Le cerf-volant   L’aquilone

regia di Randa Chahal Sabag

 

Film.  Colore.  Durata: 80’ .  Libano/Francia 2003 . Attori: Flavia Bechara, Maher Bsaibes, Randa Asmar,  Reneé Dick. DVD in lingua araba e sottotitoli in francese e in italiano.

                                                              lecerfvolant2ab

Le cerf-volant è una storia di confine, di amore e libertà negata, lieve e fragile come l’aquilone che si libra in volo scavalcando reticolati e posti di blocco. In un villaggio libanese ai confini di Israele, in cui le famiglie divise si parlano con il megafono da dietro il confine recintato, vive una bella ragazza dagli occhi olivastri e luminosi di nome Lamia.

L’esistenza della ragazza non è soltanto segnata dal minaccioso confine imposto dai soldati e dal filo spinato. C’è un altro confine da varcare, quello impalpabile e doloroso del passaggio dall’adolescenza alla vita adulta, viaggio inevitabile in cui bisognerà sconfessare le illusioni dell’infanzia come prezzo di ingresso per essere ammessi nella società degli adulti.

Un matrimonio combinato dai genitori con un cugino che è un perfetto estraneo rappresenta una violenza intollerabile per una ragazzina adolescente che si stupisce ancora della vita. E poi il suo cuore batte per il giovane soldato che tutti i giorni la osserva da dietro le lenti complici del cannocchiale. Il loro è un amore candido, fatto di sguardi fugaci e di distanze incolmabili. Nella logica spiccia delle famiglie, il matrimonio coatto con il cugino è forse l’unico modo per riscattarsi dalla miseria dell’esistenza. In Israele l’attende un futuro migliore. Così attraversare quel confine significa oltrepassare la terra di nessuno, la regione senza nome al di là della quale ci si accorge di aver perso irrimediabilmente lungo il cammino l’innocenza dell’infanzia……..

La sequenza finale, con la sua deriva onirica e liberatoria, è un canto alla forza incorporea dell’amore che riesce ad attraversare il muro dell’odio librandosi in alto, più in alto dell’aquilone, che giace inerte tra le mine come un uccello ferito.

fShare
0