La Israel Lobby e la politica estera americana

Mearsheimer John J. e Walt Stephen M.
"La Israel Lobby

e la politica estera americana."
MONDADORI - 2007

Image


<<Da sempre il sistema politico degli Stati Uniti consente a qualunque raggruppamento di cittadini (che sia una multinazionale del petrolio, un’associazione ambientalista, una setta religiosa o una industria di armi da fuoco) di finanziare e, soprattutto, di influenzare deputati, senatori e candidati alla Casa Bianca creando così un gruppo di pressione, una cosiddetta “lobby”.
Niente è meno scandaloso, in America, dell’attività di una lobby; niente è più ovvio che una categoria di persone si organizzi per fare pressione sui suoi rappresentanti eletti.
E tuttavia, quando nel marzo 2006, John J. Mearsheimer  e Stephen M. Walt pubblicarono sulla <<London Rewiev of books>> l’articolo che è all’origine di questo libro, suscitarono uno dei dibattiti più accesi degli ultimi  decenni. mentre il loro saggio veniva scaricato da Internet da trecentomila persone in tre mesi, gli autori erano, alternativamente sottoposti ad un furioso tiro incrociato di critiche o accolti con la gratitudine  che si riserva a chi finalmente infrange un tabù intoccabile. Cosa renda così esplosiva l’indagine di due stimati accademici su una lobby paragonabile a decine di altre negli Stati Uniti? Il fatto che si tratti della <<Lobby di Israele>>.Secondo i due studiosi, infatti, l’appoggio incondizionato che l’America ha sempre fornito allo stato ebraico, sia in termini economici che militari e politici, non è giustificabile, se non in minima parte, con motivazioni strategiche o morali; la vera ragione di un rapporto così speciale risiede nel grande potere di influenza che una coalizione informale di gruppi e individui impegnati nella difesa degli interessi nazionali di Israele possiede nei confronti del parlamento, del governo e della stessa presidenza degli Stati Uniti.
Accusati di proporre con nuovi argomenti le vecchie ossessioni dell’antisemitismo  e di non fornire prove sufficienti a supporto delle loro tesi, Mearsheimer  e Walt hanno deciso di trasformare il loro saggio in un libro, documentatissimo e rigoroso da sottoporre all’opinione pubblica mondiale.La Israel Lobby e la politica estera americana sostiene con chiarezza e implacabile spirito dialettico, che, dalla guerra in Iraq alla questione palestinese, dall’Iran alla Siria, al Libano, spesso gli interventi americani in Medio Oriente hanno ottenuto effetti contrari all’interessa nazionalistico degli Stati Uniti. Secondo gli autori, la Israel lobby danneggerebbe anche le relazioni degli Stati Uniti con i suoi più importanti alleato, accrescendo per tutti i paesi occidentali i pericoli del terrorismo islamico globale.
Come funzione un simile gruppo di pressione? E’ davvero tanto potente? Perché è così difficile parlarne? Domande urgenti e inquietanti che, per la prima volta vengono affrontate con coraggio, insinuando il dubbio che quanto leggiamo sui giornali i resoconti delle drammatiche vicende mediorientali, forse ci manchi un pezzo essenziale della verità: l’influenza, non riconosciuta eppure cosi profonda che la Israel Lobby esercita sulla politica estera americana. 

John J. Mearsheimer  insegna scienza della politica all’Università di Chicago, dove dirige il programma di politica della sicurezza internazionale. Ha pubblicato numerosi libri, tra cui The Tragedy of Great Power Politics (2001) 

Stephen M. Walt insegna relazioni internazionali alla John F. Kennedy School of Government presso l’Università di Harvard. Ha diretto la Kennedy School dal 2002 al 2006. E’ autore, fra l’altro, di Taming American Power: the Global Response to U.S. Primacy (2005).