A Gerusalemme inaugurata la Route 4370, una "Apartheid Road" che divide palestinesi e coloni

Divisa a metà da un alto muro. “Siamo alla segregazione stradale”, denuncia B’Tselem, l’organizzazione israeliana per i diritti umani

By Umberto De Giovannangeli

Gerusalemme, Route 4370, già rinominata "Apartheid Road". Dopo anni di polemiche e rinvii, l'arteria stradale è stata inaugurata oggi, a neanche tre mesi dalle elezioni. Quattro km in cui i veicoli palestinesi sono separati da quelli israeliani da un muro alto otto metri.

Dal lato ovest della Route non potranno entrare a Gerusalemme, mentre la parte est servirà ai coloni, che in questo modo potranno collegarsi con il Monte Scopus e altri quartieri della città. L'arteria 4370 passa nelle vicinanze della città-colonia di Maale Adumim, situata fra Gerusalemme e Gerico. Essa faciliterà l'ingresso a Gerusalemme per gli israeliani che abitano negli insediamenti situati a sud di Ramallah. I palestinesi che volessero utilizzarla, secondo la televisione commerciale Canale 10, saranno bloccati all'ingresso dalla polizia israeliana: saranno così indirizzati sul versante occidentale della stessa arteria che sfocia in un villaggio palestinese vicino a Gerusalemme est. Il costo dell'opera, concepita secondo Israele per motivi di sicurezza, è stato di 150 milioni di shekel, circa 40 milioni di euro.

"Siamo alla segregazione stradale", denuncia B'Tselem, l'organizzazione israeliana per i diritti umani. Di parere opposto è il capo del Consiglio Regionale, Yisrael Ganntz, che nell'inaugurare la strada, ha affermato che essa rappresenta "una boccata di ossigeno per i residenti della regione, che lavorano, studiano e si recano in città. Un'opera che esalta la cooperazione tra il consiglio regionale, il municipio di Gerusalemme e il ministero dei trasporti".

La Route 4370 è espressione stradale di quel disegno della Grande Gerusalemme che è uno dei cavalli di battaglia della destra ultranazionalista per le elezioni del 9 aprile. S'inquadra in questo scenario la decisione delle autorità israeliane di destinare 120 ettari per la realizzazione di nuovi progetti edili relativi all'estensione dell'insediamento di Efrat, a sud di Betlemme (Cisgiordania). A rivelarlo è Haaretz secondo cui Betlemme si troverà in futuro ''circondata'' di fatto da località ebraiche: Har Homa' e Har Gilo a nord, Gush Etzion ad ovest ed Efrat a sud. La Grande Gerusalemme è un cantiere a cielo aperto. Inarrestabile.

https://www.huffingtonpost.it/2019/01/10/a-gerusalemme-inaugurata-la-route-4370-una-apartheid-road-che-divide-palestinesi-e-coloni_a_23639309/


Iniziative

Notizie

di Ahmad Kabariti MondoWeiss, 14.05.2019 https://mondoweiss.net/2019/05/buildings-eurovision-destroyed/   All'ingresso dell'edificio residenziale Al-Qamar, demolito da un attacco aereo israeliano una settimana fa, arriva una band palestinese con i suoi strumenti. Spazzano via qualche calcinaccio...
(80)

Leggi tutto: "Si deve...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(382)

Leggi tutto: La...

  INTERNAZIONALE 1281- 9.11.2018 Adam Shatz, London Review of Books, Regno Unito: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è cresciuto all’ombra del fratello maggiore ed era considerato superficiale e ambizioso. Ma ha saputo cavalcare i cambiamenti politici del paese Nel 2003 lo storico...
(552)

Leggi tutto: Benjamino...