Notizie da Israele: la presenza dei coloni nell'esercito e nella polizia

Palestine Chronicle
18.10.2010

http://palestinechronicle.com/view_article_details.php?id=16344

La polizia israeliana arruola i coloni
di Jonathan Cook

Mentre i colloqui di pace sponsorizzati dagli Stati Uniti si sono arenati sulla questione degli insediamenti, le forze di polizia di Israele hanno dimostrato che stanno diventando illegali al pari delle colonie con la loro azione di reclutamento degli ufficiali tra i coloni.

jews_tank_borders_westbank

 

Il corso di addestramento per ufficiale speciale, che è indirizzato essenzialmente ai soldati in congedo, comprende sette mesi di studi religiosi in un insediamento di estremisti in Cisgiordania.

Il programma preoccupa molto il 1,3 milioni di cittadini palestinesi di Israele, un quinto della popolazione.

"La polizia ha già dimostrato ripetutamente la sua ostilità verso i cittadini palestinesi, ma questa mossa dimostra che le autorità vogliono inasprire l'oppressione", ha dichiarato Jafar Farah, direttore del Mossawa, un centro di sostegno alla minoranza palestinese.

"È davvero credibile che questi estremisti religiosi, che sono stati educati ad odiare i palestinesi in Cisgiordania, possano comportarsi in modo diverso quando sorveglieranno le nostre comunità all'interno di Israele?"

I primi 35 cadetti del programma di formazione-ufficiali, noto come "credi nelle forze di polizia ", inizieranno i loro studi il prossimo mese. Ci sono finora più di 300 coloni che hanno espresso interesse per il corso.

Si dice che il comando di polizia abbia accolto l'idea, originariamente proposta da gruppi di destra, nella speranza di invertire il declino del reclutamento degli ultimi anni, che ha portato a una carenza di ufficiali.

I cadetti studieranno per tre anni e mezzo, in gran parte all'Università di Haifa in Israele, e al termine verranno rilasciati loro un diploma e il grado di ufficiale.

Ma i loro studi includono anche sette mesi in un seminario in un piccolo insediamento religioso estremista, Elisha, in piena Cisgiordania. Anche se, secondo il diritto internazionale, tutti gli insediamenti sono illegali, Elisha è una delle decine di insediamenti selvaggi considerati illegali anche dalla legge israeliana. 

Gershom Gorenberg, un esperto di coloni religiosi, ha detto che i futuri comandanti della polizia di Israele concluderanno positivamente il corso dopo una prima lezione sulla violazione della legge. 

Chetboun Yonatan, il capo del movimento Raananim, un gruppo di destra che fa (cui è affidata) la supervisione del programma, ha descritto per Olam Katan, un giornale popolare della comunità religiosa, il modo in cui gli organizzatori potrebbero convincere i coloni a una carriera nella polizia. 

Ha detto che prendere le potenziali reclute dalle pattuglie notturne di Ramle e Lod, città israeliane note per avere quartieri popolati da palestinesi poveri e inclini al crimine, aprirebbe rapidamente gli occhi su uno dei "temi nazionale più significativi". 

Il portavoce della polizia non era disponibile per un commento. 

Un gruppo di rabbini è stato incaricato di risolvere i potenziali conflitti tra "i principi religiosi dei coloni” e i loro compiti di polizia, che potrebbero comportare la violazione del riposo del sabato e rapporti con donne di dubbia moralità.
Un attivista di destra, Hor Nizri, che in passato si è scontrato con polizia durante l'evacuazione degli insediamenti, è stato messo a capo del reclutamento dei giovani.

Egli ha detto al quotidiano Yedioth Aharonoth che il programma di addestramento è "una riconciliazione storica", aggiungendo: "Vogliamo riempire i ranghi della polizia come già riempiamo quelli dell'esercito."

I suoi commenti hanno provocato preoccupazione tra i gruppi palestinesi all'interno di Israele perché ritengono che il programma di addestramento sia la prima fase di un tentativo dei coloni di “appropriarsi” della polizia, replicando il crescente predominio che hanno già in vari settori dell'esercito.
Le prima cifre ufficiali sul numero di coloni nelle forze armate israeliane, pubblicate il mese scorso, mostrano la loro massiccia sovrarappresentazione nelle unità di combattimento. Circa un terzo di tutti i funzionari di tali unità sono coloni contro solo il 2,5 per cento del 1990. 

La polizia spera che una carriera nel loro corpo sarà interessante per molti dei coloni dopo che sono state congedati. 

Tuttavia, il sig. Farah ha detto che vi erano prove in abbondanza del fatto che i coloni religiosi stavano diventando sempre più estremisti nella loro ostilità verso i palestinesi. Egli ha sottolineato la crescente influenza dei rabbini estremisti nella promozione di opinioni anti-palestinesi. 

Durante l'estate, due rabbini di spicco dell'insediamento di Yitzhar, vicino a Nablus, sono stati interrogati con l'accusa di istigazione dopo la pubblicazione di un libro, The King's Torah, in cui promuovevano l'uccisione dei non ebrei, bambini compresi. In un passaggio, gli autori scrivono: "c'è una giustificazione per l'uccisione di bambini se è evidente che cresceranno e ci faranno del male." 

Il libro è stato approvato da un certo numero di rabbini degli insediamenti. 

Sentimenti simili stanno prendendo piede anche tra i rabbini nell'esercito. 

All'inizio dello scorso anno, sulla scia dell'operazione israeliana a Gaza, durata tre settimane, è stato rivelato che il rabbinato dell'esercito aveva distribuito ai soldati in procinto di entrare a Gaza per combattere, un opuscolo in cui il loro attacco era definito “una guerra contro gli assassini” e che li metteva in guardia contro il “rinunciare anche ad un solo millimetro” di territorio. 

Circa 1.400 palestinesi sono stati uccisi durante l'attacco, tra cui centinaia di donne e bambini. 

Le relazioni della minoranza Palestinese con la polizia sono segnate da profonda sfiducia, dopo l'uccisione di 13 dimostranti disarmati e il ferimento di centinaia di persone nel 2000, all'inizio della Seconda Intifada. 

Una successiva commissione statale di inchiesta ha accusato il comando della polizia di vedere la minoranza come "un nemico". 

L'onorevole Farah ha ricordato anche le morti inspiegabili di 36 cittadini palestinesi per mano della polizia negli ultimi dieci anni. In soli due casi gli agenti di polizia sono stati condannati. 

Alcuni osservatori israeliani hanno espresso la preoccupazione che la maggiore influenza dei coloni nella polizia potrebbe rendere molto più difficile lo smantellamento degli insediamenti in Cisgiordania in qualsiasi futuro accordo di pace. 

Il signor Gorenberg ha detto che gli smantellamenti precedenti, tra cui il ritiro da Gaza del 2005, erano stati gestiti principalmente dalla polizia perché le unità dell'esercito erano dominate dai coloni. La polizia, ha aggiunto, "potrebbe acquisire la stessa debolezza." - 

Jonathan Cook è uno scrittore e giornalista che vive a Nazareth, Israele. I suoi ultimi libri sono "Israele e lo scontro di civiltà: Iraq, Iran e il Piano di ricostruzione del Medio Oriente" (Pluto Press) e "Disappearing Palestine: Israel's Experiments in Human Despair" (Zed Books). Ha contribuito a questo articolo del PalestineChronicle.com. Visita: www.jkcook.net. (Una versione di questo articolo è apparsa originariamente in The National - www.thenational.ae -. Pubblicato in Abu Dhabi) 

(tradotto da barbara gagliardi)