Un sostegno per Karmi

 AIUTATECI AD AIUTARLO 
                 

karmi e haithamab

Sono Karmi al-Khatib e ho tre anni. Prima abitavo a Bil’in con mia madre, mio padre e mio fratello un po’ più grande di me.
Bil’in è un piccolo paese della Palestina occupata, dove gli israeliani ci vogliono portare via la terra per darla ad una vicina
colonia di stranieri, ma è il mio paese, per me è tutto il mio mondo.

 

Ora però sono sempre in un ospedale israeliano a Gerusalemme che si chiama Hadassah e dove una buona dottoressa
russa dice di volermi curare, perché, secondo lei, sono molto ammalato. Dice che ho la “leucemia” e per questo mi dà tante
medicine e mi fa continuamente delle analisi. Negli ultimi tempi, le ha fatte anche a mia madre e a mio fratello. Mio padre
non lo posso vedere mai, perché a lui non danno il permesso di venire a Gerusalemme per trovarmi. So che soffre perché
non trova lavoro ed è costretto a vendere tutto e a domandare continuamente aiuto per poter pagare le medicine che mi
devono dare qui. La buona dottoressa dice sempre alla mamma che se loro non pagano, mi rimanderanno a casa – a me
questo piacerebbe – ma la cosa sarebbe “tragica”. Chissà che cosa vuol dire con questa parola: “tragica”. Deve essere
molto brutta, perché, dopo, la mamma si mette a piangere.  Sembra che quelli del nostro governo non paghino tutto e allora
mio padre deve chiedere prestiti in giro. Ma lui non sempre ci riesce, anche perché la mamma mi ha detto che gli israeliani
lo mettono in prigione quando va a riprendere le manifestazioni del venerdì con la telecamere. Ma lui lo fa per far capire che
noi siamo gente pacifica e che vuole solo vivere in pace. Lo ha capito tanta gente che viene da paesi lontani, perché non
vogliono capirlo questi soldati che ci sparano addosso e non ci lasciano tranquilli né di giorno né di notte?

 

Karmi ha bisogno di medicine particolari e di alimenti specifici, il cui costo non è coperto dall’assicurazione sanitaria
dell’Autorità Palestinese, e la cui cifra globale si aggira sugli 800 euro al mese. Quando il padre Haitham lavorava a Ramallah
come elettricista, guadagnava 5/7 euro al giorno.

Stiamo costruendo una rete di persone che sono disponibili a versare mensilmente contributi, anche piccoli, perché Karmi
possa avere ancora qualche speranza di vita.
 

Tutti possono dare un piccolo aiuto, facendo un bonifico intestato all’Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus
di Firenze, viale G. Matteotti, 27 -
e mettendo come causale: PER KARMI.

Il codice IBAN è IT70B0103002803000001718821. Poi provvederemo a farglielo arrivare.

 

 

 


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(13)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(15)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(16)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(489)

Leggi tutto: La...