Raccontare la violenza dei bombardamenti israeliani attraverso disegni fatti da bambini. L’esposizione in California censurata.

di Eleonora Pochi

http://nena-news.it/i-bambini-di-gaza-disegnano-la-guerra-mostra-censurata/#sthash.cegqm6aW.dpuf

Gaza, 6 dicembre 2014, Nena News-

“A Child’s View from Gaza: Palestinian Children’s Art and the Fight Against Censorship”è una mostra di disegni sulla guerra realizzati da bambini di Gaza tra il 2008 e il 2009. Qualche anno dopo, nel 2011, ad Oakland, In California, è stata cancellata la programmazione della mostra al Museum Children’s Art(MOCHA), riguardante disegni di bambini palestinesi di Gaza, che attraverso le matite colorate raccontavano l’orrore dei bombardamenti israeliani. Sotto le pressioni della Jewish Foundation of East Bay il direttivo ha censurato la mostra, spiegando che i disegni in questione rappresentavano “opere graficamente violente”. Nessuna preoccupazione invece per le opre esposte qualche tempo prima, disegni sulla guerra realizzati da bambini iracheni. Chair Hilmon Sorey, direttore del MOCHA, ha aggiunto che “la violenza riportata nei disegni non è adeguata ai bambini”. I cinquanta disegni che compongono la mostra – un’iniziativa diMiddle East Children’s Alliance(MECA)– sono stati creati da bambini nella Striscia, durante l’operazione militare Piombo Fuso, che provocò nel giro di qualche settimana la morte di centinaia di minori e danni fisici e psicologici per quelli sopravvissuti che ancora oggi sono più che evidenti. Secondo Il rabbino Douglas Kahn, direttore della Jewish Community Relations Council, i contenuti della mostra sarebbero stati “estremi per i bambini, nonché violenti e diffamatori nei confronti della nostra etnia e della religione ebraica”. La ONG promotrice della mostra, MECA, ha successivamente raccolto i disegni in un libro, acquistabile dal sito internet dell’ente: www.mecaforpeace.org