Giovani imprenditori hi-tech: il futuro della Palestina

da: Naomi Kundera – 15 Agosto 2018 , http://www.palestinemonitor.org/details.php?id=91w1fna20040yivli8cibo

 Entrando in una delle poche start-up tecnologiche di Ramallah si ha davvero l’impressione di essere in uno spazio di lavoro di San Francisco o della Silicon Valley: le pareti di ciascuna stanza sono in vetro, spazi di lavoro aperti, panchine, macchie di erba sintetica che ti danno l’impressione di essere all’aperto.  A cominciare dal 2011 le startups tecnologiche hanno cominciato a guadagnare terreno nel mondo arabo per contrastare la disoccupazione e fornire un’offerta al mercato Middle East e North Africa (MENA)

  C’è un problema di mentalità con la società palestinese    " Un problema è che le generazioni mature hanno difficoltà a capire che la tecnologia è il futuro," cosi’ Imam Hithnawi, ventisettenne a capo di Flow, un incubatore tecnologico, dove le imprese sono assistite dalla idea iniziale alle prove, alla prototipazione, fino alla messa a punto di un prodotto

 "La cultura di start-up richiede fiducia nell’investimento, prosegue, "tu non ricevi il risultato subito, vi è un lungo processo prima di incubazione , alfa e beta testing, prototipazione prima del prodotto finale."

Le opportunità della tecnologia     Il mondo arabo si presenta come un mercato sterminato per applicazioni web-based . Stiamo parlando di 350 milioni di persone che parlano la stessa lingua , uno dei mercati più grandi del mondo.

 E’ secondo questa linea che si è sviluppata Yamsafer, agenzia di viaggi e produttrice di apps, nata 7 anni fa ed ora già valutata oltre 1 miliardo di $.

Secondo Faris Zaher, trentunenne responsabile di Yamsafer, vi sono esigenze nel mercato arabo che aziende come Expedia e Booking non sanno comprendere né soddisfare. Dice Zaher che oggi si vedono cambiamenti positivi nella qualità di chi esce dalle università.

Investire nel futuro       Il 49% dei giovani palestinesi tra i 19 ed i 29 anni è disoccupato , molti di essi hanno titoli universitari che risultano sovraqualificati rispetto alla domanda del mercato del lavoro.

Un altro problema è quello del sostegno ai giovani palestinesi ad avviarsi a carriere in campo STEM ((Scienza, Technologia, Engineering, Matematica).  Omar Khatib, 16 anni, si è appena diplomato alla Scuola dei Fratelli , Friends school, di Ramallah ed è in attesa dei risultati della sua domanda a Harvard negli  USA. Questa opportunità gli viene fornita attraverso Code for Palestine, che è un programma triennale rivolto a diplomati della West Bank e Gaza perché seguano carriere nei computer e nelle STEM . Code for Palestine è finanziato dalla iniziativa panaraba PalTel Group Foundation.

Trad e sintesi a cura di Associazione di Amicizia Italo-Palestinese


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(52)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(55)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(48)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(494)

Leggi tutto: La...