Libano: Diario di Tuf Tuf...6

Per non dimenticare Sabra e Chatila
16.11.2012
http://sabraechatila.wordpress.com/2012/11/16/beirut-il-diario-di-tuf-tuf-6-l-anti-sciismo-militante-di-ahmad-al-assir/#more-1210


Beirut, il diario di Tuf Tuf…6 – L’ “anti-sciismo militante” di Ahmad Al-Assir

BEIRUT, 16 Novembre 2012 – Gli scontri a fuoco scoppiati a Sidone lo scorso 11 Novembre tra Salafiti e militanti di Hezbollah per la richiesta da parte dei primi di rimuovere manifesti raffiguranti il leader del Partito di Dio Hassan Nasrallah affissi in occasione della prossima festa sciita dell’Ashurah, conclusosi con un bilancio di tre morti e diversi feriti, hanno riportato gli onori delle cronache una figura tanto controversa quanto sempre più presente nel panorama politico libanese, lo shaikh Ahmad Al-Assir.
                                  ahmad al assir

 

I TRASCORSI

Originario di Sidone dove ha il suo campo base presso la Moschea Bilal Bin Rabah, lo shaikh inizia la sua opera di propaganda capillare della fede islamica su tutto il territorio libanese sul finire della Guerra Civile, diventando nel giro di pochi anni una figura di riferimento del panorama sunnita locale. Inizialmente concentrato solo su affari religiosi, dalla seconda metà degli anni duemila inizia a infarcire i suoi sermoni con riferimenti via via più frequenti alla situazione politica del paese, trasformandosi da semplice religioso a emergente leader salafita anche oltre i confini della sua città di origine.

L’ATTIVITA’ MILITANTE

L’ “anti-sciismo militante” è il vero marchio di fabbrica del “Leone Sunnita”, la cui figura è diventata popolarissima negli ultimi mesi, proprio per una serie di manifestazioni anti-siriane e anti- Hezbollah portate avanti sia a Beirut che a Sidone. Tra le più eclatanti, ricordiamo la chiamata a una mobilitazione di massa a Beirut in solidarietà al «popolo siriano oppresso» agli inizi dello scorso marzo, blocchi autostradali a Sidone per chiedere il disarmo del Partito di Dio, e la manifestazione dello scorso 21 settembre nel centro della capitale, che dal proposito iniziale di mostrare il proprio dissenso verso il film islamofobo “Innocence of Muslims”, ha subito virato verso l’invettiva contro Assad e i suoi alleati in Libano, arrivando ad accusare chiunque esponga una foto del Presidente Siriano di «insultare il Profeta».
Hezbollah viene accusata di «mantenere il monopolio settario della resistenza per  dividere i gruppi islamici e portare avanti il progetto iraniano», mentre l’opposizione attiva alla Siria è presentata come un obbligo per ogni vero musulmano, essendo «un obbligo religioso sostenere gli oppressi contro gli oppressori».

LA BASE

L’opera di delegittimazione dal basso del Partito di Dio e dello sciismo politico attraverso la militanza attiva, la sua giustificazione su base religiosa in nome del riscatto e dell’unità del “vero” islam sunnita, hanno garantito allo shaikh un consenso crescente soprattutto tra quella porzione di elettori del movimento Mustaqbal insoddisfatta della propria leadership, impegnata a preparare il terreno per la prossima tornata elettorale piuttosto che alla creazione di un blocco sunnita di massa da contrapporre alla forza egemonica di Hezbollah.

È dunque sulla frustrazione delle masse sunnite che nell’ultimo anno hanno assistito da spettatori all’ascesa al potere inesorabile dei loro fratelli nella regione dopo le Primavere Arabe, e sul loro latente complesso di inferiorità rispetto alla forza in termini di seguito, organizzazione e potere di mobilitazione della controparte sciita,  che si fonda il successo dello shaikh Al-Assir.

Il rischio di confronto aperto sunniti-sciiti è per adesso scongiurato dal disinteresse del Partito di Dio nel farsi coinvolgere nel gioco della lotta interconfessionale. Ciò nonostante, fatti di Sidone dimostrano come il pericolo di una recrudescenza degli scontri tra le due principali correnti dell’Islam possa replicarsi in qualsiasi momento. Mercoledì notte un altro scontro a fuoco tra sciiti e sunniti ha avuto luogo nel sobborgo di Ruis a sud della capitale per l’inizio dei dieci giorni di celebrazioni dell’Ashura, con un bilancio finale di tre feriti.
Due giorni prima, lo shaikh Al-Assir ha annunciato l’imminente formazione di una milizia sunnita da contrapporre ad Hezbollah.

C’è dunque da chiedersi quanto possa ancora durare il precario equilibrio tra i due blocchi.

 


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(74)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(60)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(58)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(503)

Leggi tutto: La...