Ebraismo e sionismo non sono la stessa cosa

Neturei Karta
http://WWW.NKUSA.ORG/ABOUTUS/JUSAISM_ISNOT_ZIONISM.CFM 
 

Ebraismo e sionismo non sono la stessa cosa

Vorremmo dedicare alcuni minuti del vostro tempo per impedire che facciate un terribile errore che può avere, per molti, risultati disastrosi.
                                            neturei karta

Senza dubbio, avete sempre sentito e letto molto circa le crisi politiche in Medio Oriente in cui lo Stato di Israele gioca un ruolo centrale. Questi è, infatti, responsabile di una serie continua di perturbazioni che hanno il potenziale di determinare disgrazie tra le maggiori al mondo intero. Purtroppo, molti credono che il sionismo e il giudaismo siano identici. Così concludono che il popolo ebraico è responsabile nella sua totalità per le azioni del governo sionista e le crisi mondiali che emanano da esso. Questo è un grave errore!

 

La verità è che la fede ebraica e il sionismo sono due filosofie molto diverse. Esse sono all'opposto l'una dell'altra come il giorno e la notte. Il popolo ebraico è esistito da migliaia di anni. Nei duemila anni di esilio per decreto divino, nessun ebreo ha mai cercato di porre fine a questo esilio e di fondare un'autorità politica indipendente da qualche parte. Unico scopo del popolo è stato lo studio e la realizzazione dei comandamenti divini della Torah.

Il movimento sionista ha creato lo Stato di Israele. Questo è il prodotto di un'idea che ha meno di cento anni. Il suo scopo fondamentale era ed è quello di cambiare l'essenza del popolo ebraico da entità religiosa a movimento politico. Dalla nascita del sionismo i capi spirituali del popolo ebraico si sono opposti strenuamente ad esso.

Ancora oggi la Torah degli ebrei resta sempre devota alla sua fede. I sionisti vogliono che il mondo creda che essi sono i rappresentanti del popolo ebraico nella sua totalità. Questo è falso! Il popolo ebraico non li ha scelti come loro leader.

Con il terrore, l'inganno e la falsa propaganda, i sionisti hanno raggirato molti ebrei di buona volontà. essi hanno a disposizione il supporto di mezzi di informazione quasi universalmente sottomessi. Chi tenta di criticarli mette in pericolo non solo il proprio sostentamento, ma, a volte, anche la vita stessa.

Tuttavia, nonostante il silenzio stampa dei media e la facile risorsa del terrore, resta la semplice verità non confutata e indiscutibile: SECONDO LA FEDE EBRAICA E LA LEGGE DELLA TORAH AL POPOLO EBRAICO E' PROIBITO AVERE UN PROPRIO STATO IN ATTESA DELL'ERA DEL MESSIA!

Il Creatore ci ha dato la Terra Santa migliaia di anni fa. Tuttavia, quando abbiamo peccato, ce l'ha tolta e ci ha mandato in esilio. Da quel momento il nostro compito è stato quello di attendere che Lui ci mandi il Messia. Allora soltanto, il Creatore, senza che alcun essere umano sollevi una mano o dica una parola, ci radunerà per portarci fuori dall'esilio. Egli decreterà altresì la pace universale fra tutti gli uomini e tutti lo serviranno di buona volontà.

Alcuni ebrei religiosi, confusi dalla propaganda sionista citano versi biblici che affermano che D-o ha dato la Terra Santa ai figli di Israele. Non considerano, purtroppo, quei versi che dicono che Egli ce la tolse a causa dei nostri peccati. Inoltre, ignorano quelle profezie che descrivono esplicitamente la conclusione finale dell'Esilio come un processo Divino, non umano.

Il Creatore ha ordinato a ogni ebreo di seguire le vie della pace e di essere fedele al paese in cui vive.

La comunità ebraica fedele alla Torah aspetta pazientemente la redenzione messianica. Non ha nulla a che fare con un qualsiasi tipo di pseudo "Stato ebraico" e le sue aggressioni contro altri popoli. Ha una profonda compassione per la condizione dei palestinesi che più degli altri hanno sofferto per i falsi insegnamenti e le azioni barbariche del sionismo. Lo stato sionista non è uno stato ebraico. Esclusivamente i sionisti sono gli unici respopnsabili delle loro azioni. La comunità ebraica autentica si è opposta e continuerà ad opporsi all'esistenza stessa di questo stato blasfemo.

Possano tutti gli uomini testimoniare la vera redenzione.