Per una vera riforma dell’Autorità Palestinese

da:  Marwa Fatafta (2)

https://al-shabaka.org/briefs/neopatrimonialism-corruption-and-the-palestinian-authority-pathways-to-real-reform/Policy BriefPolitics

I palestinesi risulterebbero collocare la corruzione al secondo posto dopo la crisi economica, al di sopra anche della occupazione israeliana, vedendo i funzionari della Autorità Palestinese come gruppo elitario autoreferenziato lontano dalla lotta palestinese e dalle sofferenze quotidiane della popolazione.

Quali fattori di corruzione e clientelismo più evidenti, vengono citati :

  • l’assunzione da parte del Presidente dell’Autorità Palestinese sia del potere esecutivo che di quello legislativo, attraverso il controllo del Parlamento(1)
  • la norma che consente al Presidente di nominare il capo della Corte Suprema e il capo del comitato di vigilanza sui giudici
  • l’assenza di criteri per determinare assunzioni, salari e promozioni

Ne risultano decisioni e norme non condivise o largamente discutibili tra le quali

  • La legge sui cybercrime del 2017 che autorizza le autorità a bloccare i websites e divsorvegliare i social media ed i loro utenti. Dei palestinesi possono venire arrestati per aver espresso le loro visioni politiche e condannati fino a 15 anni.
  • Il pagamento dei salari a Gaza solo ai 50mila dipendenti della AP, per assicurarsene la fedeltà
  • Le spese di rappresentanza, quali il palazzo presidenziale su un terreno di 4700 mq, più altri 4000 di edifici ausiliari compreso un eliporto
  • L’accordo con Israele sul canale Mar Rosso-Mar Morto con le conseguenze sull’amministrazione delle risorse idriche per i palestinesi

Il modello di aiuti stipulato a Oslo fu quello neoliberista impostato su donatori esterni, cosa che ha danneggiato l’economia palestinese: l’agricoltura, già pilastro dell’economia palestinese, tra il 2001 e il 2005 ha ricevuto solo l’1% dei contributi da parte dell’AP, mentre l’85% è andato alla pubblica amministrazione. Il peso dell’agricoltura sul PIL di conseguenza è passato dal 13,3% nel 1994 al 5,9% nel 2011.

Mentre della riforma del sistema finanziario palestinese – e dei suoi danni politici- si è detto nell’articolo che precede, una vera riforma dell’Autorità Palestinese dovrebbe comportare almeno:

  • Decentramento e separazione dei poteri
  • Trasparenza orizzontale e verticale sia sugli aspetti di gestione amministrativa del territorio, che sui processi politici di interesse generale, avendo come riferimento le strutture di base realizzate nel corso della Prima Intifada
  • Perseguibilità e fine dell’impunità per i pubblici funzionari

(2) Marwa Fatafta, Ricercatrice palestinese, studiosa di problemi della governance, corruzione, trasparenza e dei movimenti della società civile nel mondo arabo

(1) Va rilevato l’annuncio da parte del Presidente Mahmoud Abbas dell’imminente scioglimento del Comitato Legislativo Palestinese, dominato da Hamas http://www.palestinemonitor.org/details.php?id=532ggja21964ypb1eioxfq

Traduzione e adattamento a cura di Associazione di Amicizia Italo-Palestinese


Iniziative

Notizie

di Ahmad Kabariti MondoWeiss, 14.05.2019 https://mondoweiss.net/2019/05/buildings-eurovision-destroyed/   All'ingresso dell'edificio residenziale Al-Qamar, demolito da un attacco aereo israeliano una settimana fa, arriva una band palestinese con i suoi strumenti. Spazzano via qualche calcinaccio...
(74)

Leggi tutto: "Si deve...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(378)

Leggi tutto: La...

  INTERNAZIONALE 1281- 9.11.2018 Adam Shatz, London Review of Books, Regno Unito: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è cresciuto all’ombra del fratello maggiore ed era considerato superficiale e ambizioso. Ma ha saputo cavalcare i cambiamenti politici del paese Nel 2003 lo storico...
(550)

Leggi tutto: Benjamino...