High-Tech Israeliana per potentati e tiranni:

Analisi dell'industria israeliana degli armamenti presentata a Berlino

https://www.jungewelt.de/artikel/349576.israels-r%C3%BCstungsindustrie-wenig-zimperlich.html

Imprese israeliane come "produttori di tecnologia bellica di nicchia“ non sono inclusi nei più grandi esportatori di armi nel mondo, ma tra coloro che rappresentano i più alti standard tecnologici ", hanno detto Shir Hever e Wolfgang Landgraeber quando hanno presentato a Berlino il mese scorso il loro lavoro: "High-tech per potentati e governanti violenti: uno sguardo critico sulla politica di esportazione delle armi di Israele «. I’ industria bellica  israeliana sta per "missili, droni (le aziende israeliane sono leader mondiali) e sistemi per riconoscimento e distruzione elettronico del bersaglio."

Drone Heron

Israele è "in prima linea nello sviluppo di tecnologie di gestione delle frontiere che rappresentano un mercato futuro multi-miliardario, con partner e clienti in tutto il mondo. Nella scelta dei propri clienti Israele sembra essere poco 'schizzinoso: sono compresi diversi Stati che sono accusati di violazioni gravi dei diritti umani o di disprezzo degli standard democratici (per esempio, la libertà di stampa.) accusato ".

Lo studio è stato pubblicato su "GlobalNet" (https://www.gn-stat.org/) un portale Internet gestito dall’ “Ufficio Informativo di Armamenti” (RIB) e da altre organizzazioni che si battono per la fine del commercio di armi. Shir Hever si occupa da anni con la politica di armamenti dello Stato di Israele, ha fatto ricerche e pubblicato il "Economia politica dell'occupazione israeliana" e ha ricevuto il dottorato su "Privatizzazione della sicurezza di Israele." Landgraeber, noto per documentari e le ricerche per la televisione statale tedesca, ha analizzato le esportazioni di armi israeliane in stati autoritari.

I quattro più grandi appaltatori della difesa del paese sono: Israel Aerospace Industries (IAI), statali, l’impresa privata di armamenti " Elbit Sistems ", la statale "Rafael Defense Advanced System Ltd" e li statali "Israele Military Industries' (IMI). Sono elencati dall'Istituto SIPRI svedese (Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma) tra i 100 maggiori produttori di armi al mondo.

Israele è "uno dei paesi più esperti nel trattare con i cosiddetti conflitti congelati", secondo gli autori. Conflitti, quindi, che sono terminati con una tregua, ma senza firma di alcun trattato di pace. Sin dalla sua fondazione nel 1948, Israele è stato al centro di molti "conflitti congelati" e guerre aperte. Altri stati in situazioni simili collaborano con Israele "particolarmente spesso o particolarmente strettamente nel campo della politica di sicurezza e del commercio di armi".


L’analisi mostra tra altro la cooperazione militare israeliana con gli stati africani. Il genocidio del 1994 dei Tutsi in Ruanda è stato effettuato anche con armi leggere da Israele. Nel 2014, l'avvocato israeliano Eitai Mack aveva chiesto la divulgazione dei file governativi sulle consegne di armi in Ruanda. La sua mozione è stata respinta sulla base del fatto che "una pubblicazione potrebbe danneggiare la sicurezza dello stato e le relazioni esterne di Israele".

I droni, israeliani che l’esercito tedesco desidera acquistare, gli autori chiamano "ammiraglie" dell'industria israeliana dell’armamento. Molto richiesti sono-oltre ai droni da ricognizione e sorveglianza- anche i cosiddetti "droni suicidi" armati per attacchi aerei mirati. Elbit Systems e IAI promuovono l'affidabilità dei loro droni con l’esperienza dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Ci sono anche programmi di addestramento offerti dall'intelligence israeliana e da personale militare.

La politica di esportazione di armi israeliane segue tre principi, concludono gli autori:

Primo, il nemico del mio nemico è mio amico. In secondo luogo, l'industria israeliana bellica cerca e trova le sue nicchie. Terzo, Israele agisce come un agente degli Stati Uniti per fornire armi a paesi che Washington non può o non vuole fornire per ragioni politiche.


Iniziative

Notizie

La banca tedesca che ha chiuso il conto corrente della “Juedische Stimme fuer gerechten Frieden in Nahost “ (Voce ebraica per la pace giusta in Medio Oriente , affiliata di“EUROPEAN JEWS FOR A JUST PEACE) : Germania- Israele: Dalla mazza di Auschwitz alla mazza antisemita. Le relazioni tra la...
(72)

Leggi tutto: La banca...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(487)

Leggi tutto: La...