Gaza. La delegazione italiana SOS Gaza è arrivata al valico di Rafah che resta chiuso. I feriti palestinesi continuano a morire, inclusa Dima di soli tre anni.

La delegazione italiana 'SOS Gaza' organizzata dal Forum Palestina, è giunta questa mattina al valico di Rafah nel tentativo di entrare nella Striscia di Gaza per consegnare all'ospedale Al Awda i fondi raccolti in Italia nelle ultime settimane. Al momento il valico di Rafah resta ancora chiuso. La delegazione è dovuta tornare a Al Arish dove ci sono anche altre delegazioni internazionali che attendono di entrare a Gaza.
La delegazione aveva visitato lunedi i palestinesi feriti nei recenti bombardamenti israeliani a Gaza ricoverati all'ospedale Palestine del Cairo. Molti feriti hanno dovuto subire le amputazioni degli arti ed altri mostrano terribili ustioni dovute all'uso di armi al fosforo da parte di Israele. La delegazione si è incontrata con i medici della Mezza Luna Rossa che hanno offerto un quadro devastante dell'emergenza sanitaria e umanitaria a Gaza. La delegazione ha reso noto nel pomeriggio di ieri che altre due persone sono morte durante il giorno in Egitto a causa delle ferite riportate nella Striscia durante la campagna di bombardamenti nota come operazione 'Piombo Fuso'. Una bambina di soli tre anni, Dima (nella foto),  gravemente ferita che era stata visitata l’altro ieri all'ospedale Palestine del Cairo dai venti italiani, attivisti del Forum Palestina e medici e educatori, è morta durante il pomeriggio, ci ha informati Mila Pernice che fa parte della delegazione. Sale così a 1455 il numero delle vittime, per la maggior parte civili palestinesi, dell'offensiva israeliana.  L'aviazione israeliana ha bombardato oggi a piu' riprese nel sud della Striscia di Gaza, ferendo sei persone. Lo hanno reso noto medici palestinesi. Secondo alcuni testimoni, i caccia di Tel Aviv hanno compiuto almeno sette raid. Un portavoce di Tsahal ha confermato che l'aviazione ha compiuto sei raid nei pressi di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, ''in risposta alla raffica di razzi lanciati la scorsa settimana''. I soldati israeliani hanno anche sparato contro alcuni contadini palestinesi nella città di Al-Farrahin, ad est di Khan Younis, costringendoli ad abbandonare il proprio lavoro nei campi.

4
marzo 2009

www.forumpalestina.org
fShare
0