Attenzione alle piccole città

Jadaliyya
06.09.2012
http://www.jadaliyya.com/pages/index/7223/beware-of-small-cities 
 

Attenzione alle piccole città

di Deen Sharp

Gli spazi fisici delle rivolte arabe si sono dimostrati potenti strumenti politici sia per i manifestanti che per i regimi. I manifestanti nelle strade e nelle piazze hanno affermato che il potere esiste anche nelle reali conversazioni, nei luoghi reali, tra persone reali. Piazza Tahrir ha subito una metamorfosi da spazio negato alla politica a una metonimia della rivoluzione, il simbolo delle rivolte egiziane e arabe. Le dinamiche spaziali delle proteste non sono solo nelle strade e nelle piazze delle grandi metropoli. In effetti, le proteste hanno preceduto il ​​passaggio alle piazze delle capitali.
                                      sidi_bouzid


Nonostante gli spazi urbani al di fuori delle grandi metropoli siano rimasti quasi invisibili nei discorsi sulle rivolte arabe, le piccole città hanno svolto un ruolo fondamentale nelle rivolte del 2011, l'anno che ha cambiato il Medio Oriente. Normalmente, sono gli spazi delle città più grandi che sono considerate essere in grado di produrre la storia della regione. Tuttavia il Cairo, Beirut e Baghdad, e altre come loro, non costituiscono la realtà per la maggior parte degli abitanti della regione araba. Le morfologie urbane di piccole città, come Sidi Bouzid, Suez e Dera'a, sono più vicine alla realtà di tutti i giorni della maggior parte degli abitanti delle regioni. Le rivolte arabe hanno dimostrato come l'abbandono delle aree al di fuori delle grandi metropoli ha ostacolato la nostra comprensione dei modelli umani nella vita sociale.

Per distinguere e comprendere le morfologie di piccole città, paesi, zone periurbane e villaggi, e quindi entrare in contatto con le realtà spaziali quotidiane della maggior parte degli abitanti della regione, è necessario intraprendere una correzione alle teorie sulle aree esterne alle grandi città. Le rivolte hanno messo in primo piano l'urgenza di istituire un piccolo programma di ricerca sulle città della regione. L'attenzione sugli spazi al di là della metropoli non solo introduce nuove vie per analizzare i contesti storici e i futuri indeterminati delle rivolte arabe, ma produce anche, più in generale, una migliore comprensione della vita sociale nella regione. É stato necessario un venditore di frutta e verdura per istigare una rivoluzione a livello regionale e deporre i grandi uomini - Ben Ali, Mubarak e Saleh. Ci sono volute piccole città per risvegliare le metropoli più grandi.

Rivolte arabe: dietro le metropoli

Il 17 dicembre 2010, l'auto-immolazione di Muhammed Bouazizi ha scatenato proteste che si sono diffuse in tutta la Tunisia e poi nella regione. Il suicidio-protesta di Bouazizi ha avuto luogo ad oltre 265 chilometri a sud della capitale, nella piccola città di Sidi Bouzid. La prima violenta repressione si è verificata a Kasserine e Thala, ed ha alimentato ulteriori proteste in tutto il paese. Prima che la rivoluzione raggiungesse Tunisi, il 8 gennaio 2011, le proteste si erano già diffuse da Sidi Bouzid a Bou Zayen, Jassrine, Thala, Ghafsa, Le Kef e Jendouba.

La Giordania ha sperimentato la più grande rivolta non ad Amman, ma a Dhiban, cittadina posta 30 km a sud della capitale. Le proteste a Dhiban, il 7 gennaio, sono state le prime a verificarsi nella regione al di fuori della Tunisia, e sono arrivate alla capitale, Amman, solo una settimana più tardi. La piccola città di Dhiban non è stata solo un vettore per le proteste, ma ha provocato la nascita di un vibrante movimento di protesta nel sud del paese, una regione percepita come saldamente fedele al re.

In Egitto, proteste e scioperi organizzati da movimenti sociali urbani nelle città più piccole, come Suez, Tanta, Mahalla, el-Dawwar, Ismailiyya, Port Said, Daqhaliyya e Assuan, sono stati fondamentali per la rivolta e si sono verificati prima sia dell'auto-immolazione di Bouazizi e della la rivoluzione in piazza Tahrir del 25 Gennaio 2011. Anche il 25 gennaio, il passaggio alle piazze di tutto l'Egitto non è iniziata in piazza Tahrir. Nella città portuale di Suez, per esempio, gli eventi si sono sviluppati più velocemente che nel resto del paese. La polizia di Suez ha usato proiettili veri contro i manifestanti ed ha ucciso il primo il 25 gennaio. La reazione omicida da parte della polizia ha alimentato ulteriori proteste a Suez e in tutta la nazione.

La rivolta contro Gheddafi non ha avuto inizio nella capitale libica di Tripoli, ma a Bengasi. Eppure, né Bengasi né Tripoli sono diventate il simbolo centrale della sfida contro Gheddafi, lo è stata, invece, la piccola città di Misurata, che nel corso degli otto mesi del conflitto Libico ha subito la battaglia più lunga e sanguinosa di tutta la guerra. La caduta della piccola città di Sirte ha segnato la fine del regime di Gheddafi.

In Bahrain, le proteste nell'entroterra, vicino a Manama, hanno una storia di manifestazioni contro il regime al potere Khalifa. Prima della rivolta del dicembre 2007, ci sono state proteste significative nei quartieri e nei villaggi vicino a Manama. La protesta del dicembre 2007 ha prodotto un giro di vite della polizia che ha prodotto ulteriori disordini e violenze e ha contribuito alla marcia alla Pearl Roundabout, a Manama, nel 2011. Gli scontri Continuano nell'entroterra di Manama, nei comuni come Sitra e nei suoi villaggi.

Il movimento giovanile indipendente dello Yemen a Sana'a è stato fondamentale per la rivolta, ma non ha agito autonomamente. Anche le continue tensioni tra il nord e il sud dello Yemen, dopo la riunificazione nel 1990, sono stato fondamentali. I movimenti di protesta delle piccole città del sud, come al-Hiraak al-Janoubi, sono stati fondamentali per la nascita della rivolta yemenita. La ribellione Houthi nel nord e la piccola città settentrionale di Saada hanno avuto un profondo significato. Taiz, una importante città negli altopiani centrali del paese, che era stata costantemente emarginata durante il regno di Ali Abdullah Saleh, è ​​stata la prima in cui si sono avuti segni di protesta organizzata ed ha lottato in molto molto coraggioso. Mentre la maggior parte degli spazi e delle narrazioni della rivolta anti-regime era stato cooptata dalla fine del 2011, il movimento indipendente Taiz ha continuato la sua ribellione non violenta.

Sono stati i graffiti dei ragazzi delle scuole superiori della piccola città siriana di Dera'a che hanno provocato la reazione violenta dei militari siriani che ha segnato l'inizio della rivolta lì. Amal Hanano, su “Outside the Wall”, ha osservato che le proteste sono partite "dalle città di Daraa, Hama, Homs, Deir al-Zor, le città, al-Rastan, Jisr al-Shughour, al-Rakka, al-Qamishli; dai villaggi, la bella al-Jassem, lo spiritoso Kafar Nubbul, e il coraggioso Anadan proprio fuori Aleppo ". Le manifestazioni in Siria, a quanto pare, sono partite da tutte le parti tranne che dalle due metropoli centrali di Aleppo e Damasco.

Le rivolte arabe dimostrano con forza che la storia non è fatta solo dalle capitali della regione, ma anche da una serie molto complessa e diversificata di spazi e attori, tra cui le città di piccole dimensioni che costituiscono una parte centrale e non periferica. Devono essere presi in seria considerazione i collegamenti attraverso i corpi e i flussi (im)materiali fra le piccole città e, più in generale, fra gli spazi al di fuori delle grandi metropoli.

Le dimensioni

Le dimensioni contano, ma non nei modi in cui alcuni possono pensare. Le definizioni esistenti di “piccola città” variano notevolmente da paese a paese, e anche all'interno degli stati-nazione. L'attuale mancanza di approcci epistemologici e l'impegno con le aree esterne alle metropoli degli scienziati sociali (tra gli altri), rende debole la definizione di “piccole città” della regione araba. Inoltre, fondamentale nel modo di pensare lo spazio urbano, grande e piccolo, è essere in grado di esaminare le piccole città sia all'interno che al di là dei confini delle dimensioni e delle strutture cartesiane.

Gli urbanisti David Bell e Mark Jayne sostengono che, nel pensare al concetto di piccolo, le dimensioni non dovrebbero essere assolute: "la piccolezza può essere più produttiva pensata in termini di influenza e di ricchezza, piuttosto che in dimensione di popolazione, densità o crescita." Interrogarsi sulle piccole città è pensare ai flussi in ingresso e in uscita da questi spazi, soprattutto per quanto riguarda gli scambi con il centro, più che a quali dimensioni occupano nello spazio fisico.

In gran parte del lavoro esistente sulle piccole città, sia nella regione araba che nel mondo, le piccole città sono spesso definite in opposizione alla grandi città. I funzionari del governo, ma anche molti ricercatori, giornalisti e accademici, soffrono di una complessa costruzione teorica in cui la città piccola è definita come "diversa" dalla grande città. Le piccole città hanno raramente il permesso di rappresentare se stesse. Successivamente, un programma di ricerca sulle piccole città della regione dovrebbe intendere le piccole città in quadri più orizzontali e come nodi importanti in reti tra luoghi di dimensioni diverse.

Il politologo Janine Clark offre un raro esempio di un impegno più orizzontale con le piccole città, sostenendo che "qui c'è un'evidenza emergente. Gli studenti universitari che si spostano tra Tunisi e le loro città di origine, in periferia, durante le vacanze di gennaio hanno svolto un ruolo importante nella diffusione delle proteste ". Intrinseche, analoghe strutture e movimenti, piuttosto che una mancanza percepita, devono essere studiati nella ricerca e nelle analisi delle piccole città.

Potrebbero, per esempio, gli stessi usi, costumi e ambienti "provinciali" che non sono stati spazzati via e fusi nell'immagine del regime, e per i quali le città di piccole dimensioni sono spesso derise o condannate, essere la ragione stessa della loro ascesa? Come Lewis Mumford ha scritto in “La città nella storia”, "Per governare solo con la coercizione, senza il consenso, si deve avere lo sfondo urbano adeguato." Potrebbe lo spazio delle piccole città, lontano dalle grandi metropoli, simboli del potere sovrano, permettere ai residenti di vedere, pensare e agire nelle crepe del regime?

Non dovrebbe essere più possibile per le piccole città essere spazzate via, come fatto dal conservatorismo e dal provincialismo, rese immateriali negli eventi e nei discorsi sulle metropoli centrali e sulla regione araba. Città ordinarie e semplici cittadini sono importanti e vengono ignorati con grave rischio di quelli al potere. Le forze della storia sono probabilmente più piccole di quanto si pensi.

(tradotto da barbara gagliardi)