Cos’hanno in comune le guerre in Ucraina, Gaza, Iraq, Siria e Libia?

http://www.voltairenet.org/article185035.html

9/8/2014, da un articolo di Alfredo Jalife-Rahme

I videogiochi "Call of Duty: Modern Warfare" (il più venduto nel mondo) oppone gli Stati Uniti alla Russia nella guerra per il petrolio.

.....oltre il flusso di armi tra Libia, Siria e Iraq nella regione di al-Qaida/al-Nusra e del nuovo califfato dell’emirato islamico (SII), è essenziale per le multinazionali del petrolio, del gas e dell’acqua statunitensi, inglesi e francesi controllare le materie prime (gas e acqua) della Libia, dove Russia e Cina si sono fatti ingenuamente ingannare.

.......l’appropriazione del petrolio iracheno da parte della coppia Regno Unito-Stati Uniti che ha sconfitto l’Iraq, Paese balcanizzato e distrutto, "nella guerra dei 30 anni"

.......l'azione contro Bashar al-Assad è dovuta in gran parte, oltre ai giacimenti di gas sulle coste del Mediterraneo, alla pletora di giacimenti di petrolio all’interno della Siria, ora controllati dal "nuovo califfato del XXI secolo (Daash)".

Il giorno prima del lancio del missile mortale Obama aumentava la pressione sulla Russia e le sue due risorse più connesse, banche e risorse energetiche. "Casualmente" il giorno in cui il misterioso missile è stato sparato in Ucraina, "Netanyahu, che dirige uno Stato dotato di armi nucleari, ordinava al suo esercito d’invadere la Striscia di Gaza" come è stato giustamente sottolineato da Fidel Castro ........

Il nesso petrolio e gas riemerge a Gaza cinque anni dopo l’operazione "Piombo Fuso".........per Manlio Dinucci del Manifesto , la pletora di giacimenti di gas che abbonda nella zona marittima di Gaza è una delle ragioni dell’intransigenza israeliana.

Come la pletora di depositi di gas di scisto che abbonda nella Repubblica autonoma di Donetsk, che cerca di separarsi dall’Ucraina o federarsi, è la fonte della feroce guerra psicologica tra filo-UE e filo-russi nel rigettare sull’avversario la responsabilità dell’esplosione del velivolo delle Malaysia Airlines. Non potrebbe trattarsi di un’operazione del governo ucraino per accusare di "terrorismo" i separatisti, utilizzando "registrazioni" che potrebbero benissimo essere stati manomessi?

Infatti, la parte orientale dell’Ucraina, ora travolta dalla guerra civile, concentra "una miriade di giacimenti di carbone e gas di scisto nel bacino del Dnepr-Donets."

Nel febbraio 2013, l’inglese Shell Oil firmò con il governo ucraino un accordo per condividere i profitti per 50 anni dell’esplorazione ed estrazione di gas di scisto nella regione di Donetsk.

L’anno scorso, la Chevron ha firmato un accordo analogo (con lo stesso governo) per un valore di 10 miliardi di dollari.

Hunter Biden, figlio del vicepresidente degli Stati Uniti, è stato nominato al Consiglio di amministrazione Burisma, il maggiore produttore di gas privato (Supersic) in Ucraina , "dando una nuova prospettiva allo sfruttamento dello shale gas ucraino" nella misura in cui "la licenziataria copre il bacino del Dnepr-Donets". John Kerry non rimane con le mani in mano sulla divisione degli utili e Devon Archer, suo ex-compagno di stanza e affittuario del genero, entra in Burisma ad aprile, in questa controversa società.

E’ chiaro che gli idrocarburi sono il denominatore comune delle guerre in Ucraina, Iraq, Siria e Libia.


Iniziative

Firenze per la Palestina invita a partecipare al presidio No al Piano Trump! La Palestina non è in vendita   sabato 15 febbraio 2020 ore 16.30 p.zza Strozzi - Firenze   Il piano Trump prevede:- Gerusalemme indivisa ed eterna capitale dello stato d'Israele;- l'annessione  immediata  da  parte  di  Israele...

Leggi tutto: No al piano...

Notizie

Interventi