8.000 bambini palestinesi in carcere dal 2.000 ad oggi

AIC - Alternative Information Center
29.03.2012
http://www.alternativenews.org/italiano/index.php/topics/28-news/3500-8000-bambini-palestinesi-in-carcere-dal-2000-ad-oggi

8000 bambini palestinesi in carcere dal 2000 ad oggi

di  Jillian Kestler-D'Amours per l'Electronic Intifada
 

Hamza ha dei ricordi che nessun ragazzo di 17 anni dovrebbe avere. L'anno scorso è stato arrestato nel bel mezzo della notte con il sospetto di aver gettato sassi contro alcuni coloni israeliani vicino alla sua scuola in Cisgiordania.

                                    gaza_boy-tortured

È stato ammanettato, bendato e picchiato sulla strada per l'interrogatorio.

"Mi hanno chiesto quando ho lanciato pietre, e come, a che ora, di notte o al mattino, e chi era lì con me," ha raccontato. "Quando mi hanno portato in carcere mi hanno messo in una piccola cella. Mangiavamo nello stesso posto in cui facevamo la pipì.
A volte ci hanno spogliato; ci spogliavano, ridevano e ci picchiavano, contemporaneamente".


Hamza ha trascorso cinque mesi nella prigione militare di Ofer. Non ha avuto nessun contatto con i suoi genitori o con i familiari, a cui è stato negato il diritto di fargli visita. Tre mesi dopo essere stato rilasciato dal carcere, è entrato in un programma di riabilitazione presso il YMCA a Beit Sahour, vicino al villaggio natale di Takoua (Cisgiordania). Il cambiamento, ha detto, è stato quasi immediato.

"Ero proprio a mio agio durante le sessioni psicologiche che avevo, e mi sentivo sempre meglio, anche meglio di come fossi prima del carcere", ha dichiarato Hamza, che ora studia per diventare un falegname. "Dopo che ho iniziato a lavorare in falegnameria, sono diventato più forte, nulla mi spaventa più. Ho iniziato a guardare al futuro in una luce positiva ".

Stime recenti hanno scoperto che ogni anno Israele detiene ed arresta circa 700 bambini palestinesi . Questa realtà ha costretto i palestinesi in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, a sviluppare programmi che cercano di far fronte al trauma che questi bambini hanno quando vengono rilasciati dalla prigione.

Il programma di riabilitazione del YMCA (Gerusalemme Est ) è iniziato nel 1989, poco dopo l'inizio della prima intifada palestinese. Esso poggia su tre direzioni - sostegno psico-sociale, empowerment, e re-integrazione. Ha lo scopo di far tornare i ragazzi ex-detenuti a scuola, o nei programmi di training per un futuro lavoro.


Secondo il direttore del programma Nader Abu Amsha, uno degli obiettivi principali è quello di offrire ai bambini i meccanismi di adattamento necessari per evitare di rivivere il trauma una volta usciti dal carcere. "Stiamo facendo del nostro meglio per aiutare non solo nella terapia, ma nella costruzione del meccanismo per affrontare ex-post questa esperienza e per aiutare le persone a mantenere la loro capacità di resistenza a queste esperienze traumatiche.

 

Leve del trauma

 
"Un trauma può accadere una volta nella vita", ha detto Abu Amsha. "Ma qui ci si confronta quotidianamente con realtà scioccanti come i posti di blocco, i soldati, i coloni che attaccano le persone ... tutto ciò che ci circonda potrebbe essere la leva che ci fa tornare in mente un evento traumatico che abbiamo vissuto".


Save the Children e il programma di riabilitazione del YMCA di Gerusalemme Est hanno pubblicato un rapporto - in data 11 marzo - sull'impatto degli arresti e delle detenzioni israeliane sui bambini palestinesi che vivono sotto l'occupazione israeliana. Le organizzazioni stimano che dal 2000, Israele abbia arrestato e detenuto oltre 8.000 bambini palestinesi in Cisgiordania e Gerusalemme Est, alcuni dei quali di appena 12 anni.

Ammanettati e bendati, i bambini - che sono per la maggior parte arrestati con l'accusa di lancio di pietre, vengono portati nelle carceri israeliane o negli insediamenti in Cisgiordania per l'interrogatorio, che quasi sempre avviene senza i genitori o senza la presenza di un avvocato, secondo quanto afferma il rapporto.


Tutti i palestinesi in Cisgiordania sono soggetti al sistema militare dei tribunali israeliani, che è stato istituito poco dopo che Israele ha iniziato a occupare il territorio nel 1967. Secondo il rapporto, questi tribunali "non sono destinati a funzionare come un sistema giuridico globale", ma piuttosto, "devono essere intesi come il 'braccio giudiziario' della potenza occupante, il che significa che l'accento è posto più sulla sicurezza che sulla giustizia. "


Incubi

 
Il rapporto ha anche riscontrato che quasi tutti i bambini (98 per cento) sono stati sottoposti a violenza fisica o psicologica durante il loro arresto e la loro detenzione, e che il 90 per cento dei bambini soffre di disturbo post-traumatico da stress (PTSD), con incubi, enuresi notturna, ansia e altri segni di trauma al momento del loro rilascio.


"Tutti questi sintomi non possono essere trascurati: è il centro dei nostri interessi aiutarli a liberarsi dell'impatto psicologico del carcere e dalla dura esperienza che hanno passato," ha detto Abu Amsha. "Il loro diritto è quello di poter accedere alla riabilitazione”.


Per Mouath, 19 anni, un altro adolescente palestinese, che ha trascorso otto mesi nella prigione militare israeliana di Ofer con l'accusa di aver lanciato pietre, il processo di riabilitazione è stato positivo non solo per lui, ma anche per la sua famiglia e gli amici, che hanno notato un cambiamento in positivo.


"Sono andato a scuola dopo [essere stato rilasciato], ma si sono rifiutati di portarmici. Mi sono seduto a casa senza lavoro. Non sapevo rapportarmi né con i genitori nè con i miei amici. Ero di pessimo umore, depresso. Continuavo a pensare al carcere. Ero molto spaventato ", ha detto Mouath. Oggi, dopo le sessioni di consulenza, non ha più paura. "L'occupazione è ancora in corso, ma ora i soldati non mi danno fastidio. Sono molto sollevato " ha raccontato Mouath che ora lavora nel campo dell'elettronica automobilistica. "I miei problemi sono diminuiti. I miei disagi psicologici e i pensieri negativi sono spariti".
 

Tradotto in italiano da Marta Fortunato per l'Alternative Information Center (AIC)


Iniziative

Notizie

di Ahmad Kabariti MondoWeiss, 14.05.2019 https://mondoweiss.net/2019/05/buildings-eurovision-destroyed/   All'ingresso dell'edificio residenziale Al-Qamar, demolito da un attacco aereo israeliano una settimana fa, arriva una band palestinese con i suoi strumenti. Spazzano via qualche calcinaccio...
(65)

Leggi tutto: "Si deve...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(373)

Leggi tutto: La...

  INTERNAZIONALE 1281- 9.11.2018 Adam Shatz, London Review of Books, Regno Unito: Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è cresciuto all’ombra del fratello maggiore ed era considerato superficiale e ambizioso. Ma ha saputo cavalcare i cambiamenti politici del paese Nel 2003 lo storico...
(545)

Leggi tutto: Benjamino...