Ilan Pappè: "Tra ebrei e palestinesi uno Stato unico"

Nena News, 15.05.2015

http://nena-news.it/ilan-pappe-tra-ebrei-e-palestinesi-uno-stato-unico-2/

Il 67esimo anni­ver­sa­rio della Nakba coin­cide con una inte­res­sante ripresa del dibat­tito sullo Stato unico demo­cra­tico e laico per ebrei e pale­sti­nesi. Alla quale ha con­tri­buito la recente pub­bli­ca­zione del libro «The Re-emergence of the Sin­gle State Solu­tion in Palestine/Israel», della stu­diosa Shi­rin Hus­sein, pre­sen­tato l’altra sera a Geru­sa­lemme dallo sto­rico israe­liano Ilan Pappè. Al ter­mine dell’incontro abbiamo rivolto alcune domande a Pappè.

di Michele Giorgio – Il Manifesto

Pappè

Quanto è viva l’idea di uno Stato unico come solu­zione per la que­stione palestinese?

Direi tanto, almeno se par­liamo del mondo acca­de­mico e degli atti­vi­sti. In nume­rose uni­ver­sità degli Stati Uniti ma in Europa e in altre parti del mondo, tra docenti e stu­denti che si occu­pano di Israele e della Pale­stina, il dibat­tito sullo Stato unico per ebrei e pale­sti­nesi cre­sce di pari passo con lo scet­ti­ci­smo verso la solu­zione dei Due Stati, che è stata il perno degli Accordi di Oslo (1993) ma che oggi appare sem­pre più irrea­liz­za­bile, di fronte alla colo­niz­za­zione israe­liana dei Ter­ri­tori occu­pati, alle con­fi­sche di terre e a tutte le poli­ti­che di oppres­sione e pri­va­zione di diritti che attuano i governi israe­liani.

Molti dicono che lo Stato unico è solo una ipo­tesi acca­de­mica, l’argomento di un con­fronto tra pochi intel­let­tuali e atti­vi­sti della causa pale­sti­nese, scol­le­gato da una realtà che vede soprat­tutto gli israe­liani esclu­dere cate­ro­go­ri­ca­mente que­sta pos­si­bi­lità. Ricor­dano anche che ci sono espo­nenti poli­tici israe­liani che defi­ni­scono lo Stato unico un’idea di nemici dello Stato ebraico più peri­co­losa della bomba ato­mica ira­niana. Ma le cose non stanno così. Certo, chi porta avanti que­sta solu­zione del con­flitto non può affer­mare di rap­pre­sen­tare qual­cuno. Ma il punto è un altro. Occorre par­larne, andare con­tro cor­rente, con­tro il flusso delle poli­ti­che che stanno creando l’apartheid in que­sta terra. E sul lungo periodo, di fronte alla gra­vità della situa­zione e al qua­dro demo­gra­fico di israe­liani e pale­sti­nesi, lo Stato unico non potrà che con­qui­stare con­sensi crescenti.

Esi­stono però altre idee ben diverse di Stato unico per la Pale­stina. La destra israe­liana più radi­cale ha la sua pro­po­sta: uno Stato dove gli arabi non avranno gli stessi diritti degli ebrei. Tra i pale­sti­nesi invece cre­sce il con­senso verso uno Stato isla­mico in cui i diritti dei non musul­mani ver­reb­bero garan­titi sulla base dei prin­cipi dell’Islam. Il dibat­tito tra gli acca­de­mici e tra gli atti­vi­sti tiene conto di que­ste tendenze?

Certo. In realtà sono tre le idee di Stato unico che si stanno discu­tendo. La prima è quella di uno Stato laico e demo­cra­tico, la seconda di uno Stato isla­mico e la terza di uno Stato bina­zio­nale. Senza dub­bio i pale­sti­nesi della dia­spora, gli acca­de­mici che vivono all’estero e gli israe­liani non sio­ni­sti pre­fe­ri­scono lo Stato demo­cra­tico e laico per entrambi i popoli. Ma allo stesso tempo sanno di non rap­pre­sen­tare nes­suno ed esplo­rano tutte le solu­zioni pos­si­bili. C’è da dire che lo sforzo prin­ci­pale al momento non viene dedi­cato alla dif­fu­sione dell’idea dello Stato unico bensì a dimo­strare l’impossibilità di rea­liz­zare quella dei Due Stati. Quando la mag­gio­ranza delle parti coin­volte si sarà con­vinta della impra­ti­ca­bi­lità dei Due Stati allora sarà più sem­plice avviare una discus­sione seria ed ampia sullo Stato unico e deci­dere un com­pro­messo, in par­ti­co­lare tra laici e reli­giosi. Non sarà facile ma è molto meglio che con­ti­nuare a par­lare di qual­cosa di irrea­liz­za­bile come i Due Stati. Quanto all’idea di Stato unico nella testa dei lea­der della destra israe­liana posso dire che sta diven­tando sem­pre più popo­lare, che con­qui­sta non poche strade del Paese, ma è desti­nata ad essere accan­to­nata pro­prio dai suoi teo­rici. Per la sem­plice ragione che la cre­scita demo­gra­fica pale­sti­nese, net­ta­mente supe­riore a quella degli israe­liani ebrei, costrin­gerà molto pre­sto i soste­ni­tori dell’oppressione defi­ni­tiva dei pale­sti­nesi a ritor­nare sui loro passi.

Potrebbe non essere così auto­ma­tico. Que­ste forze, sem­pre più popo­lari, forse rac­co­glie­ranno soste­gni tali da chie­dere e otte­nere l’espulsione di una parte della popo­la­zione pale­sti­nese, attuando una seconda Nakba.

Non è sem­plice saperlo. Tut­ta­via con­si­de­rando che un altro attacco mili­tare (israe­liano) con­tro Gaza è molto pro­ba­bile, pre­vedo una nuova rivolta pale­sti­nese, la Terza Inti­fada. I pale­sti­nesi non tar­de­ranno a ribel­larsi in massa all’oppressione, come hanno già fatto in pas­sato. Se la rispo­sta degli occu­panti sarà quella della Nakba del 1948 non sono in grado di dirlo. Di una cosa però sono certo. Sarà molto dura, pesante, cata­stro­fica. Ecco per­ché abbiamo il dovere di non restare in silen­zio, indif­fe­renti verso le sorti di que­sta terra, e di pro­porre l’unica solu­zione ragio­ne­vole, lo Stato unico.


Iniziative

Notizie

di Ahmad Kabariti MondoWeiss, 14.05.2019 https://mondoweiss.net/2019/05/buildings-eurovision-destroyed/   All'ingresso dell'edificio residenziale Al-Qamar, demolito da un attacco aereo israeliano una settimana fa, arriva una band palestinese con i suoi strumenti. Spazzano via qualche calcinaccio...
(78)

Leggi tutto: "Si deve...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(378)

Leggi tutto: La...

  INTERNAZIONALE 1281- 9.11.2018 Adam Shatz, London Review of Books, Regno Unito: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è cresciuto all’ombra del fratello maggiore ed era considerato superficiale e ambizioso. Ma ha saputo cavalcare i cambiamenti politici del paese Nel 2003 lo storico...
(551)

Leggi tutto: Benjamino...