Testimone da Gaza: "Quelllo che ho visto è indescrivibile"

Nena News
14.11.2012
http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=41090&typeb=0&-Quello-che-ho-appena-visto-e-indescrivibile-

"Quello che ho appena visto è indescrivibile"

Riceviamo e pubblichiamo la traduzione della testimonianza di Mohammed Malaka, studente 21enne, testimone dell'omicidio di Ahmed al-Jabari.
                attacco a gaza03

 

 

Gaza, 14 novembre 2012, Nena News - Mohammed Malaka era presente quando il missile israeliano ha colpito l'auto del capo delle forze armate di Hamas, Ahmed al-Jabari. Ecco la sua testimonianza:

"Quello che ho appena visto con i miei occhi, proprio pochi minuti fa è semplicemente indescrivibile. Due martiri, un fiume di sangue, persone ammassarsi e correre da tutte le parti, ambulanze, giornalisti, tutto era rosso.

Una delle ragazze che era vicino a me mentre guardavo il razzo israeliano in cielo, si è ammutolita quando lo stesso razzo è caduto vicino a noi. Non riusciva più né a parlare, né a camminare. L'ho aiutata a camminare, cercando di calmarla, e ho pensato di tranquillizzarla dicendole l'unica cosa che mi è venuta in mente: "questo è il nostro destino, dobbiamo essere più forti che possiamo. La Palestina ha bisogno di sacrificio per essere libera".

C'era parecchia strada da fare e lei continuava a non riuscire a parlare. Ci siamo fermati diverse volte perché non poteva camminare e il suo corpo tremava in maniera incontrollabile. Trovare una macchina per portarla a casa velocemente era quasi impossibile. Ogni cinque minuti, sentivamo esplodere una nuova bomba che la faceva gridare in mezzo alla strada.

La maniera in cui stava lì, ammutolita, il modo in cui il suo corpo tremava mi hanno fatto venire da piangere, dal profondo del cuore. Ho pregato, ogni singolo passo, perché riuscissimo a raggiungere casa e perché lei tornasse a parlare. Dopo aver camminato per mezz'ora, abbiamo trovato un'auto. La ragazza non smetteva di piangere e abbracciarmi. Ho ancora la sua faccia davanti agli occhi e quando ci penso non posso fare a meno di piangere. Quando finalmente arriviamo a casa sua, lei vede la madre, la abbraccia e comincia a piangere e urlare: - Non è giusto!

Mentre ero in macchina diretto a casa mia, a est del confine di Gaza City, cinque nuove bombe sono state sganciate proprio sul confine. Ho raggiunto casa mia e ho visto la mia sorellina piangere.

Dio mio, cos'altro dovrei fare in una situazione simile, se non essere forte? Noi non ci arrenderemo mai."

 

 

 

 

 

 


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(52)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(55)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(47)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(494)

Leggi tutto: La...