Rifiuti provenienti da insediamenti israeliani illegali defluiscono verso Salfit

Di Patty Diphusa - 25 luglio 2019

Basta camminare vicino alle sorgenti d'acqua nella periferia della città palestinese di Salfit per rendersi conto di quanto siano gravi i  problemi relativi a inquinamento idrico e gestione dei rifiuti.

Acque marroni stagnanti e fanghi si diffondono  attraverso quello che un tempo era un fiume limpido e gli odori che emanano dal fiume sono quasi insopportabili.

Comunque , questi rifiuti, non provengono tutti da Salfit stessa.

La città palestinese si trova due chilometri a sud di Ariel, il secondo insediamento israeliano illegale in Cisgiordania ed è costantemente esposta alle conseguenze ambientali dello scarso trattamento che lì fanno delle acque reflue.

Inoltre, Salfit è anche infettata  dai rifiuti chimici che confluiscono nelle acque sotterranee da  Burkan, il più grande complesso  industriale israeliano in Cisgiordania, situato a soli cinque chilometri a ovest.

Per la città di Salfit, un tempo terra palestinese con un vasto ecosistema naturale ed un paesaggio prospero, questo inquinamento causato dagli insediamenti è diventata una delle loro maggiori minacce.

Diventare il cassonetto per i rifiuti israeliani

Un rapporto di B’Tselem del 2009 ha rilevato che dei 121 insediamenti esistenti  in Cisgiordania, solo 81 di essi erano collegati a impianti di trattamento delle acque reflue. Delle strutture di insediamento esistenti, oltre la metà di esse era inadeguata per adattarsi alla rapida crescita della popolazione dei coloni.

Sebbene il rapporto risalga al 2009, l'evidenza suggerisce che non sono stati apportati miglioramenti per quanto riguarda l'inquinamento delle acque dovuto ai rifiuti provenienti dagli insediamenti.

In un'intervista con Palestine Monitor, il direttore del dipartimento della salute e dell'ambiente del comune di Salfit, Ashraf Zuhud, ha confermato che a questo proposito “gli impianti di trattamento dei rifiuti non sono stati adattati dalla creazione dell’insediamento illegale di Ariel e che ogni anno la situazione peggiora  rispetto al precedente ”.

Ha poi continuato a spiegare che oltre 20 anni fa è stato istituito un piano di trattamento dei rifiuti nell'insediamento per servire una popolazione di 7000 persone; oggi, oltre 20.000 persone abitano Ariel. E sebbene la popolazione sia cresciuta in modo esponenziale, le strutture per il trattamento dei rifiuti non sono state adeguate a questo ritmo.

I rifiuti non provengono solo dall'insediamento di Ariel, ma anche dal complesso industriale di  Burkan, che scarica verso Salfit  acqua chimicamente inquinata  e contenente elementi cancerogeni. Zuhud ha spiegato che "le fabbriche sono state trasferite dall'interno di Israele nella Cisgiordania occupata questo perché la popolazione israeliana si lamentava dei pericoli dei rifiuti e dell'inquinamento chimico dell'acqua".

Sebbene l'inquinamento delle acque provenienti da Ariel e Burkan siano tra le minacce più serie per la città di Salfit, Zuhud ha anche spiegato che la questione dei rifiuti non si limita all'acqua. Ha affermato che "spesso i coloni vengono durante la notte a Salfit per depositare i loro rifiuti nei campi palestinesi".

 Sorgente d'acqua contaminata a Salfit.

Pericoli gravi per la popolazione

Oltre alle preoccupazioni per la sostenibilità e la conservazione dell'ambiente di Salfit, l'inquinamento dei rifiuti degli insediamenti minaccia anche i mezzi di sussistenza della popolazione locale.

Durante la visita ai corsi d'acqua nelle vicinanze, Ahmad, una persona del posto, che ha registrato personalmente il deterioramento dell'ambiente intorno a Salfit per diversi anni, ha detto a Palestine Monitor "le persone erano solite venire qui e godersi la natura".

Oggi, prove crescenti suggeriscono anche che l'inquinamento sta portando un gran numero di malattie alla popolazione. Ahmad ha affermato che sebbene siano stati condotti test per analizzare potenziali elementi pericolosi nell'acqua, "l'odore insopportabile delle sorgenti è sufficiente per confermare che l’ambiente non è sano".

Il direttore della salute e dell'ambiente, Ashraf Zuhud, ha affermato che il comune è preoccupato per il numero di casi di persone che presentano malattie croniche. Gli studi sostengono che questi sono potenzialmente correlati ai rifiuti degli insediamenti vicini.

Zuhud ha spiegato che le sostanze che fluiscono verso Salfit contengono elementi cancerogeni come zinco e arsenico.

Le ricerche condotte dalla Birzeit University e dalla Newcastle University nel 2015 supportano quanto descritto da Ahmad e Zuhud ed hanno concluso che i problemi di salute nella regione derivano dall’ acqua potabile contaminata.

Dopo aver condotto indagini nel distretto di Salfit, gli intervistati hanno dichiarato le seguenti malattie: il 24,4% malattie agli occhi, il 46,1% malattie diarroiche e il 34,8% ha riferito di vomito. Venivano citate altre malattie presenti in percentuali più basse come malattie della pelle, epatite A e pidocchi.

 Lo sfruttamento del territorio nel distretto di Salfit è dovuto anche alla contaminazione che viene dagli insediamenti e colpisce l'agricoltura e le pratiche agricole.

Come riportato da Palestine Monitor nel 2013, "l'inquinamento ha portato all'estinzione nell’area  della maggior parte degli animali e delle piante autoctone ".

Khaled, un anziano di Salfit, che una volta viveva sulla terra su cui Ariel è stato edificato e dalla quale è stato espulso , ha affermato che il loro problema più grande è la contaminazione del suolo.

"Ho vissuto a Salfit per molti anni e la terra che ho adesso  è difficile da usare per l'agricoltura e l'allevamento del bestiame perché l'inquinamento dell'acqua ostacola tutta la produzione", ha detto Khaled a Palestine Monitor

Questo problema che minaccia il distretto di Salfit non è condiviso dai coloni illegali. Questo, secondo B’Tselem, è perché "i coloni sono collegati al sistema di approvvigionamento idrico di Israele e  la negligenza del trattamento delle acque reflue nell'area non ha quasi alcun effetto su di loro".

Parlando con le persone che abitano a Salfit, è evidente una sensazione di disperazione. Senza una valida soluzione alla contaminazione, la situazione è stata ben riassunta da un locale che ha posto una domanda a cui molti sentono di non poter dare  risposta; "Hala la weyn?", Dove andremo ora ?

Traduzione a cura di Associazione di Amicizia Italo-Palestinese

http://www.palestinemonitor.org/details.php?id=kl4kh3a23693yh294oxm26