Emigranti israeliani

Breve estratto dal reportage di Oren Ziv su attivisti israeliani che hanno lasciato il loro paese e vivono ora a Berlino.

 Versione completa (in tedesco): http://www.rosalux.org.il/tel-aviv-berlin-ein-kampf-bildern/

 

Dal 2003 Oren Ziv documenta attivisti di sinistra israeliani in lotta contro l'occupazione e la costruzione del muro al fianco di palestinesi e partecipano a manifestazioni contro il sessismo e per la giustizia sociale. E anche co-fondatore del collettivo : Activestills:

"Nei media israeliani, ma anche in Germania, negli ultimi anni è stata ampiamente riportata la tendenza tra i giovani israeliani di trasferirsi a Berlino. Tutti gli attivisti che ho intervistato hanno descritto le manifestazioni contro il muro di separazione nei territori occupati e la conoscenza della vita dei palestinesi sotto l'occupazione come esperienza formativa , che hanno visto con occhi nuovi la società israeliana, in cui sono tornati dopo ogni manifestazione. Molti di loro hanno sottolineato che il divario incolmabile tra la violenza che usa lesercito israeliano contro i manifestanti e contro i palestinesi e la "normalità" della vita in Israele è stato uno dei principali motivi della loro decisione di lasciare il paese. Inoltre, il confronto intenso con la violenza istituzionalizzata e le varie forme di oppressione in Israele e Palestina è stato un motivo di emigrare. "

 

Yossi si è trasferito già nel 2006 da Gerusalemme a Berlino. In Israele, è stato attivo negli "Anarchici contro il muro" e in altre battaglie. A Berlino, si impegna a combattere il razzismo, per i rifugiati e contro loccupazione israeliana

Yossis Festnahme während einer Demonstration gegen den Bau der Sperranlage im Dorf Bil'in in der Westbank, 2005. Auf seinem T-Shirt steht auf Hebräisch: „So sieht eine Feministin aus.“


foto Yossi durante una manifestazione contro la costruzione del muro presso Bil'in, nel 2005



Dana si trasferisce nel 2012 da Tel Aviv a Berlino. In Israele è stata attiva nelle "Black Lingerie" at( "Kwisa Schrora" - un movimento queer contro l'occupazione), nel gruppo "Anarchici contro il muro" e attiva in altre battaglie. A Berlino è una delle fondatrici di un gruppo israelo-iraniano, e si occupa di questioni del conflitto israelo-palestinese. Dice: Per me, il comandamento più importante nel giudaismo: non stare a guardare quando il sangue del tuo prossimo è sparso 'Il commesso, non si può rimanere in silenzio quando si vede l'ingiustizia, si deve fare qualcosa ..

Kutner si è spostato nel 2013 da Tel Aviv a Berlino. In Israele era egli anni 90 tra i fondatori del movimento punk. Era organizzatore e DJ di feste di strada e di queer parties. A Berlino organizza e conduce una serie di feste techno. Utner: Il trasferimento a Berlino mi ha dato di nuovo le cose che Israele mi aveva tolto.

Anche Liad si é spostata da Tel Aviv a Berlino, nel 2010.. In Israele è stata membro del "Black Lingerie", degli "Anarchici contro il muro", organizzava Queer parties e spettacoli e si esibiva nelle performance politiche. A Berlino studia e fa performance, si impegna per i diritti dei sex workers e partecipa a manifestazioni contro l'occupazione israeliana.

Israelische Soldaten verhaften Liad während einer Demonstration gegen den Checkpoint bei Nablus in der Westbank im Jahr 2007.Israelische
Foto Soldati israeliani arrestano Liad durante una manifestazione contro il posto di blocco vicino a Nablus , 2007.

Tom ha lasciato Tel Aviv nel 2014 e da allora vive a Berlino. In Israele ha suonato in un complesso punk, organizzato rave parties , ha lavorato come dj e ha partecipato a manifestazioni degli "Anarchici contro il muro" nei territori occupati. A Berlino, si fa musica e lavora come DJ per feste ed eventi. "Quello che mi ha spinto di lasciare Israele, è stata una frustrazione abissale per l'aumento di estrema destra, che si fa sentire in ogni aspetto della vita, ma anche nel la mia situazione personale.

sintesi e traduzione di Leonhard Schaefer


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(70)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(57)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(53)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(494)

Leggi tutto: La...