Un libro di Yakov M. Rabkin, russo-ebreo ora canadese, professore al Dipartimento di Storia dell’Università di Montreal, pubblicato nel 2006


Associare gli ebrei allo Stato di Israele è un riflesso quasi automatico. "Stato degli ebrei" e "Stato ebraico" sono diventate espressioni di uso corrente. Tuttavia, tra i sostenitori incondizionati di Israele, ci sono più cristiani che ebrei. Il libro spiega questo paradosso apparente e mette in evidenza un fenomeno poco conosciuto, tanto agli ebrei quanto ai non ebrei: l’opposizione al sionismo espressa in nome della Torah e della tradizione ebraica. Questa opposizione è tanto più significativa in quanto non può essere in nessun caso definita antisemita, contrariamente ai recenti tentativi di assimilare ogni antisionismo all’antisemitismo.
L’opposizione ebraica all’esistenza stessa dello Stato d’Israele è un fenomeno spesso occultato, addirittura censurato. Attraverso una documentata ricostruzione storica, Rabkin, riesce a mostrare quanto grave sia la posta in gioco per l’insieme del popolo ebraico, ancor più oggi che lo Stato sionista cerca di imporre la propria egemonia politica e militare sulla regione, configurando una minaccia per gli ebrei ancora più fondamentale dell’ostilità araba e palestinese.


Indice del volume
Prefazione di Joseph Agassi
Capitolo primo: Alcuni elementi introduttivi
1. Secolarizzazione e assimilazione
2. La Storia come campo di battaglia
3. Antisionisti e non sionisti

Capitolo secondo: Una nuova identità
1. Dal messianismo al nazionalismo
2. La nascita dell'ebreo laico
3. Una trasformazione incompleta
4. L'ebreo tradizionale, l'ebreo laicizzato, l'israeliano
5. L'ebraico moderno e l'identità laica

Capitolo terzo: La Terra di Israele tra l'esilio e il ritorno
1. Trasgressione ed esilio
2. Prudenza messianica
3. Idea sionista
4. L'impresa sionista

Capitolo quarto: Il ricorso alla forza
1. Pacifismo codificato
2. Gli ebrei di Russia: frustrazione e violenza
3. Fierezza e autodifesa
4. Nazionalismo ambivalente
5. Vittorie di Israele
6. Alle origini del terrorismo

Capitolo quinto: I limiti della collaborazione
1. Resistenza al sionismo in Terra Santa
2. Il rifiuto del sionismo nella diaspora
3. Rapporti con lo Stato
4. Lo Stato e il giudaismo

Capitolo sesto: Il sionismo, la Shoah e lo Stato di Israele
1. Le cause della catastrofe
2. I sionisti di fronte alla Shoah
3. Slancio di rinascita o continua distruzione?

Capitolo settimo: Profezie di distruzione e strategie di sopravvivenza
1. Lo Stato di Israele nella continuità ebraica
2. Il dibattito pubblico e i suoi limiti
3. Promessa o minaccia?

fShare
0