Sarah AlgherbawiThe Electronic IntifadaGaza Strip 8 February 2017

Wala, 16 anni, trova sempre un posto lontano dalle finestre.

La ragazza è una studentessa della scuola secondaria Hayel Abdul Hamid a Beit Hanoun , una struttura delle Nazioni Unite nel nord della Striscia di Gaza . Ha sviluppato la fobia dello stare seduta vicino alle finestre, per paura , ha detto a The Electronic Intifada,  dei proiettili vaganti.

La sua paura è fondata.  Beit Hanoun si trova vicino al confine di Gaza con Israele, e il muro di cemento che segna questo confine è visibile dalla scuola di Wala. In tali aree, i colpi d’arma da fuoco israeliani sono molto comuni ed i morti frequenti. Solo essere così vicini (al confine) è un pericolo mortale poiché  i soldati israeliani fanno di tutto per mantenere aree abbastanza estese senza residenti, agricoltori o chiunque altro cerchi di avvicinarsi.

Le sparatorie vicino al confine sono particolarmente violente, il Ministero della Pubblica Istruzione di Gaza è costretto ad evacuare le scuole delle zone colpite. Secondo Muhammad Nasser, che lavora al Ministero dell'Istruzione di Gaza,  nella sola Beit Hanoun ci sono quattro scuole, tra cui la Hayel Abdul Hamid, che si trovano in una cosiddetta  posizione ad alto rischio -  cioè entro 1.000 metri del confine.

Si tratta di "Zone ad Accesso Limitato" – secondo il linguaggio delle Nazioni Unite - imposto dai militari israeliani, di solito con la forza.

Wala è rimasta anche traumatizzata durante l'offensiva militare israeliana del 2014 e il bombardamento  della scuola elementare di Beit Hanoun.

Lei e la sua famiglia si erano rifugiati presso la scuola amministrata dall' UNRWA , l'agenzia delle Nazioni Unite per i profughi palestinesi, insieme a centinaia di altri civili dalla zona, quando questa  fu  attaccata il 24 luglio del 2014.

"Ogni volta che vengo a scuola mi ricordo la paura che provai quel giorno", ha detto Wala, solo il rumore dei carri armati israeliani che si muovono in lontananza la fa sentire come se  "la morte mi stesse inseguendo."

Il bombardamento è stato successivamente condannato come una "violazione delle leggi di guerra" da Human Rights Watch. Tredici persone sono state uccise, tra cui sei bambini.

Paura Razionale

Samira al-Zaneen, insegnante di Wala, ha detto che la ragazza era una studentessa molto brava, ma che i suoi voti ne hanno risentito da quel giorno fatale.

"Ogni volta che sente spari, si mette a piangere e chiama  la madre. Cerchiamo di calmarla, ma alla fine dobbiamo mandarla a casa. Lei sta regredendo a causa della paura di ciò che gli israeliani fanno sui nostri confini ".

Muhanna al-Masri, un consulente scolastico, ha scritto e distribuito una guida educativa  per contribuire ad aumentare la consapevolezza tra gli studenti e le loro famiglie e aiutarli ad affrontare la paura e lo stress di cui molti soffrono.

"I bombardamenti continui e le sparatorie da parte degli israeliani, causano un sacco di paura e stress tra gli studenti", ha detto al-Masri. Per far fronte a questo, ha elaborato programmi per aiutare gli studenti ad affrontare la situazione  in vari modi che vanno da semplici gite al mare a sedute di supporto psicologico.

Al-Masri è convinto che nel corso del tempo la scuola potrebbe aiutare Wala e contribuire ad alleviare le sue paure. Naturalmente, ha aggiunto, c'è solo questo che possiamo fare: la paura, in  ultima analisi, è razionale e è dovuta alla “costanza, frequenza e gravità della violenza israeliana" lungo il  confine.

Wala stessa ha detto che il sostegno della scuola era di aiuto. "Sto iniziando ad adattarmi", ha detto a The Electronic Intifada. Ancora, "Ogni volta che sento carri armati in movimento, inizio a tremare. E quando la sparatoria inizia, non riesco a controllare i miei nervi. Non so il motivo per cui mi accade questo."

La vicinanza ai confini di Gaza e la violenza hanno sempre un certo effetto sui giovani. Ma non è sempre lo stesso. Un po’ più a sud di Beit Hanoun si trova  Shujaiya , un sobborgo di Gaza City, in zona vicino al confine e luogo di uno dei peggiori massacri  dell’assalto del 2014.

Qui, fratelli gemelli Ahmad e Muhammad, di 15 anni, hanno ottimi risultati presso la scuola Martiri di Shujaiya anche se la loro casa è stata distrutta nel bombardamento israeliano e la famiglia di nove persone, adesso vive in un alloggio in affitto.

A differenza di Wala, questi fratelli non sono turbati dai rumori dei carri armati dell'esercito israeliano e dagli aerei. Sono determinati ad andare avanti a indipendentemente dai rumori e dalle difficoltà.

"Se la nostra tenacia nell’ottenere un’educazione disturba l'occupazione, arriveremo ad avere un’educazione al più alto livello possibile", ha detto Muhammad. "Spero di diventare un ingegnere per combattere l'occupazione a modo mio e per ricostruire la nostra casa distrutta."

A scuola lungo la linea di fuoco

Per i gemelli è  comunque una strada in salita e per più di una ragione. Le scuole lungo i confini di Gaza non possono stare aperte a tempo pieno perché devono essere chiuse durante i frequenti episodi di violenza.

Per compensare, Muhammad e Ahmad usano quei giorni per studiare a casa e rimangono in contatto con i loro insegnanti per evitare interruzioni troppo lunghe.

Le scuole stesse cercano di garantire che  l’interruzione sia minima. Sono stati elaborati programmi speciali per garantire la sicurezza degli studenti nei momenti di emergenza, ha detto il direttore della scuola Abdullah Abd al-Jalil. Questi sforzi coinvolgono sia il Ministero dell'Istruzione che il servizio di protezione civile.

"I programmi insegnano  a studenti, genitori e famiglie come si devono svolgere le procedure di sicurezza relative all’ evacuazione."

Questi  programmi cercano di preparare gli studenti ad anticipare le molte variabili che possono dover fronteggiare durante gli episodi di violenza, incluse  artiglieria e armi da fuoco. Gli aspetti sono molteplici: le finestre in frantumi ed i vetri rotti, l'acqua può scarseggiare quando le forze di occupazione israeliane come furie distruttive danno fuoco ai serbatoi d'acqua sui tetti delle scuole o danneggiano i pozzi e le infrastrutture, gli edifici possono oscillare  e le pareti creparsi e poi  c'è sempre la possibilità del panico tra gli studenti .

Ma non si può fare molto per un settore che lavora sotto una fortissima pressione e contro ogni possibilità di previsione. Durante l'offensiva israeliana del 2014, più di 220 scuole hanno subito  danni - per lo più scuole governative, ma anche circa 70 scuole delle Nazioni Unite - secondo Ziad Thabet, un ufficiale del ministero dell’istruzione.

Ventisei scuole sono state completamente distrutte nel 2014, ha detto il funzionario, anche se da allora sono state ricostruite, poiché sono ritenute prioritarie nel processo di ricostruzione e nonostante le restrizioni israeliane all'ingresso di materiali da costruzione.

Migliaia di studenti rimangono troppo tempo senza casa, Thabet ha osservato, soprattutto nelle zone settentrionali vicino i confini di Gaza, e tutti questi fattori hanno messo il settore dell'istruzione a dura prova.

"Noi facciamo quello che possiamo", ha detto Thabet. "Cerchiamo di ricostruire."

In tutto, 85 scuole si trovano all'interno o in prossimità di aree di confine di Gaza, secondo Muhammad Nasser, che dirige il dipartimento di pianificazione e studi presso il ministero dell'istruzione. Cinque di queste sono a 1.000 metri dal confine ed in zone ad alto rischio.

Ci sono ancora aspirazioni

Tutte queste scuole sono obbligate a seguire le procedure di evacuazione, lasciando l’educazione 45.000 studenti soggetta ad interruzioni regolari. Non ci sono condizioni prescritte in base alle quali una determinata scuola sarà chiusa o evacuati, ha detto Nasser a The Electronic Intifada. Le decisioni sono del tutto subordinate alla situazione della sicurezza giorno per giorno.

Delle cinque scuole ad alto rischio, quella dei Martiri  di Khuzaa, villaggio nei pressi di Khan Younis, è forse la più vicina al confine, sta a circa 500 metri di distanza.

La scuola è stata danneggiata in precedenti attacchi israeliani, ma è stata riparata a sufficienza per poter riaprire. E ancora, dalle finestre rotte a causa delle armi da fuoco entrano le piogge invernali, e una studentessa, Mariam, di 16 anni , è scoppiata in lacrime quando la borsa è caduta  in una pozza d'acqua in classe.

La sostituzione dei vetri delle finestre è abituale  per i dirigenti scolastici, mentre i danni alle pareti ed ai pavimenti delle aule vengono  riparati meno.  Le pozze d'acqua sono comuni, la scuola è al freddo e l'umidità è un problema.

Molti insegnanti e alunni accusano l'esercito israeliano di colpire intenzionalmente le finestre in inverno proprio per distruggere la vita scolastica.

Ci sono 13 scuole nei distretti orientali di Khan Younis a ridosso della zona di confine, secondo Said Harb della Direzione Istruzione Khan Younis. Questi servono oltre il 20 per cento degli studenti del distretto, o comunque 20.000 bambini, ha detto Harb. Alcune di queste aree - come al-Fukhara e Qarara - sono scarsamente costruite e hanno poca vegetazione che offre una protezione limitata dagli spari, ha detto Harb.

Mariam fa in modo che la situazione precaria non abbia influenza sui  suoi voti. Lei continua ad essere brava e studia tanto. Come Muhammad, uno dei due gemelli di Shujaiya, vuole diventare un ingegnere per ricostruire Gaza.

"Non rinunceremo mai  e continueremo a studiare e a lottare contro l'aggressione, la povertà e tutti gli altri ostacoli fino a quando raggiungiamo le nostre speranze e gli obiettivi", ha promesso la giovane.

Sarah Algherbawi è una scrittrice freelance e traduttrice da Gaza.

https://electronicintifada.net/content/learning-line-fire/19476

Tradotto da Marina Maltoni per Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus.