Trasferimento del controllo di sicurezza da Israele all'Autorit

The Jerusalem Post

 26.09.2009

 
http://jpost.com/servlet/Satellite?cid=1253820683046&pagename=JPost%2FJPArticle%2FShowFull 

 “IL subentrante Comando Centrale del Coordinamento
   Operativo visita una Bethlehem tranquilla.”

 
di Yaakov Katz


Il Maggiore-Generale Avi Mizrachi, subentrante al Comando Centrale del Coordinamento Operativo (OC), che la settimana scorsa aveva fatto il giro di Bethlehem, riferisce, tramite i mezzi di informazione, che Israele può darsi stia prendendo in considerazione il trasferimento del controllo di sicurezza in quell’area all’Autorità Palestinese.



Mizrachi e il suo seguito hanno attraversato la città su quattro jeep blindate delle Forze di Difesa Israeliane, seguite  da bianchi furgoni autocarro che trasportavano poliziotti palestinesi armati. Il viaggio è stato coordinato con le Forze di Sicurezza locali dell’Autorità Palestinese dall’Amministrazione Civile della Giudea e Samaria.

Fonti dell’esercito Israeliano hanno comunicato che il tour era parte di un progetto di Mizrachi riguardante il Comando Centrale, del quale assumerà la carica a metà ottobre e non aveva relazione alcuna con il possibile trasferimento del controllo di sicurezza. Il comandante attualmente in carica, il Maggiore-generale Gadi Shamni, diventerà addetto militare a Washington.

Betlemme è una città relativamente tranquilla. A giugno, Israele aveva annunciato che le operazioni militari in quella zona stavano diminuendo progressivamente.

Un anno fa, alcune centinaia di poliziotti paramilitari dell’Autorità Palestinese, addestrati in Giordania dal coordinatore della sicurezza statunitense, il Luogotenente - Generale Keith Dayton, vennero autorizzati a schierarsi nella città.

Alcuni ufficiali hanno affermato che la riduzione delle operazioni delle forze di difesa israeliane era connessa al continuo dispiegamento in tutta la West Bank dei battaglioni Palestinesi addestrati da Dayton.

Gli ufficiali hanno dichiarato che un battaglione composto da alcune centinaia di poliziotti palestinesi è tornato di recente dalla Giordania, mentre un altro battaglione se n’è andato in quel paese per l’addestramento. Battaglioni dello stesso tipo sono stati dispiegati anche a Hebron, Nablus e Jenin.

(tradotto da Irene Miracca)