Rapporto completo sulla condizione dei prigionieri politici

Rapporto completo sulla condizione dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane

Rapporto del MEM

Prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane

 

Il numero di prigionieri e detenuti palestinesi nelle carceri israeliane e nei centri di detenzione è di 4.750 persone, provenienti da tutti i settori della società palestinese. La maggioranza (82,5 per cento) proviene dalla West Bank, il 9,6 per cento proviene dalla Striscia di Gaza, il resto da Gerusalemme e da quelle zone della Palestina occupata nel 1948, ora conosciuto come Israele. Sono divisi in circa 17 prigioni e centri di detenzione, i più noti sono: Al-Naqab, Ofer, Nafha, Gilbo’a, Shata, Ramon, Askalan, Hadarim, Eshel, Ohalei Kedar, HaSharon, Ramla e Megiddo.Del totale, 186 sono in “detenzione amministrativa”, senza accuse e 13 sono donne, la più anziana è Lina Al-Jarbouni dai territori occupati nel 1948, che è stata in prigione per 11 anni. Inoltre, ci sono 198 bambini di età inferiore ai 18 anni, 25 dei quali sono sotto i 16 anni, così come 12 membri del Consiglio Legislativo Palestinese (PLC), 3 ex ministri e un gran numero di funzionari palestinesi. 

              

 

Violazioni contro i prigionieri

Ai prigionieri palestinesi viene spesso negata la visita di altre persone, vengono messi in isolamento e tenuti sotto la cosiddetta detenzione amministrativa, il che significa essere detenuti senza accusa né processo. Inoltre, sono sottoposti a numerose perquisizioni, le opportunità di ricevere un’istruzione sono negate, vietati i libri , viene distribuito cibo in piccole porzioni e di bassa qualità, vengono sottoposti a frequenti perquisizioni diurne e notturne. Inoltre, le carceri sono carenti di beni di prima necessità e adottano una politica ufficiale di negligenza medica, soprattutto nel caso di malattie croniche e nei confronti di coloro che necessitano di operazioni durante il periodo di detenzione. Vittime di negligenza medica sono anche i prigionieri affetti da cancro, da problemi cardiaci, malattie renali, artrite, ipertensione, asma, reumatoide, emorroidi, obesità e ulcere. 

Prigionieri malati

Il numero di detenuti che soffrono di problemi di salute ha raggiunto quota 1400, tale numero comprende diverse condizioni, derivanti tutte dalle difficili condizioni imposte dietro le sbarre, tra cui abusi e malnutrizione. I prigionieri non ricevono le cure basilari . Quel che è peggio è che decine di prigionieri soffrono anche di disabilità di varia natura: motoria, mentale e sensoriale , in oltre ci sono anche prigionieri che soffrono di malattie pericolose e croniche come malattie cardiache, cancro, insufficienza renale e paralisi.

Vi sono 18 prigionieri detenuti stabilmente in quello che viene chiamato “Ramla Hospital” (Ospedale di Ramla) , alcuni dei quali non possono muoversi a causa della negligenza perpetuata dall’amministrazione penitenziaria e a causa dell’incapacità di fornire le necessarie cure ed un’adeguata assistenza sanitaria. 

Prigionieri anziani

Ci sono 106 Prigionieri anziani imprigionati da prima degli accordi di Oslo e da prima della creazione dell’Autorità Nazionale Palestinese , avvenuta il 4 maggio 1994. Questa lista include i prigionieri provenienti da tutti i comuni palestinesi, la maggior parte dei quali , 57, provengono dalla West Bank, 26 dalla Striscia di Gaza, 14 dai territori occupati del 1948 e 9 da Gerusalemme occupata.

L’elenco comprende 71 prigionieri che hanno scontato più di 20 anni; essi vengono chiamati “decani” . Chi ha scontato oltre 25 anni viene chiamato “generale della pazienza”, si contano 24 di questi prigionieri . Purtroppo, mentre gli anni passano, queste cifre aumentano. Due di questi prigionieri, Kareem e lo scioperante della fame Maher Younis, dal villaggio di ‘Ar’ara, occupato nel 1948 , hanno scontato più di 30 anni. 

Tortura e martiri del movimento nazionale dei prigionieri

Ogni detenuto che entra in una prigione israeliana avrà già sperimentato varie forme di tortura fisica e mentale. L’abuso inizia al momento dell’arresto, accompagnato dalla paura e l’orrore vissuto dalle loro famiglie, in quanto gli israeliani esaltano di proposito la loro brutalità e abusano del detenuto di fronte alla famiglia e ai bambini. Inoltre, le forze di occupazione israeliane insultano e colpiscono deliberatamente i detenuti prima di portarli via dalle loro case. Il tutto è seguito da minacce di morte, di esilio, di demolizione della casa, violazioni varie, l’arresto delle mogli dei detenuti, con le teste coperte da sacchetti sporchi, la privazione del sonno, mancanza di cure mediche, vengono inflitte ferite come tagli durante l’interrogatorio, oppure viene messo il detenuto in un frigorifero, vengono obbligati a stare in piedi per lunghi periodi, viene quindi inflitto stress psicologico, vengono usati lacci di plastica, viene versata acqua fredda o calda sopra la testa del prigioniero, viene utilizzata musica ad alto volume, viene vietata ai prigionieri qualsiasi pratica di culto religioso, e vengono denudati. .

Nelle loro celle, ai detenuti è vietato usare i normali servizi igienici, vengono dati loro dei secchi che causano odori sgradevoli e che rappresentano un rischio per la salute. Sono seriamente maltrattati e le loro mani vengono legate dietro piccole sedie o su piastrelle rimosse , al fine di indebolire le loro schiene, sono spesso costretti a tali posizioni scomode per ore, anche giorni. In aggiunta a questo, viene percossa violentemente la loro testa , cosa che potrebbe portare alla paralisi, ad un’invalidità permanente o addirittura la morte. La tortura più pericolosa avviene quando si usano corpi contundenti per colpire i prigionieri durante gli interrogatori, questa pratica ha portato a numerosi decessi.

Quello che è successo ad Arafat Jaradat, dopo aver subito brutali torture durante l’ interrogatorio nel carcere di Al-Julma noto ai palestinesi come “macelleria Al-Julma “, è la prova evidente del disprezzo per la vita dei prigionieri palestinesi da parte degli israeliani . Più di 200 palestinesi sono morti in seguito a tali trattamenti, 71 sono morti a causa di abusi, 51 a causa di negligenza medica, 74 a causa di omicidio ed immediatamente dopo il loro arresto e 7 sono stati freddati con arma da fuoco all’interno dei centri di detenzione. 

I martiri dei “cimiteri dei numeri”

Israele è l’unico stato al mondo che conserva ciò che ne rimane dei prigionieri morti; si rifiuta di consegnare ciò che ne rimane dei martiri che sono stati nei “cimiteri dei numeri” dal 1978, come Dalal Al-Maghrabi. Inoltre, decine di corpi dei prigionieri sono tenuti dagli israeliani in condizioni che non rispettano la dignità dei defunti. Tutto questo in violazione dei diritti umani, , che chiedono alla potenza occupante, quale israele è, di consegnare ciò che ne rimane dei prigionieri morti alle rispettive famiglie e di rispettare le esigenze religiose per la sepoltura. 

Prigionieri in detenzione amministrativa

Ci sono circa 186 prigionieri detenuti con il sistema della detenzione amministrativa senza né accusa né processo. Questi prigionieri sono detenuti sulla base di prove segrete delle quali non ne possono venire a conoscenza né il prigioniero né il loro avvocato . Il mandato di arresto può essere rinnovato a tempo indeterminato da un tribunale militare. 

Gli scioperanti della fame

Ci sono 11 i prigionieri attualmente in sciopero della fame, 2 di loro, Samer Al-Issawi e Ayman Sharawneh, sono in sciopero da più di 6 mesi in segno di protesta contro il loro nuovo arresto dopo essere stati rilasciati con l’accordo dello scambio di prigionieri, che ha portato al rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit.

Ja’afar Ezzedine e Tarik Qa’adan sono in sciopero da 92 giorni per protestare contro la loro detenzione amministrativa basata su prove segrete, oltre al fatto che non sono stati nemmeno incriminati. Mona Qa’adan è in sciopero della fame da 6 giorni in solidarietà al Tarik fratello Tarik , e il decano di tutti i prigionieri palestinesi e arabi, Maher Younis, è in sciopero politico. I prigionieri Ayman Saqar, Dar Omar Ayoub, Sufyan Rabe’e, Hazem Al-Taweel e Younis Al-Horoub sono tutti in sciopero della fame per protestare contro il sistema della detenzione amministrativa. 

Ex-prigionieri nuovamente arrestati dopo l’accordo di scambio

Mona Qa’adan da Jenin, Ayman Al-Sharawneh da Hebron, Samer Al-Issawi da Gerusalemme, Eyad Fanoun da Betlemme, Ali Juma’a da Hebron, Ibrahim Abu-Hajleh da Ramallah, Yousef Shitewi viene dai Qalqiliya, Ayman Abu-Daud viene dai Hebron e Abdulrahman Dahbour viene dai Qalqilya sono stati nuovamente arrestati dopo essere stati rilasciati secondo l’accordo di scambio prigionieri.
 

Donne detenute
                         

Ci sono 13 detenute palestinesi nelle carceri israeliane, la più anziana, Lina Jarbouni, viene dai territori occupati del 1948, ed è stata arrestata 11 anni fa Le sue compagne di cella sono Mona Qa’adan, Nawal Al-Sa’adi, Asma Al-Batran, Manal Zawahreh, Ena’am Al-Hasanat, Intisar Al-Sayed, Ala’a Abu-Zaytoun, Ala’a Al-Jua aba, Hadeel Abu-Turki, Salwa Hassan, Ayat Mahfouth e Eman Bani Odeh.  

Violazioni ai danni delle detenute

Le autorità israeliane hanno commesso decine di violazioni contro le detenute, nelle loro prigioni. Le più rilevanti sono il modo brutale del loro arresto davanti alle loro famiglie e ai bambini; i metodi psicofisici con cui si svolgono gli interrogatori , la proibizione di far vedere loro i propri ; la negligenza medica nei confronti delle detenute in stato di gravidanza; la costrizione fisica durante il parto, le punizioni durante la prigionia, come l’isolamento e l’uso della forza, la detenzione in luoghi inappropriati; perquisizioni provocatorie da parte degli agenti di polizia penitenziaria, insulti, aggressioni e uso di gas lacrimogeni. Inoltre, vengono maltrattate durante l’uscita dal tribunale , durante le visite familiari o anche durante il trasferimento da una sezione ad un’altra della prigione.. Vengono negate le visite. . Durante i periodi di isolamento i prigionieri politici sono spesso messi con i criminali, e le esigenze dei figli delle detenute non vengono soddisfatte. 

Bambini

Il numero di bambini detenuti da Israele sale a quota 198. Sono soggetti ad abusi scandalosi, che violano tutte le leggi e le convenzioni internazionali per la tutela dei minori e volte a garantire i loro diritti fisici, psicologici ed educativi. Tali convenzioni insistono sul fatto che ci deve essere un contatto con i familiari e con dei consulenti che li guidino e che garantiscano un trattamento, da parte delle autorità, da bambini e non terroristi. Quest’ultimo punto è troppo spesso violato.

Inoltre i giovani detenuti, soffrono di una mancanza di assistenza sanitaria di un’assistenza culturale e psicologica e dell’assenza di consiglieri nelle carceri israeliane. Nella maggior parte dei casi, sono detenuti dove si trovano anche i criminali e sono terrorizzati e molestati durante la procedura di arresto. 

L’isolamento

L’isolamento è considerato come una delle più dure forme di punizione utilizzate dall’amministrazione penitenziaria israeliana. I prigionieri sono tenuti in isolamento, cioè in spazi scuri e molto piccoli, per lunghi periodi e non possono avere contatti con gli altri detenuti.

I prigionieri in isolamento soffrono insopportabilmente in condizioni miserabili. Vengono loro negati i più elementari diritti umani, vengono picchiati e umiliati ogni giorno. Le celle in cui sono detenuti , sono state descritte come tombe, alcuni prigionieri hanno trascorso lunghi anni in isolamento ,, arrivando a soffrire di gravi malattie mentali e fisiche. I prigionieri detenuti da Israele in isolamento per molti anni sono Darar Abu-Seesi, Samer Abu-Kwaik, Tamer Al-Remawi, Awad Al-Saeedi e Emad Sarhan. 

(Traduzione a cura di Luca Utopia)