Lettera ad Hamas: lontani dal sentiero della resistenza

Nena News
27.08.2013
http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=84979&typeb=0&Lettera-ad-Hamas-lontani-dal-sentiero-della-resistenza

Lettera ad Hamas: lontani dal sentiero della resistenza

Dopo la salita al potere dei Fratelli Musulmani, Hamas è tornato all'ovile, abbandonando il suo ruolo di movimento di resistenza.

di Ibrahim al-Amin - Al Akhbar*

Beirut, 27 agosto 2013, Nena News - Quando Hamas ha deciso di diventare movimento di resistenza nella Palestina occupata, ha sentito la necessità di distanziarsi dalla rete regionale dei Fratelli Musulmani, a cui apparteneva. Non fu una decisione facile e il movimento fu soggetto a molte critiche da parte della Fratellanza, senza la quale il partito islamista non sarebbe mai potuto diventare un'efficace organizzazione di resistenza.

 

Ma quando i Fratelli Musulmani hanno vinto le elezioni in diversi Paesi della regione - prima di tutto in Egitto - dopo lo scoppio delle primavere arabe, Hamas ha deciso di tornare all'ovile, sperando di beneficiare dalla crescita della Fratellanza nell'area. Per farlo, ha nella pratica adottato le priorità e le alleanze del movimento islamista internazionale, il cui scopo era consolidare il proprio potere nella regione.

Questo ha portato Hamas a riconsiderare le sue alleanze locali e regionali, lasciando la Siria per il Qatar, causando una rottura con il suo principale sostenitore militare e finanziario, l'Iran. Ma più pericoloso, il riallineamento di Hamas ha alla fine condotto ad un'escalation di tensione con Hezbollah e con l'asse della resistenza nel suo insieme.

In Siria, il movimento palestinese continua a insistere che i suoi combattenti e sostenitori, impegnati negli scontri accanto alle opposizioni, lo fanno senza il suo consenso. Eppure, i palestinesi pro-regime in Siria dicono il contrario: molti sviluppi non ci sarebbero stati senza il coinvolgimento di Hamas.

In Libano, Hamas si è distinto negli anni per essere rimasto fuori dalle infinite dispute interne, mantenendo un basso profilo anche quando si trattava di attività di resistenza contro l'occupazione israeliana. Oggi, tuttavia, c'è chi dentro Hamas e tra i suoi leader ha deciso di prendere posizione rispetto alla crisi siriana, mettendo in discussione le discutibili attività contro la resistenza in Libano.

Come è noto, ad esempio, c'era un palestinese di nome Ahmad Taha dietro l'attacco missilistico contro Dahiyeh, alcuni mesi fa. È stato assistito da molte persone, tra cui un membro di spicco di Hamas nel campo profughi di Rashidiya, nel Sud del Libano, tale Aladdin Yassine. Quando l'intelligence militare libanese ha fatto domande sulla cooperazione di Hamas, il movimento ha fatto il nome di Taha, ma ha rifiutato di consegnare Yassine, affermando che aveva lasciato il campo e non si sapeva dove fosse.

È difficile immaginare cosa Hamas sta pensando: non riesce a capire le ripercussioni del trascinarsi in una simile situazione? Non sa che le sue azioni potrebbero causare un'ulteriore rottura con Hezbollah, il principale target dell'attacco a Dahiyeh, e con i sostenitori della resistenza, che non hanno mai esitato a impegnarsi per la liberazione della Palestina, e con tutte quelle forze che stanno combattendo fino alla fine?

Oggi c'è un serio dibattito aperto tra i ranghi di Hamas, con gran parte della sua ala militare a Gaza che si oppone con forza a quello che la leadership fa all'estero. È una discussione che dovrebbe dare i suoi frutti a breve, nonostante rappresenti una minaccia per l'unità interna del movimento. Tutte le giustificazioni, per cui ci sono priorità che vanno soddisfatte prima della causa palestinese, sono la prova del declino di Hamas come movimento di resistenza.

*Ibrahim al-Amin è direttore dell'agenzia di informazione Al-Akhbar(Traduzione a cura della redazione di Nena News)