Fertile Memory, di Michel Khleifi (1980)

 

Fertle Memory – La memoria fertile

regia di Michel Khleifi

 Film.  Colore. Durata: 99’. Palestina/Olanda/Belgio 1980. Musica di Jaqueline  Rosenfeld, Jannot Gillis. DVD in arabo con sottotitoli in inglese.

                                                             fertilememoryab

Fertile Memory è il primo lungometraggio girato completamente all’interno  della Linea Verde della West Bank. Amalgamando liricamente elementi documentari e narrativi, Khleifi scolpisce abilmente e amorevolmente il ritratto di due donne palestinesi le cui lotte personali qualificano e trascendono entrambe la politica che ha diviso i loro uomini e le loro vite. 

La nonna Romia combatte una battaglia legale senza fine con le autorità sioniste che hanno sequestrato le sue terre ataviche subito dopo l’occupazione israeliana del 1947. Con la sua famiglia sparsa su tutta la terra mentre lei lavora in una fabbrica israeliana, Romia  mantiene ostinatamente una dignità e una passione che per lei rappresentano la differenza tra una mera sussistenza e una tenace sopravvivenza.

Sahar Khalifeh, scrittrice divorziata e giovane madre che vive nella West Bank, lotta per conservare un ruolo moderno per se stessa, all’interno  della sua comunità sempre più intollerante nei confronti dell’occupazione.

Rappresentando entrambe lo stato della donna araba contemporanea e l’avanguardia della coscienza palestinese, Sahar deve bilanciare i cambiamenti nel suo mondo dopo la Guerra dei Sei Giorni con le trasformazioni intervenute in se stessa dopo aver conquistato l’emancipazione personale. 

Con talento pittorico, Khleifi innalza i particolari della vita quotidiana di Romia e Sahar  ad un paesaggio desertico tanto senza tempo quanto irresistibile e di evocativa bellezza, per il quale esse lottano. 

Che sia  un triste ninna-nanna o un lamento d’amore eseguito con voluttà, le donne di Fertile Memory prestano voci tenere e potenti al coro di indignazione del loro popolo.


Iniziative

Notizie

Gaza – È difficile descrivere ed esprimere il significato di un’esistenza vissuta in una tomba all’aria aperta, perché il mondo concepisce le tombe solo per coloro che sono morti. Ma il mondo non sa che esiste anche una tomba per chi ancora è in vita ma ha perso il proprio diritto a vivere come un...
(70)

Leggi tutto: Striscia di...

di Giorgio Cafiero  – 13 luglio 2019 Da metà del 2014 la Libia è impantanata in una guerra civile che mette il Governo di Accordo Nazionale (GNA) di Tripoli riconosciuto dall’ONU contro un’amministrazione rivale di Tobruk, la Camera dei Rappresentati (OhR) che è alleata dell’Esercito Nazionale...
(57)

Leggi tutto: ...

Israele sta isolando le università palestinesi costringendo gli studiosi internazionali a lasciare le loro posizioni accademiche nella Cisgiordania occupata. Due gruppi palestinesi per i diritti umani, nonché l’Università Birzeit, chiedono a Israele di eliminare le restrizioni che impediscono agli...
(52)

Leggi tutto: Israele isola...

Interventi

di Dareen Tatour La poetessa palestinese Dareen Tatour riflette sul periodo trascorso in una prigione israeliana dove ha conosciuto Shorouk Duyat, una palestinese di Gerusalemme condannata per un tentato attacco a un israeliano nel 2015. MondoWeiss, 07.02.2019...
(494)

Leggi tutto: La...