I come from a beautiful place, di Carol Mansour (2010)

 

"I come from a beautiful place"

  regia di Carol Mansour

  Documentario - Colore - Durata 33' - Libano 2010 -   DVD in lingua araba con sottotitoli in inglese

                                     carolmansour_i_come_from_a_beautiful_placeab

 

 

 Questo documentario è una potente ricognizione nella vita di cinque profughi che sono finiti in Libano. Esso si sviluppa attraverso la narrazione delle storie intime di persone che provengono da paesi e culture diverse, ma le cui vite ed esperienze da rifugiato si intrecciano. Attraverso le loro storie il documentario riesce a dare una sensazione cruda di smarrimento, paura, persecuzione e allo stesso tempo di speranza.

Carol Mansour  è una regista libanese di origine palestinese. Ha studiato a Montreal, in Canada, e attualmente vive a Beirut, Libano. Ha lavorato per una stazione televisiva per otto anni come redattore e direttore. Nel 2000, ha fondato la casa di produzione Forward Film Production. Il suo lavoro si concentra su problemi socio-economici, come i lavoratori migranti, i profughi, le questioni ambientali e il lavoro minorile. Il suo primo documentario "Asfalto 100%" si occupa della vita dei bambini di strada del Cairo. Dopo aver girato vari festival internazionali, "Asfalto 100%" ha ricevuto il premio della giuria dell'Insitut du Monde Arabe a Parigi nel 2000, Miglior Documentario al festival del cinema arabo di Rotterdam e Miglior Corto Documentario Internazionale a Darwin, Australia. "Maid in Lebanon", girato in Libano e nello Sri Lanka, si occupa dei lavoratori migranti e delle donne. Esso è molto utilizzato come strumento di consapevolezza in tutto il Libano. "Un'estate da non dimenticare" racconta la storia della guerra in Libano nel luglio 2006. Ha ricevuto il premio come Migliore Documentario Corto Internazionale al festival di Nuova Zelanda e "Primo Premio" al Sole Luna Festival di Palermo.

 

 


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(53)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(55)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(48)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(494)

Leggi tutto: La...