Consiglio degli Studenti dell'Università di Torino appoggia il boicottaggio accademico di Israele

https://www.bdsitalia.org/index.php/comunicati-bac/2258-unito-boicottaggio-israele

In data primo Marzo 2017 il Consiglio degli Studenti dell'Università degli Studi di Torino si è detto favorevole in netta maggioranza a una mozione (di seguito il testo) che sostiene il boicottaggio accademico d'Israele, chiedendo la revoca degli accordi tra UniTo e il Technion di Haifa.

Per la prima volta un organo accademico italiano appoggia a maggioranza, in una delle più grandi università italiane, il movimento BDS e il boicottaggio come mezzo di lotta non violento per porre fine alle costanti violazioni del diritto internazionale da parte dello Stato di Israele.

La decisione del Consiglio degli Studenti rientra in una campagna studentesca lanciata a livello nazionale nel 2016 da diverse università italiane in risposta all'appello di docenti e ricercatori/trici. Ad oggi, oltre 350 firmatarie e firmatari chiedono la fine delle collaborazioni tra le università italiane e il Technion, istituto con ampio e documentato coinvolgimento nel complesso militare-industriale israeliano. Si tratta di una netta presa di posizione a livello accademico importante che chiede la fine delle collaborazioni con le istituzioni israeliane che contribuiscono o che traggono benefici dalle violazioni del diritto internazionale da parte di Israele e dai loro rapporti e dalle loro complicità con le forze armate israeliane.

Studenti contro il Technion