+972, 21.01.2015

http://972mag.com/report-details-idf-double-tap-bombings-that-hit-first-responders-in-gaza/101627/

Uso di scudi umani, attacchi a squadre di medici e ospedali, spari contro civili che portavano bandiere bianche. Un nuovo rapporto di "Medici per i diritti umani", redatto da una squadra internazionale di esperti medici, documenta testimonianze scioccanti delle vittime e presenta nuove prove sull'operazione 'Bordo protettivo' a Gaza.

di Haggai Matar

Funeral for the 26 members of the Abu Jame' family, who were killed the previous day during an Israeli attack over the Bani Suhaila neighborhood of Khan Younis, Gaza Strip, July 21, 2014. Reports indicate that 18 of the 24 killed were children of Abu Jame'  family. Israeli attacks have killed 550 Palestinians in the current offensive, most of them civilians. (Basel Yazouri/Activestills.org)

Funerale dei 26 membri della famiglia  Abu Jame’, uccisi il giorno precedente nel corso di un attacco israeliano nel quartiere di Bani Suhaila a Khan Younis, striscia di Gaza, il 21 luglio 2014. (Basel Yazouri/Activestills.org)

La cosa che più mi ha scioccato leggendo il nuovo rapporto su Gaza redatto da esperti internazionali è stata la strategia di attacco israeliana dei "due colpi". Di altre pratiche emerse nell'inchiesta si era già scritto, anche durante la guerra nota come 'operazione bordo protettivo', qui su +972. Abbiamo parlato degli spari sui civili nel quartiere di Khuza, dell'uso di scudi umani, della distruzione di ospedali, di come gli abitanti di Gaza non avessero un posto sicuro dove rifugiarsi, delle dozzine di famiglie semplicemente cancellate, e altro ancora. Ma il "doppio colpo" era una cosa ancora sconosciuta.

La squadra di esperti medici che ha redatto il rapporto ha visitato Gaza tre volte come delegazione di 'Medici per i diritti umani' (Physicians for Human Rights - PHR). Hanno raccolto testimonianze da dozzine di feriti e da personale medico, documentando le terribili azioni dell'esercito durante la guerra. Almeno 15 persone hanno descritto casi in cui l'esercito ha bombardato un obiettivo, e poi, dopo una breve pausa o subito dopo, lo ha bombardato di nuovo. Le conseguenze di questa pratica sono particolarmente letali: i familiari, vicini, passanti o squadre mediche di emergenza sopraggiunti  per soccorrere i feriti e estrarre i corpi dalle macerie, bombardati a loro volta, vengono uccisi o feriti.

Il rapporto completo (in inglese) è  disponibile a questo indirizzo

“Si tratta di un fenomeno diverso rispetto al cosiddetto 'roof tap' ('bussare sul tetto') ", spiegano gli autori del rapporto, che parlano in un'altra sezione della pratica dei colpi di avvertimento di tipo 'roof tap', fatti con piccole bombe che non sono concepite per distruggere gli edifici. Il "doppio colpo" è un'altra cosa. Agli israeliani fa tornare in mente alcuni nostri traumi, come il doppio attentato suicida di Beit Lid e altri attacchi che hanno usato la stessa tecnica. Secondo la squadra di esperti,  l'esercito israeliano a Gaza si è comportato nello stesso modo. 

A destroyed quarter in Shujaiyeh neighborhood in the east of Gaza City, during a ceasefire, July 27, 2014. (Photo by Anne Paq/Activestills.org)

Un quartiere distrutto nella zona di  Shujaiyeh, zona est di  Gaza City, fotografato durante un cessate il fuoco il 27 luglio 2014. (Photo by Anne Paq/Activestills.org)

La Mezza Luna Rossa attribuisce alla pratica del "doppio colpo" una buona parte delle vittime e dei feriti fra il suo personale medico. In totale 23 operatori medici, di cui 16 in servizio, sono stati uccisi durante la guerra, e altri 83 sono stati feriti. Secondo gli esperti, 45 ambulanze sono state danneggiate negli attacchi, inclusa una stazione di ambulanze, 17 ospedali e 56 cliniche sono stati interamente distrutti o danneggiati. E tutto questo dopo che le Nazioni Unite avevano trasmesso a Israele le coordinate esatte di tutte le infrastrutture mediche nella Striscia.

L'importanza di questa inchiesta condotta da esperti internazionali era già evidente a PHR durante la guerra. "Abbiamo aperto numeri di emergenza disponibili 24 ore al giorno, ricevendo chiamate di persone che avevano bisogno di essere evacuate verso un ospedale", dice Mahmoud Abu Arisha, uno dei direttori di PHR nel dipartimento dei territori occupati. “Le famiglie erano intrappolate nelle loro case dagli spari all'esterno. Hanno perso parenti stretti senza poter andare a soccorrerli. Chiamavamo regolarmente l'ufficio di contatto dell'esercito israeliano ma sentivamo che non ci ascoltavano e che non capivano quello che dicevamo. L'impressione era che il nostro intervento fosse totalmente inutile."

L'inutilità dei loro tentativi di assistere i feriti a Gaza ha condotto PHR ad invitare gli esperti (la lista dei membri della squadra è riportata sotto), che sono entrati per la prima volta a Gaza durante il conflitto, e vi sono tornati due volte dopo la guerra.  Hanno anche intervistato feriti di Gaza ricoverati in Israele, Nablus e Amman.

Nel loro rapporto gli esperti scrivono che il 64% dei 68 feriti intervistati  è stato ferito nella propria abitazione o in quella di vicini o parenti. Un altro 28% mentre cercava di scappare. La maggior parte ha descritto una situazione impossibile in cui sono stati attaccati senza alcun avvertimento, oppure nonostante gli avvertimenti non hanno avuto possibilità di fuga, poiché gli avvertimenti erano un pò ovunque a Gaza o perché le vie di fuga erano bloccate. Come ha scritto Mahmoud Ismail sul nostro sito in lingua ebraica Local Call, durante i combattimenti gli abitanti di Gaza potevano fare ben poco per salvarsi la vita.

Secondo il rapporto, oltre 2100 palestinesi sono stati uccisi durante la guerra, 70% dei quali erano civili non coinvolti nei combattimenti, oltre a 67 soldati israeliani e 6 civili, fra i quali un bambino. Fra le vittime palestinesi oltre 500 erano minorenni, secondo dati delle Nazioni Unite citate nel rapporto, e almeno 142 famiglie hanno perso almeno tre dei loro membri in singoli attacchi alle loro abitazioni. L'esercito non ha fornito nessuna spiegazione sul cambiamento di politica riguardo all'assassinio di intere famiglie, una practica bandita in passato salvo circostanze eccezionali. Durante 'Bordo protettivo' è stata una pratica comune.

Palestinians gather around a fire in the at-Tuffah district of Gaza city, which was heavily attacked during Israel’s latest offensive, Gaza City, September 6, 2014. The family of eight returned to their home, which is in danger of collapse due to the damage. Their home, like all the buildings in the area, is neither connected to the electricity or water infrastructure. (Photo by Anne Paq/Activestills.org)

Palestinesi riuniti attorno a un fuoco nel quartiere  di at-Tuffah a Gaza city, pesantemente attaccato durante l'ultima offensiva israeliana a Gaza, il 6 settembre 2014. La famiglia di otto persone è tornata nella propria casa, che rischia di crollare a causa dei danni. La casa, come tutte le altre nella zona, non è connessa alla reta elettrica e a quella idrica.  (Foto di Anne Paq/Activestills.org)

Un'intera sezione del rapporto è dedicata all'inchiesta sull'intensa operazione militare nel quartiere di Khuza il 23 luglio. Quel giorno, alcune centinaia di abitanti, che avevano ignorato i precedenti ordini dell'esercito di abbandonare il quartiere, decisero che dovevano trovare il modo di riparare in un posto più sicuro tutti assieme. Si mossero in gruppo sventolando bandiere bianche. Ma i soldati aprirono il fuoco colpendo dozzine di persone. Secondo il rapporto, una ragazza sedicenne su una sedia a rotelle è stata uccisa nella sparatoria. 

In un altro episodio di pochi giorni dopo, soldati israeliani hanno occupato una casa nel quartiere e ucciso il padre di famiglia, secondo la testimonianza di altri membri della famiglia. Dopodiché i soldati hanno obbligato gli altri uomini della famiglia a stare di fronte alle finestre; i soldati stavano dietro di loro con i fucili appoggiati sulle loro spalle, e sparavano usandoli come scudi umani.  Le testimonianze complete di questi due casi sono pubblicate nel seguito. L'esercito israeliano sta indagando sull'uso di un altro ragazzo palestinese come scudo umano, episodio reso noto da Samer Badawi di +972.

Medics at the Al-Shifa hospital mourn their colleague targeted and killed in Shejaiya neighbourhood earlier today, Gaza Strip, July 20, 104. Spokesman of the Palestinian ministry of health Ashraf al-Qidra said rescue teams evacuated more than 80 dead bodies from destroyed houses in Shejaiya including 17 children, 14 women and 4 elderly people. More than 200 injured people were taken to al-Shifa Hospital. Death toll in the Gaza Strip accedes 392 with over 2650 wounded since the beginning of the Israeli offensive. (Anne Paq/Activestills.org)

Medici dell'ospedale al-Shifa piangono un loro collega ucciso da cecchini nel quartiere di Shejaiya poche ore prima, Striscia di Gaza, 20 luglio 2014. (Anne Paq/Activestills.org)

“Il dibattito su Gaza spesso si limita alla questione se ci siano o meno crimini di guerra, ma per quanto mi riguarda non è questo il punto, dice il direttore dell'ufficio comunicazione di PHR Israele Hadas Ziv. “La domanda più importante è perché diamo per scontato che tutto questo si ripeta ogni due anni. La conclusione del rapporto, secondo me, e che non si deve aggiustare qualcosa qui o là nel modo di agire dell'esercito, ma che dobbiamo prevenire la prossima guerra. Vorrei che pensassero a quello che stanno facendo alla gente laggiù e alle conseguenze per i nostri soldati quando decidono di andare in guerra.

Nel pubblicare il rapporto, PHR ha chiesto al primo ministro Benjamin Netanyahu di nominare una commissione di inchiesta ufficiale per esaminare le azioni dell'esercito a Gaza. Il portavoce dell'esercito non ha fornito risposte al rapporto al momento della sua pubblicazione. 

Testimonianza di un paramedico su come l'esercito israeliano abbia sparato sulla sua ambulanza (raccolta da PHR, arabo/inglese):

La squadra internazionale di esperti medici che hanno redatto il rapporto è composta da: Dr. Jutta Bachmann, esperta di medicina forense, riabilitazione e salute pubblica; Prof. Laurel Baldwin-Ragaven, esperta di salute pubblica, diritti umani, e impatto psicosociale dei conflitti; Hans Petter Hougen, un patologo legale; Dr. Karen L. Kelly,  esperta di patologia legale e cardiovascolare;  Dr. Jennifer Leaning, professoressa di salute e diritti umani e veterana delle inchieste sui diritti umani; Dr. Önder Özkalipci, esperto di medicina forense; Dr. Louis Reynolds, esperto di medicina intensiva pediatrica; Alicia Vacas, infermiera.

Testimonianza (pag. 82): Spari su civili che sventolano bandiera bianca

Quella mattina, molte delle persone rimaste in città hanno preso una decisione collettiva, che sarebbe stato più sicuro riunirsi in un'area comune e lasciare la città in un grande gruppo, camminando assieme e sventolando bandiere bianche per mostrare di essere civili. Le persone si sono messe in contatto per telefono e alcuni ragazzi sono stati mandati nelle case dove la gente si rifugiava per informarli della decisione.

Secondo Samia Abu Daka, che ha partecipato alla marcia, c'erano 500 persone. Altre testimonianze indicano numeri maggiori, fino a 3000. Hanno lasciato l'area della clinica alle 07:30, tenendo lenzuola bianche, vestiti attaccati ad aste, o qualunque altra cosa bianca, anche sacchetti di plastica, e si sono incamminati nella strada principale che divide la città e a ovest porta a Khan Younis, urlando ‘in pace, in pace’.

Il gruppo si è avvicinato ad alcuni tanks e soldati. Secondo il Dr. Kamal Qdeih, che era nella prima fila del gruppo con sua moglie, il nonno e i bambini, hanno sentito un annuncio al megafono che diceva: “Dovete tornare indietro, non avete il permesso di lasciare l'area". C'erano soldati e cecchini sui tetti e dentro le case lungo la strada, e venne aperto il fuoco sul gruppo.  Il Dr. Qdeih dice di aver visto soldati israeliani armati che sparavano sul gruppo.

Secondo il Dr. Qdeih, circa 31 persone sono state ferite da pallottole o schegge.

...

Una parente del Dr. Qdeih, una ragazza sedicenne disabile, costretta su sedia a rotelle con disturbi convulsivi, è rimasta sola quando sono iniziati gli spari. Suo fratello spingeva la carrozzina nel gruppo ma di fronte agli spari è scappato lasciandola sola. Più tardi il Dr. Qdeih ha cercato di farla evacuare tramite la Croce Rossa.  Ma era morta e la famiglia ha trovato il suo corpo carbonizzato per la stada il primo agosto 2014.

Testimonianza (pag. 89): Esecuzione di un civile, scudi umani

Il padre di Ramadan ha aperto la porta principale della casa, pensando che i soldati fossero lì fuori, ma erano già entrati alle sue spalle, attraverso la porta secondaria.  È stato ordinato al padre di Ramadan di girarsi dalla porta principale, cosa che ha fatto. Quando ha cominciato a salire i pochi scalini fra le due porte in direzione dei soldati, un soldato gli ha sparato due volte al petto da una distanza di circa due metri. I proiettili hanno attraversato il suo petto e i vetri della porta di ingresso. È morto sul colpo davanti ai suoi familiari.

...

I ragazzi giovani sono stati portati al secondo piano. I soldati israeliani avevano tolto i vetri dalle finestre che danno sulla strada. Due dei ragazzi sono stati messi di fronte alle finestre aperte in ogni stanza. I soldati hanno appoggiato le canne dei fucili sulle spalle dei ragazzi e cominciato a sparare verso l'esterno. Non sparavano di continuo, ma di tanto in tanto per circa un'ora.  Nel frattempo i soldati ridevano e scherzavano. Le canne dei fucili venivano messe alternativamente sulla spalla destra o sinistra di Ramadan (probabilmente lo stesso avveniva agli altri) e a Ramadan è stato ordinato di rimanere completamente immobile. Tutto questo è durato circa 8 ore, durante le quali a Ramadan non è stato offerto né cibo né acqua.  

 Traduzione di Giacomo Graziani per l'Associazione di Amicizia Italo-Palestinese Onlus, Firenze