Pi

Per ora nessuna tregua da parte di Israele: questa notte l'esercito con la stella di David ha concentrato la propria offensiva nei confronti della zona meridionale della Striscia di Gaza, entrando in territorio palestinese con i carri armati e bombardando la città di Rafah, vicina al confine con l'Egitto. La vicenda assume caratteristiche sempre più internazionali, se si considera che dal Libano sono partiti missili contro Israele (col ferimento di quattro persone).
Le vittime palestinesi di questi 12 giorni di attacco sono ormai 707. Del resto il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha testimoniato che l'esercito israeliano ha più volte e scientemente impedito il passaggio delle ambulanze, anche nel caso vi fossero soccorsi solo dei bambini.
E' notizia di questi minuti che l'esercito israeliano ha colpito nella Striscia di Gaza un mezzo di soccorso dell'ONU, durante le tre ore di tregua concesse alle organizzazioni umanitarie, per portare aiuti alla popolazione palestinese e per liberare le persone intrappolate tra le macerie. Le conseguenze di questo attacco sono state un morto e la decisione dell'ONU di sospendere le operazioni di soccorso della popolazione palestinese