Bollani e Galliano da Roma per Gaza:l’acqua, il sole e il jazz

Patrizia Cecconi

http://comune-info.net/2016/02/353036/

C’è un piccolo ospedale, a Shujjaya, uno dei quartieri di Gaza City più poveri e devastati dalla furia dei bombardamenti israeliani dell’estate 2014. Si chiama Jenin ed è stato il primo ospedale ad abolire del tutto l’uso di combustibili fossili. In questo modo è riuscito a raggiungere una condizione di totale indipendenza da Israele assai rara in città. L’impianto fotovoltaico che alimenta la sua energia è stato completato grazie all’incasso di un concerto del maestro Bollani tenuto in novembre al teatro Argentina di Roma. Lunedì 15 febbraio ripetuto l’exploit grazie a Richard Galliano, uno dei compositori più geniali e poliedrici della scena europea ma anche uno dei migliori fisarmonicisti del mondo. Galliano ha destinato l’incasso a un nuovo progetto di autonomia energetica per 700 famiglie palestinesi. Dovrà consentire di illuminare una strada e produrre l’energia che serve a far funzionare le pompe che forniscono l’acqua agli orti inariditi dei contadini gazawi.