Sui negoziati e l'alto tradimento: la 'pace' israelo-palestinese

http://www.aljazeera.com/indepth/opinion/2014/01/negotiations-high-treason-israel-palestine-peace-201411273239332824.html#.UtfXx3LZPZo.facebook

 Al Jazeera, 16.01.2014

Sui negoziati e l'alto tradimento: la 'pace' israelo-palestinese

 

 

saSusan Abulhawa è una scrittrice palestinese e autrice del romanzo bestseller internazionale "Ogni Mattina a Jenin". È inoltre la fondatrice di "Playgrounds for Palestine", una ONG per i bambini.

 

 20131229192317382734 20

 

 

Dall'ultima tornata di 'trattative', Israele probabilmente uscirà con la fertile valle del Giordano [ EPA ]

 

Nulla di buono per i Palestinesi arriverà dagli attuali negoziati in Medio Oriente. Peggio ancora, il danno sembra probabile . Questi negoziati minacciano di annullare anni di lavoro da parte della società civile e dagli amici solidali con i palestinesi in tutto il mondo, che hanno lavorato senza sosta per una pace giusta. Il loro lavoro è stato fatto - principalmente - attraverso campagne globali di resistenza nonviolenta come la campagna di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), il Tribunale Russell, e

proteste popolari in crescita a livello locale e internazionale, fra le altre tattiche.

 

Quello che abbiamo sentito è che il Segretario di Stato USA John Kerry ha presentato a entrambe le parti un accordo provvisorio per "servire da base di partenza per la prosecuzione dei negoziati verso un accordo permanente" . L'"accordo finale" sarebbe "basato sui confini del 1967". Concessioni tangibili con profonde implicazioni sono richieste ai Palestinesi, ma non a Israele, che sta "negoziando" territori, diritti e risorse che già appartengono ai Palestinesi.

 

Gran parte di questa retorica è familiare, essendo riciclata dagli accordi falliti di Oslo, quando fu raggiunto un accordo che esigeva concessioni permanenti ai Palestinesi in cambio di promesse di reciprocità israeliana che non si sono mai materializzate. Dunque, ai Palestinesi vengono ora vendute la stesse bugia che hanno acquistato 20 anni fa. Questa volta, le concessioni richieste ai Palestinesi ammontano a un abbandono completo dei nostri diritti come indigeni, in cambio delle stesse promesse vuote e di qualche spicciolo dalla UE e dagli USA per sostenere lo status quo un pò più a lungo, il tempo sufficiente per modificare in modo permanente il paesaggio e completare l'opera di ingegneria economica, politica e sociale sulla popolazione palestinese mirata alla sua impotenza permanente, in cui profonde divisioni, corruzione, e dipendenza impediscono la nascita di una resistenza organizzata efficace.

 

Verità note

 

I dettagli dell'accordo, ci viene detto, "sono in fase di elaborazione tra le parti". Ma ci sono alcune certezze: l'autodeterminazione palestinese non verrà realizzata da questo accordo. Uno stato palestinese effettivo con un territorio contiguo rimarrà impossibile date le alterazioni fisiche del paesaggio che Israele ha fatto attraverso il furto rapace di terra, la colonizzazione , e la "giudaizzazione" di Gerusalemme e di gran parte della Cisgiordania. Israele non cesserà la costruzione di insediamenti illegali, anche se lo fa in modo temporaneo. I Palestinesi non avranno il controllo sul proprio spazio aereo, le proprie risorse naturali (ad esempio l'acqua, e il petrolio recentemente scoperto), le proprie frontiere o la propria economia. Strade, abitazioni, e autobus separati saranno ancora una realtà.

 

La demolizione di case palestinesi continuerà. L'assedio di Gaza rimarrà e forse sarà rafforzato ulteriormente. Il muro di separazione sarà ancora lì, con le torri di guardia e i cecchini . Israele continuerà a bombardare il nostro mondo a suo piacimento. Continueranno ad effettuare incursioni notturne. Continueranno a terrorizzare i nostri figli. La detenzione amministrativa rimarrà un costo della vita per i giovani palestinesi. La nostra Gerusalemme, a pochi chilometri di distanza , sarà ancora distante come la luna per la maggioranza dei Palestinesi. Israele continuerà ad importare ebrei stranieri provenienti da tutto il mondo per stabilirsi sulla terra palestinese rubata, dove prenderanno le armi contro la popolazione palestinese nativa .

 

 

Gli incentivi offerti ai palestinesi nei colloqui attuali sono così insignificanti da suggerire che l'Autorità Palestinese (AP) voglia accettare finanziamenti in cambio della libertà. Si parla di un "pacchetto economico senza precedenti" , e altre "concessioni", e il tutto ammonta a un anestetico temporaneo. D'altra parte, Israele probabilmente uscirà con la benedizione palestinese per il suo furto della Valle del Giordano, le terra più fertile della Cisgiordania, e per la continuazione del controllo sulle vite e le risorse palestinesi .

 

Si dice anche che potrebbero ottenere una spinta ai loro obiettivi demografici razzisti - propagandati dal ministro degli Esteri Avigdor Lieberman e da Henry Kissinger, consigliere WINEP - ovveroil trasferimento al controllo palestinese di grandi porzioni della loro indesiderabile cittadinanza non ebrea. Ma questa è una porcheria. I loro obiettivi immediati sono duplici: dare un duro colpo alla crescente solidarietà palestinese e al boicottaggio di Israele, e guadagnare finalmente una legittimità come Stato razzista .

 

Effetto BDS

 

La campagna per il Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), lanciata nel 2005 dalla società civile palestinese come mezzo nonviolento di liberazione nazionale ed umana dalla colonizzazione israeliana e dall'apartheid, si è diffuso nella cultura mainstream, promettendo un'azione globale sulla scala che ha contribuito a porre fine al sistema simile di apartheid in Sud Africa. Credo che il movimento popolare BDS (comprese le azioni di solidarietà correlate) sia il principale fattore che motiva Israele a cercare di arrivare a qualche accordo interinale con i palestinesi.

 

Israele è nel panico, e giustamente, perché il suo potere risiede solo nel campo dei governi e delle élite aziendali . Israele non ha difese contro le mobilitazioni di massa che invocano giustizia e i diritti umani fondamentali. Questo è proprio quanto accadde alla fine degli anni 1980, quando la prima intifada catturò l'immaginazione popolare del mondo. Anche prima della comunicazione di massa e delle informazioni istantanee, le immagini dei bambini palestinesi armati di pietre di fronte a soldati pesantemente armati e carri armati hanno iniziato a scottare nella coscienza internazionale, minacciando l'immagine di Israele come vittima, nonostante le loro migliori pubbliche relazioni e campagne di propaganda .

 

Così, Israele , di concerto con gli Stati Uniti , orchestrò la Conferenza di Madrid, seguita dagli accordi di Oslo. Sebbene i Palestinesi fecero il doloroso sacrificio di rinunciare alle pretese sul 78 per cento della Palestina storica, accettando di stabilire uno stato su un misero 22 per cento della nostra terra, Israele ha continuato ad agire in malafede, continuando l'escalation dei progetti coloniali e di pulizia etnici volti a creare "fatti sul terreno" che attualmente precludono qualsiasi realizzazione sensata di uno Stato palestinese come previsto dagli accordi di Oslo .

 

La "diplomazia" di Oslo ha non soltanto consolidato la terra che Israele ha preso attraverso il terrore e la guerra nel 1948 e creato una nuova base di partenza per espandere l'impresa coloniale israeliana, ma ha anche efficacemente risucchiato l'unico vero potere che abbiamo avuto - la mobilitazione popolare - e ha rotto la nostra forza collettiva dandoci la falsa speranza che la liberazione fosse dietro l'angolo. In cambio, abbiamo avuto l'illusione di autogoverno - una schiera casuale di "leader" eletti a vita che hanno contribuito a trasformare il nostro popolo fiero in una nazione di mendicanti, il cui sostentamento dipende dagli aiuti internazionali. Abbiamo visto una ulteriore colonizzazione delle nostre terre, che sono domini riservati agliebrei. E abbiamo ottenuto una forza di polizia palestinese ben addestrata che, lungi dal proteggere i palestinesi, collabora con Israele per reprimere la resistenza legittima contro la tirannia .

 

Siamo ora in una situazione simile a quella della fine degli anni 80. Dopo anni di lotta, organizzazione e attivismo , la resistenza palestinese ha nuovamente catturato l'immaginazione popolare e la società civile di tutto il mondo: accademici, attivisti, clero, intellettuali, artisti, sindacati, università, comuni , chiese e altri individui e istituzioni di coscienza si stanno mobilitando in solidarietà con le aspirazioni dei Palestinesi ai diritti umani fondamentali e ritengono Israele responsabile per i suoi crimini sistematici e implacabili contro la popolazione palestinese indigena .

 

[La diplomazia intergovernativa non è un percorso per una pace giusta, ma piuttosto una voragine per i diritti dei palestinesi .

- Richard Falk]

 

Alto tradimento

 

Poiché Israele non ha alcun argomento legittimo contro le richieste di diritti fondamentali dei Palestinesi, sta cercando di debellare il BDS come ha fatto con la prima intifada, entrambi sono movimenti di resistenza nonviolenta popolare, riciclando la farsa dei negoziati. Mentre il popolo palestinese non può essere ingannato una seconda volta, questi accordi interinali rischiano di ingannare i nostri amici solidali.

 

E così, la posta in gioco è ora di gran lunga maggiore . La limitazione della crescita del BDS potrebbe finire per essere un innocuo effetto collaterale. Il vero premio per la supremazia e l'ideologia imperialista sionista è il riconoscimento da parte palestinese di Israele come Stato ebraico. Molti si chiedono perché questo sia un obiettivo così importante per Israele. La risposta è semplice. Quando i veri eredi della terra, quelli che sono indigeni in ogni senso - storicamente, culturalmente, giuridicamente, geneticamente - riconoscono Israele come Stato ebraico, stanno effettivamente rinunciando a ogni pretesa sulla propria terra. Come un proprietario che abbandona ufficialmente la propia casa ad un occupante abusivo, i Palestinesi darebbero a Israele l'unica vera legittimità in cui può mai sperare. Fare una tale dichiarazione equivarrebbe non solo a rinunciare al nostro diritto al ritorno ad una terra che abbiamo appena benedetto come appartenente al mondo ebraico, ma significherebbe anche abbandonare i nostri fratelli e sorelle palestinesi che hanno la cittadinanza israeliana ad uno stato permanente di seconda classe e alla disuguaglianza razzista istituzionale.

 

La continuazione dei negoziati bilaterali nella squilibrio di potere attuale ci distruggerà. Usando le parole di Richard Falk, « la diplomazia intergovernativa non è un percorso per una pace giusta, ma piuttosto una voragine per i diritti dei palestinesi". Si può perdonare l'OLP per essere stata ingannata da Oslo la prima volta (nonostante gli avvertimenti dei luminari come Edward Said). Ma ricondurci nella stessa trappola con lo stesso linguaggio e le stesse promesse vane è inconcepibile. A questo punto , qualsiasi accordo provvisorio che non metta fine definitivamente all'occupazione israeliana, all'apartheid israeliano (compresa la piena uguaglianza dei Palestinesi con cittadinanza israeliana) , e non permetta il ritorno dei rifugiati palestinesi dovrebbe essere considerato come un atto di alto tradimento contro il popolo Palestinese .

 

Susan Abulhawa è una scrittrice palestinese e autrice del romanzo bestseller internazionale "Ogni Mattina a Jenin". È inoltre la fondatrice di "Playgrounds for Palestine", una ONG per i bambini.

 

(Traduzione di G.Graziani)

 


Iniziative

Notizie

di Ahmad Kabariti MondoWeiss, 14.05.2019 https://mondoweiss.net/2019/05/buildings-eurovision-destroyed/   All'ingresso dell'edificio residenziale Al-Qamar, demolito da un attacco aereo israeliano una settimana fa, arriva una band palestinese con i suoi strumenti. Spazzano via qualche calcinaccio...
(71)

Leggi tutto: "Si deve...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(377)

Leggi tutto: La...

  INTERNAZIONALE 1281- 9.11.2018 Adam Shatz, London Review of Books, Regno Unito: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è cresciuto all’ombra del fratello maggiore ed era considerato superficiale e ambizioso. Ma ha saputo cavalcare i cambiamenti politici del paese Nel 2003 lo storico...
(548)

Leggi tutto: Benjamino...