Bilin (Ramallah), 07 novembre 2010 -  Nena News  vi propone le immagini girate ieri durante la manifestazione settimanale a Bilin, il villaggio della Cisgiordania, divenuto il simbolo della lotta popolare palestinese contro il Muro israeliano. I soldati israeliani non abbandonano le loro postazioni ma all’arrivo dei dimostranti, tra i quali anche attivisti israeliani e internazionali, dopo un breve scambio di parole tra le due parti, rispondono con sparando una pioggia candelotti lacrimogeni, provocando ad un certo punto anche un piccolo incendio e l’intervento dei vigili del fuoco. Tra gli intossicati dal fumo dei lacrimogeni anche alcuni bambini.

 

Tra il 9 e il 16 novembre si svolgerà in Cisgiordania la campagna locale  e internazionale contro il Muro con manifestazioni e raduni l’11 novembre a Qalqiliya, il 12 a Nilin (Ramallah) e il 13 aWalaja (Betlemme). A fine mese, il 29 novembre, è fissato un sit-in di fronte alle sede delle Nazioni Unite a Ramallah per chiedere l’attivazione della sentenza di condanna del Muro emessa nel 2004 dalla Corte Internazionale di Giustizia. Nei prossimi giorni si terranno iniziative analoghe in Canada, Austria, Gran Bretagna, Argentina, Irlanda, Corea e Olanda, volte anche a chiedere la scarcerazione di Abdallah Abu Rahme, uno dei leader della lotta popolare e non violenta di Bilin, recentemente condannato ad un anno di detenzione da una corte militare israeliana. Nena News