettare (e ha parlato di aiuti finanziari).

“L’esercito indonesiano” miserabile “(il termine è suo) deve acquisire alcune nuove armi, perché i ribelli usano nuove armi”, ha continuato il diplomatico. “Affermano anche che il presidente Sukarno è solidale con il comunismo, il che è assurdo. È un democratico in ogni senso della parola. Se c’è un aspetto della sua ideologia che si potrebbe criticare, è che ha la tendenza ad essere troppo liberale. L’Indonesia ha bisogno di una mano forte, perché il suo popolo non è ancora pronto per la piena democrazia. I vari partiti politici pongono la politica del partito al di sopra dell’interesse nazionale – questo vale anche per i partiti che fanno parte della coalizione di governo – e questo mina la stabilità del governo. Sukarno lo sa, ma la sua visione liberale  del mondo gli impedisce di usare  la mano forte per affrontare la questione. ”

Il governo israeliano  decise di non vendere armi all’Indonesia per tre motivi: il rifiuto dell’Indonesia di stabilire relazioni diplomatiche formali con Israele; la difficoltà a mantenere il segreto;  il rischio che la vendita mettesse in pericolo le relazioni di Israele con altri stati della regione. In un telegramma al direttore del Ministero degli Esteri dell’11 aprile 1958, il diplomatico israeliano Walter Eytan scrisse: “La questione non sarebbe rimasta segreta, così come gli accordi con Nicaragua e Cuba non rimasero segreti. Qualsiasi vendita di armi all’Indonesia ci porterebbe l’inimicizia di importanti Stati asiatici. Proprio come abbiamo visto in Sud America, altri stati asiatici potrebbero contattarci con richieste simili e saremmo in guai seri, così come abbiamo avuto  guai seri in America Latina. ”

In una riunione del Ministero degli Esteri del 4 aprile 1967, il Ministro degli Esteri Abba Eban sintetizzò così le relazioni di allora tra Israele e Indonesia: “Cercavamo una nuova leadership. Siamo stati in grado di raggiungere e discutere alcune questioni pratiche che avrebbero potuto  consentire una rappresentanza israeliana in Indonesia, per alcune imprese economiche e di sviluppo. Le cose andavano avanti e indietro e c’erano alti e bassi. Tutto era basato sull’estromissione di Sukarno. ”

“Non trattateli come africani ma come europei”

I documenti del Ministero degli Esteri rivelano che a pochi mesi dai massacri, il Mossad sapeva chi ne era il responsabile. Il 15 novembre 1966, appena sei mesi dopo che i massacri erano stati compiuti, un rapporto scritto descrive la catena di eventi: “Nell’ottobre 1965, i comunisti tentarono di assumere il governo con l’aiuto della Cina continentale. L’esercito riuscì a reprimere il tentativo di presa di potere e il Partito Comunista fu  dichiarato illegale. ”

“Il Partito comunista indonesiano, il partito più potente del Paese con tre milioni di membri, collaborò  con i cinesi sotto la guida di D.N. Aidit “, continua il rapporto. “Se il tentativo di colpo di stato fosse riuscito, la Cina avrebbe avuto un vantaggio significativo che avrebbe ridistribuito  gli equilibri di potere nella regione. Ci fu un massacro di massa dei partecipanti alla rivolta e delle loro famiglie, con le vittime tra le 300.000 e le 700.000. Nel marzo 1967 l’esercito prese il controllo, sotto la guida del generale Suharto… ”

Nello stesso rapporto, il generale Suharto è descritto come “[il] Primo Ministro ad interim, sostenuto dall’esercito e dagli anticomunisti. Apertamente filo-occidentale. Una personalità anodina, poco noto tra la gente. ”

Abitanti di Timor Est commemorano il massacro di Santa Cruz, in cui almeno 250 manifestanti a favore dell’indipendenza di Timor Est  furono assassinati dalle forze indonesiane il 12 novembre 1991, durante l’occupazione indonesiana di Timor Est. (Mark Rhomberg / ETAN)

Nei 54 anni successivi ai massacri, emergono ancora dettagli sul numero di morti, su chi li ha uccisi e sul perché e su cosa possiamo imparare dagli eventi che hanno avuto luogo. Il rapporto del Mossad è quindi estremamente importante, poiché conferma che vi è stato effettivamente un massacro di diverse centinaia di migliaia di cittadini. Il numero di morti menzionato nel rapporto del Mossad corrisponde al numero generalmente concordato dalla maggior parte degli investigatori, sebbene il Mossad abbia adottato la propaganda dell’esercito indonesiano in merito agli eventi di ottobre e alla teoria della cospirazione  con la Cina. Oggi sappiamo che non ci sono prove a supporto di questa versione dei fatti.

Dopo che subentrò il generale Suharto, il Mossad gestì le relazioni di Israele con l’Indonesia. La conoscenza dei massacri e di chi era dietro di essi non  impedì all’agenzia di intelligence di stabilire legami economici e di sicurezza con il regime militare in Indonesia, sotto l’egida di un’iniziativa classificata  come “Casa e giardino”. L’Indonesia  ricevette un nome in codice per ragioni di sicurezza; di tanto in tanto veniva anche usato il nome “Corea del Sud”. I documenti del Ministero degli Esteri chiariscono oltre ogni ragionevole dubbio che con tali diciture ci si riferiva all’Indonesia.

Il Mossad   gestì i contatti con il regime militare indonesiano per avviare progetti commerciali congiunti come petrolio greggio, cotone, fosfati, carne bovina, aviazione interna, alberi, soia, carta, mais,  contenitori di metallo e trasporto di petrolio. Parte di queste attività commerciali furono  gestite tramite società di procura. Allo stesso modo, l’esercito indonesiano e Israele crearono congiuntamente una società per la commercializzazione di diamanti dall’Indonesia. Il 28 maggio 1967, il Mossad concluse un accordo con una società indonesiana chiamata Berdikari, controllata da generali dell’esercito. L’accordo specificava che gli indonesiani erano interessati all’acquisizione di materiale militare e di uniformi da Israele.

Il Mossad  organizzò visite per funzionari indonesiani in Israele, e in cambio rappresentanti del Mossad  visitarono il regime militare in Indonesia. Le reciproche visite  avvennero con  la massima segretezza. Secondo le note preparate dal Mossad prima di una visita del 31 gennaio 1967, “I membri della delegazione saranno presentati come visitatori dalla Corea del Sud. Non bisogna  menzionare la loro nazionalità a meno che  venga concordato in anticipo con i rappresentanti del Mossad. “Il documento preparato dal Mossad il 6 aprile 1967, prima della visita di un’altra delegazione indonesiana, specifica:” Sappiamo poco del loro carattere, modo di pensare o reali relazioni con noi. Tuttavia, non  si devono trattare come africani, ma piuttosto come se fossero europei. ”

L’ordine del giorno della visita comprendeva – oltre agli incontri con il direttore del Ministero degli Esteri e il capo del Mossad – un’esibizione di Re Salomone e una sfilata di costumi da bagno Gottex. Il 30 luglio 1967, arrivò in Israele un’altra delegazione indonesiana. Questa includeva il direttore dell’ufficio del Primo Ministro, che era anche il capo dei servizi di sicurezza. La delegazione era interessata all’acquisizione di pezzi di ricambio  per l’equipaggiamento militare ottenuto dall’URSS. Si  incontrarono con il capo del Mossad, il Ministro della Difesa e il capo dello staff dell’IDF,  parteciparono a un tour aereo della penisola del Sinai e assistettero a un’esibizione di hardware militare alla base militare di Tzrifin.

Poiché fu il Mossad a gestire  le relazioni con l’Indonesia e la maggior parte dei documenti di quel periodo non sono ancora stati resi pubblici, è difficile sapere come Israele abbia sviluppato le sue relazioni commerciali e di difesa con l’Indonesia. L’esempio dell’Indonesia, tuttavia, illustra il pericolo  insito nel fatto che sia il Mossad a gestire le relazioni tra Stato e Stato, come accade oggi con molti Paesi del mondo, compresi gli Stati arabi. Nonostante sapessero che il regime militare di Suharto aveva massacrato centinaia di migliaia di cittadini, il Mossad stabilì legami economici e di sicurezza con i generali indonesiani.  Considerando questa storia, non possiamo garantire che il Mossad di oggi – che è essenzialmente un’istituzione segreta che si occupa di sicurezza – tenga conto dei diritti umani e del diritto internazionale.

È estremamente deplorevole che, appena 20 anni dopo la Seconda Guerra Mondiale Israele, come gli Stati Uniti e la maggior parte degli Stati occidentali, abbia  contribuito a  cancellare i crimini dell’esercito indonesiano e lo abbia visto come un partner legittimo per il progresso politico, economico, e per i suoi obiettivi di sicurezza. Il silenzio del mondo negli anni ’60, quando centinaia di migliaia di indonesiani furono massacrati o imprigionati indefinitamente senza processo, rafforzarono il regime militare. Nel 1975 la minaccia comunista fu usata come scusa per invadere Timor Est; quando  i militari si ritirarono  nel 1999, avevano commesso crimini contro l’umanità – torturando, violentando e uccidendo molti civili.

Il Ministero degli Esteri israeliano e il Mossad hanno l’obbligo morale di  desecretare tutti i documenti di quegli anni riguardanti l’Indonesia, al fine di contribuire a mettere in luce la verità,  esattamente come Israele si aspetta che altri Paesi rivelino i documenti sull’Olocausto in loro possesso.

 

Eitay Mack è un avvocato israeliano per i diritti umani che lavora per fermare gli aiuti militari israeliani ai regimi che commettono crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta in ebraico su Local Call.

Traduzione di Grazia Parolari per Invictapalestina.org